close
Moda

A giugno collezione ‘ever green’ per l’ambiente

evergreen

Una collezione "verde" a sostegno dei progetti dell'associazione 'Green Cross International' fondata da Mikhail Gorbachev. E' in  arrivo per l'estate

Arriverà a fine giugno la collezione moda 'ever-green' a sostegno dei progetti dell'associazione 'Green Cross International' fondata da Mikhail Gorbachev. L'associazione non governativa ambientalista ha deciso infatti di essere partner di Yoox.com, boutique virtuale di moda & design multimarca nel mondo, per il lancio dell'iniziativa 'Yooxigen'. "Al pari delle grandi scelte energetiche e strategiche che gli Stati stanno compiendo – ha dichiarato Elio Pacilio, Presidente del Comitato esecutivo di Green Cross Italia – è necessaria anche una rivoluzione degli stili di vita e delle modalità di consumo, a cominciare dalla produzione e dalla scelta dei prodotti della nostra vita quotidiana. Non è casuale, quindi, che il mondo della moda senta da tempo il bisogno di applicare a 360 gradi il concetto di sviluppo sostenibile, cioè produrre, consumare e riciclare in modo che la natura riesca a sostenere il peso della nostra presenza senza arrecare danni permanenti e duraturi".

A partire da fine giugno, oltre ai prodotti eco-friendly, ci sarà un'altra novità: una speciale serie in limited edition, il cui ricavato sarà devoluto interamente a favore di Green Cross International. La collezione, chiamata 'ever-green', prevede un'edizione limitata di t-shirts per uomo e donna, disegnata da celebrità e prodotta da 'Edun Live', il brand ecologico creato da Bono Vox e sua moglie Ali Hewson.

"Lo stile eco-etico unisce allo studio delle linee e dei colori l'interesse per i processi di lavorazione ispirati allo sviluppo sostenibile – ha continuato Pacilio – e rappresenta oggi un'importante opportunità di crescita, attraverso un mercato alternativo fatto di tessuti biologici e tanto materiale riciclato. In questo modo, non solo si ha un maggiore rispetto per l'ambiente, ma i consumatori possono anche conoscere la genesi del prodotto che acquistano e che poi indossano".

"La valorizzazione della produzione locale, nei paesi in via di sviluppo, può aiutare a promuovere il mercato interno e d'esportazione – ha proseguito Papilio – mentre la migliore conoscenza delle fibre naturali di questi luoghi può aiutare milioni di persone che dipendono proprio dal settore agricolo per la propria sopravvivenza. Proponendo indumenti e accessori con queste nuove, ma vecchissime fibre, il mondo della moda offre un importante contributo all'insegna dell'ecologia e dello sviluppo umano dei paesi più poveri".

Obiettivo della società è creare una linea di abbigliamento, sostenendo le aree in via di sviluppo, specialmente in Africa: tutte le magliette sono prodotte in Africa e vantano di essere realizzate interamente in cotone organico. La prima serie in edizione limitata di t-shirt è stata disegnata da Angela Lindvall, top model americana famosa per le sue attività a favore dell'ambiente e per l'oganizzazione per lo sviluppo ecosostenibile 'Collage Foundation', di cui Presidente. "La mia maglietta – ha raccontato la Lindvall – nasce dalle ombre degli alberi. Il nostro lato in ombra è, infatti, quello che qualche volta ci spinge a crescere".

Tra i fan della moda eco-solidale ci sono inoltre Brad Pitt, Leonardo Di Caprio e Robert Redford. "Utilizzando l'intelligenza dei sistemi naturali possiamo creare industrie, edifici, perfino piani regionali per i quali la natura ed il commercio non siano elementi in contrapposizione ma coesistenti", ha detto Pitt, Presidente del Concorso per il Design Sostenibile di Global Green-Green Cross Usa.

"Il riscaldamento globale non solo è la principale sfida ambientale che ci troviamo ad affrontare oggi, ma è uno dei problemi più importanti di tutta l'umanità. Tutti dobbiamo fare la nostra parte per accrescere la consapevolezza sul riscaldamento globale e sui problemi che noi, come persone, affrontiamo per promuovere un futuro ambientale sostenibile per il nostro pianeta", ha commentato Leonardo Di Caprio, membro del Consiglio di Presidenza di Global Green-Green Cross Usa.

"Ritengo che dovremmo porre l'ambiente in prima linea nella nostra sicurezza nazionale. La tutela delle nostre risorse è importante quanto la sicurezza. Altrimenti cosa c'è da difendere?", ha concluso Robert Redford, membro onorario di Green Cross International.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen