close
milano-corea

Milano sbarca in grande stile in Corea con le sue eccellenze culturali, guidate dalla municipalità cittadina e coordinate da Fiera Milano

E’ stato inaugurato a Incheon, nei pressi della capitale Seoul, alla presenza del capo dello Stato Giorgio Napolitano, del sindaco di Incheon Ahn Sang Soo e dell’assessore milanese alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory, il primo edificio di Milano Design City, distretto milanese della cultura in Corea, rappresentato nell’occasione dal presidente di Fiera Milano, Michele Perini, da quello di Triennale Davide Rampello e dal direttore generale del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Fiorenzo Galli. L’edificio, appositamente realizzato, ospiterà in via permanente la sede coreana della Triennale. E’ stato progettato dall’Atelier Mendini e rievoca la sede storica di Milano sia attraverso il profilo generale, sia attraverso gli archi della facciata. All’ interno, sale espositive, spazi d’accoglienza, uffici e spazi tecnici si sviluppano su tre livelli. Ai due grandi spazi espositivi, rispettivamente di 2.400 e 900 mq, si affianca una sala congressi attrezzata, della capienza di 280 posti, una sala per eventi, un bookstore e un ristorante-caffetteria.

Milano Design City Incheon Exhibition Center – Triennale di Milano Incheon viene tenuto a battesimo dalla prima interpretazione del Triennale Design Museum “Le Sette Ossessioni del Design Italiano” e dalla mostra “Leonardo da Vinci. Nature, Art & Science”, curata dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia. Prende così corpo un’idea ambiziosa, nata da un’intuizione del presidente di Fiera Milano Perini e sbocciata sul terreno dissodato da Fiera, capofila del progetto Milano Design City ma anche partner di Incheon nella progettazione dell’Occhio del Dragone, un complesso espositivo da 1 miliardo di dollari destinato a  divenire baricentro degli scambi del Mar Giallo, sul quale si affacciano Corea, Cina e Giappone.

“Siamo davvero orgogliosi dei risultati del lungo lavoro che abbiamo fatto con il Comune di Milano e con le istituzioni della città” dichiara il presidente Perini. “Due aspetti mi preme sottolineare. Con Milano Design City, Milano si presenta per la prima volta all’estero, in un’area destinata a divenire il baricentro dell’economia mondiale del terzo millennio. E lo fa non in ordine sparso, ma come sistema, con un progetto di collaborazione tra Paesi che vola alto e propone tutta la complessità e ricchezza della nostra società: sicuramente l’economia che noi rappresentiamo, ma anche l’arte, la cultura, l’inimitabile stile di vita italiano”.

Milano Design City, prevede che a questo primo step faccia seguito la realizzazione degli edifici destinati ad accogliere le altre istituzioni partner dell’iniziativa: Accademia Teatro alla Scala; Centro Sperimentale di Cinematografia (CSC); Conservatorio di Musica "Giuseppe Verdi"; Istituto Europeo di Design (IED); Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci; Piccolo Teatro; Scuola Politecnica di Design (SPD); Istituto universitario di studi superiori di Pavia (IUSS).

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen