close
Eventi biz

La filosofia della “dis-continuita'” chiave di volta per il successo dell’ impresa

dis_continuita

Il tema principe del Marketing Forum 2008: conservare la propria identità puntando sull’innovazione in un’epoca di importanti cambiamenti. Progetti, iniziative e riflessioni in programma al meeting organizzato a maggio a Milano da Richmond Italia

La discontinuità intesa come chiave per affermare la continuità delle strategie. Partendo dai grandi mutamenti che stanno caratterizzando lo scenario economico mondiale, l’edizione 2008 di Marketing Forum si pone come obiettivo quello di fornire degli stimoli a coloro che si occupano di marketing e si trovano ad operare in un contesto in continua evoluzione. Il meeting annuale, che si svolgerà a Milano il 28 e il 29 maggio e sarà dedicato ai direttori marketing e comunicazione italiani e alle agenzie di servizi, quest’anno affronterà appunto il tema della discontinuità. 

Discontinuità che in primo luogo sarà riscontrabile nella location: ad ospitare la tredicesima edizione del Forum, organizzato da Richmond Italia, saranno infatti gli spazi di Superstudio Più. Dopo il simbolico Palazzo Mezzanotte che aveva fatto da cornice al Marketing Forum del 2007, quest’anno il meeting si sposterà in via Tortona, in uno spazio simbolo di imprenditorialità, la cui architettura industriale non potrà che ricordare la capacità di Milano di essere stata in grado di reinventarsi per continuare ad essere capitale della comunicazione, del design e dell’economia dell’immaginario. Proprio in questo contesto e con una veste fortemente innovativa il Forum offrirà l’occasione per discutere sui grandi mutamenti che a livello mondiale stanno interessando il contesto economico e le evidenti trasformazioni con le quali hanno dovuto misurarsi non solo la politica e il mondo del lavoro, ma anche la sfera del sociale e quella privata. Partendo da questi presupposti si arriverà a riflettere sulla dis-continuità, concetto chiave dell’edizione 2008 del Forum organizzato da Richmond Italia. È proprio attorno a questo tema che sarà sviluppato l’intero programma culturale del meeting, attraverso il quale si intende riflettere su come sia possibile mantenere la propria identità e allo stesso tempo essere innovativi anche di fronte a mutamenti così importanti che stanno caratterizzando un’epoca incerta, in quanto priva di riferimenti tradizionali. Quando si parla di grandi cambiamenti non si può non fare riferimento alle nuove realtà che hanno spostato l’asse mondiale dell’economia come i Paesi dell’Est e la Cina, un tempo realtà lontane e incomprensibili, oggi tanto vicine da influire prepotentemente sulla nostra vita, non solo professionale ma anche privata. Da qui la necessità di ripensare al futuro e al concetto di discontinuità, da intendersi come chiave per dare continuità al successo di un’impresa. Nel corso del Marketing Forum per stimolare riflessioni su queste nuove realtà e sui contesti più innovativi saranno organizzate conferenze, seminari e workshop, prestando un’attenzione particolare a diversi aspetti per fare in modo che il meeting diventi un’esperienza e un’opportunità utile anche a livello industriale e personale. A questo proposito saranno proposte sessioni e laboratori ad hoc, arricchiti anche da momenti di confronto diretto con chi ha avuto modo di entrare in contatto in prima persona con situazioni mondiali più macroscopiche: è il caso di Joe Walden, ex-colonnello della US Army, attualmente Executive Director del Supply Chain Leadership Institute, che presenterà modelli di Leadership ed Etica nel marketing dal punto di vista di chi ha creato il Centro per la gestione della distribuzione a supporto dell’operazione Iraqui Freedom in Kuwait. Un appuntamento che dunque ha tutta l’intenzione di ripetere il successo delle edizioni precedenti, riconfermandosi come il principale evento di business e aggiornamento professionale italiano dedicato alla community dei responsabili di marketing e comunicazione e dei dirigenti e titolari di aziende fornitrici di servizi. A questo si aggiunge un altro obiettivo, ovvero quello di far incontrare la domanda di idee, servizi e progetti con le potenzialità dei fornitori. Ma agli elementi tradizionali che da anni caratterizzano Marketing Forum quest’anno si unisce una novità importante: il meeting, conosciuto comunemente come la “nave del marketing” perché si è sempre svolto a bordo di una nave in mare aperto nel Mediterraneo, dopo essere sbarcato a terra per il secondo anno consecutivo, nel corso dell’edizione 2008, aprirà le porte al pubblico, presentando Digital Marketing Forum, uno spazio interamente dedicato alle nuove tecnologie e ai servizi su piattaforma tecnologica digitale. Un evento nell’evento, che avrà come finalità quella di rifl ettere sulle motivazioni per cui le aziende devono investire nel marketing digitale, partendo dall’analisi dei risultati ottenuti da coloro che hanno già fatto investimenti in questo settore e dalla presentazione di case history con dati di investimento e ritorni economici. L’evento, patrocinato da Iab Italia, sarà articolato in workshop e incontri tra exhibitor e delegate che discuteranno di tematiche inerenti al marketing digitale: il posizionamento dei siti nei motori di ricerca, la pubblicità on line, il mobile e l’Iptv (Internet protocol television). In occasione della conferenza inaugurale del 27 maggio e della chiusura del 30 maggio chiunque potrà quindi partecipare a eventi e mostre in tema. I due giorni centrali dell’evento, il 28 e il 29 maggio, conserveranno invece l’efficace formula consolidata negli anni: incontri di business tra delegate e exhibitor con conferenze, workshop e seminari per parlare di dis-continuità, e per individuare qualcosa che, pur adattandosi ai cambiamenti, sia in grado di mantenere la sua identità, ristabilendo gli equilibri tra grandi trasformazioni e tradizione.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen