close
Arte

Apre a Milano Cardi Black Box

box

Un imprenditore con una formazione in business applicato all'arte e un direttore artistico alla guida della nuova galleria Cardi Black Box di Milano. L'obiettivo di questo progetto innovativo? Dare vita ad un modello organizzativo inedito  e promuovere artisti emergenti

Si chiama Cardi Black Box ed è una nuova galleria basata su un modello organizzativo del tutto inedito, che per la prima volta sdoppia la tradizionale figura del gallerista e riunisce in un unico progetto, fondato sulla divisione dei ruoli, due figure diverse: un imprenditore con una formazione in business applicato all'arte e un direttore artistico di esperienza istituzionale. Un team giovane, ma con le idee chiare: dare riconoscimento alla qualità indipendentemente dalla provenienza o dall'età anagrafica degli artisti proposti, nella convinzione che anche uno spazio privato e commerciale possa realizzare progetti espositivi di qualità.

Dal 27 febbraio al 4 aprile Cardi Black Box avvia la propria attività nel panorama dell'arte contemporanea nella sede di Milano, in Corso di Porta Nuova 38, con una mostra dedicata alla giovane artista iraniano-tedesca Shirana Shahbazi, alla sua prima personale in Italia. Il prossimo 26 febbraio sarà inaugurata a Milano, in corso di Porta Nuova, la sede italiana della Galleria, e presto sarà la volta di Londra con l'apertura di un prestigioso spazio nel celebre quartiere di Mayfair. Con la doppia sede di Milano e Londra, Cardi Black Box vuole dare vita a un circuito virtuoso in grado di porsi a livello internazionale come centro di produzione e promozione culturale.

Cardi Black Box prende vita dall'intraprendenza di Nicolò Cardi, giovane imprenditore milanese, con una specializzazione in business applicato all'arte e alle spalle una esperienza di famiglia trentennale nel campo dell'arte, deciso a sperimentarsi in un percorso completamente autonomo, coerente con la propria personale visione del mondo dell'arte contemporanea e delle rinnovate esigenze del collezionismo. La chiave di volta di Cardi Black Box è rappresentata dalla decisione di dotare la galleria di una direzione artistica, al pari di una istituzione culturale. La direzione artistica di Cardi Black Box è affidata all'esperienza di Sarah Cosulich Canarutto, già curatrice del Centro d'Arte Contemporanea di Villa Manin e con un background professionale maturato all'interno di istituzioni pubbliche in Italia e all'estero.

La programmazione di Cardi Black Box prevede l'alternarsi di mostre di giovani artisti emergenti a quelle di figure autorevoli e riconosciute dell'arte contemporanea internazionale. Cardi Black Box darà fiducia ad alcuni giovani che, magari poco conosciuti dal mercato, hanno già presentato il loro lavoro in importanti istituzioni pubbliche. Al tempo stesso in futuro verranno presentate in galleria figure storiche il cui lavoro ha influenzato in modo importante la nuova generazione di artisti ma che spesso, paradossalmente, non sono così conosciute e riconosciute dal collezionismo.

LA MOSTRA INAUGURALE – SHIRANA SHAHBAZI
Per la sua mostra inaugurale, Cardi Black Box ha scelto Shirana Shahbazi, giovane artista di origine tedesco-iraniana, alla sua prima personale in Italia. Nata a Teheran nel 1974, Shahbazi si è trasferita in Europa giovanissima e oggi vive e lavora a Zurigo.
L'esposizione, curata da Sarah Cosulich Canarutto, presenta una selezione di circa 25 opere recenti e inedite allestite in modo da costituire un complesso intreccio di punti di vista, sovrapposizioni e collegamenti. Un insieme di fotografie ma anche alcuni dipinti ed arazzi che compongono una vera e propria installazione, uno spazio in cui la seduzione delle immagini diviene un pretesto per stimolare nel visitatore una nuova lettura della realtà. I lavori di Shirana Shahbazi, scevri di ogni significato politico, realizzano una visionaria sintesi degli opposti proponendo la costruzione continua di nuovi modi di vedere. Shahbazi lavora principalmente con la fotografia, un mezzo espressivo di cui esplora appieno le potenzialità, spingendole sino a sconfinare su altri media, quali pittura, stampa e oggetti, come ad esempio preziosissimi arazzi della tradizione iraniana. La natura morta è uno dei temi ricorrenti e degli elementi cardine della sua pratica artistica, ma l'artista si misura anche con altri generi figurativi, come il ritratto, il paesaggio e la pittura storica, mettendo in discussione la dicotomia, instaurando una profonda relazione interculturale.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen