close
Economy

Aziende, arriva la moratoria debiti

banche-imprese

Accordo con l' associazione bancaria Abi per la restituzione dei crediti alle aziende. Una bombola di ossigeno per le imprese e un passo, secondo Emma Marcegaglia, fondamentale per aiutare le pmi

Firmato a Milano l'accordo tra Abi e organizzazioni imprenditoriali che prevede la moratoria per la restituzione alle banche dei crediti alle aziende. Presente il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. Le parti hanno sottoscritto un "avviso comune per la sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese verso il sistema creditizio". L'accordo entra in vigore subito. Le domande potranno essere presentate fino al 30 giugno 2010, mentre le banche che comunicheranno all'Abi la decisione di aderire si impegnano a renderlo operativo entro 45 giorni dall'adesione.

Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti parla di "bombola di ossigeno'' per le imprese. Così ha detto: "Avrei voluto venire qua con una vera bombola per simboleggiare lo spirito dell'iniziativa, di cui il notaio siete voi, l'opinione pubblica. Oggi è una buona giornata, siamo qui tutti insieme per fare cose utili per il bene comune, che oggi è l'ossigeno per le piccole e medie imprese".

"L'accordo e' un accordo buono, un passo importante", cosi' il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, commenta "l'Avviso comune" siglato da Governo, imprese e banche sulla moratoria dei crediti. "Mi piace il fatto – ha aggiunto – che ci eravamo dati come obiettivo di chiudere prima delle vacanze e lo abbiamo fatto".

"Adesso – ha proseguito -è  molto importante che l'accordo si concretizzi e che quindi quando l'imprenditore a settembre andrà presso gli sportelli bancari a chiedere questa moratoria, ci sia veramente e concretamente". Marcegaglia ha sottolineato che il ministero dell'Economia, l'Abi e le associazioni imprenditoriali "si impegnano a predisporre entro metà settembre un meccanismo di monitoraggio" affinchè l'accordo "diventi uno strumento vero a sostegno delle imprese che in questo momento stanno molto soffrendo".

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen