close
no thumb

Boom del mercato dei sigari di qualità.
L’Italia settimo mercato mondiale e a Milano sorge il tempio dedicato a tutti gli estimatori più raffinati

L’Italia, settimo mercato al mondo per i sigari cubani, e certamente tra i più giovani della new age del fumo di qualità, può definirsi il precursore di una iniziativa esclusiva. Il primo club di “Casa del Habano” al mondo, il noto franchising delle boutique del fumo di qualità di proprietà dell’azienda di Stato cubana sorge a Milano, tra le mura della Casa del Habano meneghina, la seconda nata in Italia ed una delle prime al mondo per dimensioni e struttura. Proprio in questa sede, sfruttando una più che discreta esperienza di club avuta negli anni precedenti, alcuni appassionati provenienti dal mondo professionale ed imprenditoriale milanese, hanno ottenuto il tanto agognato assenso da Diadema, il distributore esclusivo per l’Italia di sigari Cubani, e dalle eminenze grigie di Cuba. 

“Casa del Habano Cigar Club Milano” diventa una realtà concreta, godibile, sin dal mese di aprile di quest’anno. Non parliamo però, di un club nel senso tradizionale del termine. I soci di Casa del Habano Cigar Club Milano non si troveranno per condividere normali serate o normali fumate. Questo genere di club, infatti, esiste già da tempo in Italia, ma per certi versi non riusciva a soddisfare le esigenze particolari degli appassionati. I sigari cubani sono un prodotto di prestigio. Rappresentano quanto di più esclusivo, in termini di tabacco, esista al mondo. La loro reperibilità, specie in Italia, è molto cresciuta negli ultimi anni grazie all’opera capillare del distributore e al coraggioso impegno economico di molti tabaccai che sono andati via via specializzandosi. Naturalmente non tutti i tabaccai dispongono di un assortimento comprensivo delle circa duecento referenze attualmente vendute in Italia, ma non è azzardato affermare che, in ognuna delle maggiori città del nostro paese, non è più un’utopia pensare di trovare dei buoni sigari cubani, conservati come si deve e commercializzati con professionalità. Ma negli anni appena trascorsi, il marketing di Habanos S.A., l’azienda di stato cubana titolare di tutte le marche, non è stata certo a guardare e cavalcando l’onda di una moda sempre più diffusa, ha indirizzato il lavoro dei suoi migliori “alchimisti” nella preparazione di edizioni limitate, straordinarie per qualità e prestigio. Queste edizioni limitate, naturalmente, non avrebbero mai potuto essere distribuite attraverso i canali tradizionali di vendita, vuoi per la loro rarità che renderebbe impossibile soddisfare ogni richiesta, vuoi per i costi, in taluni casi davvero rilevanti, che indirizzavano il prodotto verso una nicchia di collezionisti ed esperti non certo numerosi. Le boutique Casa del Habano nel mondo disponevano però di tutti i requisiti necessari: ambiente prestigioso, clientela anche di nicchia, risorse economiche necessarie a sostenere gli investimenti richiesti da questo tipo di prodotto. Ed ecco la vera novità. Un cofanetto di Partagas Sobresalientes, ad esempio, edizione limitatissima di un formato da tempo scomparso e riproduzione fedele dell’unica confezione originale, commercializzata agli inizi del secolo scorso, viene riproposto in soli duecento esemplari per tutto il mondo. Non è difficile intuire, vista la domanda, che saranno pochissimi collezionisti al mondo a poter diventare proprietari di una confezione così rara e costosa e, certamente, costoro non fumeranno alcuno dei sigari per evitare il deprezzamento del prodotto, destinato, tra qualche anno, alle aste di Christiès a Londra. Il Club milanese acquisterà, grazie alla partnership con Casa del Habano, almeno una di queste confezioni ed organizzerà una degustazione collettiva con i propri soci. Questo permetterà a tutti i membri, peraltro strettamente selezionati del club, un’esperienza degustativa unica al mondo perché nessuno, al di fuori dei collezionisti più importanti, avrà mai l’opportunità di poter anche solo toccare un sigaro come questo.E naturalmente quello del Partagas Sobresalientes è solo uno dei rarissimi sigari che passeranno tra le mani dei soci del Club. Non mancheranno infatti gli Hupmann Magnum Especiales confezionati nel rarissimo “Libro”, i Maravillas di Montecristo, il Tor Iznaga di Trinidad (quest’ultimo già battuto in asta), e molti altri, il tutto accompagnato da cene di alto livello e vini di alto profilo secondo un programma disponibile presso Casa del Habano a Milano.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen