close
cittadini

Un’azienda che ha sempre lavorato sull’innovazione e su prodotti hi-tech nella produzione di tutti i tipi di rete per la pesca, l’agricoltura, l’industria. Poi l’evoluzione anche con filati tecnici per il tessile e l’alta moda. Storia di un’impresa bresciana che ha puntato sulla tradizione familiare e sul costante miglioramento per superare le crisi conquistandosi un posto in prima fila nel mercato

Dalla pesca all’alta moda, c’è un unico filo che lega il percorso della Cittadini Spa di Paderno Franciacorta, in provincia di Brescia: si chiama tradizione intrecciata con innovazione e da tre quarti di secolo è alla base del successo della storica società franciacortina. Società la cui storia si identifi ca con quella della lavorazione della rete, che ha caratterizzato nel tempo il territorio del lago d’Iseo, diventando fattore determinante della sua economia, della cultura e del costume dei suoi abitanti. Fondata nel 1933 da Cesare Cittadini, l’azienda ha sviluppato negli anni un’ eccezionale tecnologia e un esclusivo know how nella produzione di tutti i tipi di reti con nodo e senza nodo, destinati alla pesca, all’acquacoltura, all’antinfortunistica, all’agricoltura, ad usi tecnici e industriali. Inoltre, grazie all’inserimento degli impianti di torcitura, la società ha creato altre linee di prodotti: cucirini industriali per pelletteria, calzature ed abbigliamento, filati tecnici per tessiture e nastrifici. Reti e filati che, valorizzati con uno straordinario know how del colore, hanno ottenuto risultati di eccellenza, conquistando anche le più sofisticate nicchie dell’alta moda.

Da una piccola azienda, cresciuta anche grazie al lavoro artigianale delle “donne del lago” che per anni hanno annodato le reti da pesca, si è sviluppata la Cittadini Spa, affermatasi sul mercato come leader europea di settore, superando le crisi del tessile grazie all’innovazione costante e alla strategica collaborazione con Istituti universitari nel campo delle nano e biotecnologie. Ma alla base del successo di questa società c’è sempre la famiglia che da settantacinque anni ne tiene le redini; oggi, alla sua guida ci sono Giovanni ela moglie Pia Aina, con i figli Cesare, Marco, Paola, a cui va il merito di aver innovato, con orgoglio, coraggio e passione, il tradizionale core business della rete: una testimonianza di un positivo passaggio generazionale, con l’apporto di nuove competenze, energie ed entusiasmo, finalizzati ad ulteriori ambiziosi traguardi condivisi. Una famiglia unita, raccolta intorno a una forte identità imprenditoriale, tesa al mantenimento del bene d’impresa, come risposta al dovere etico di responsabilità sociale di contribuire al benessere della società. In questo contesto di valori si colloca anche la speciale attenzione che la società ha sempre riservato per il lavoro femminile e la famiglia.

“Convinti che le donne in azienda e nei luoghi di lavoro sono una risorsa preziosa e creano valore per la crescita e lo sviluppo dell’impresa e della società – spiega Pia Cittadini, amministratrice della società – abbiamo attuato politiche aziendali all’avanguardia orientate alla valorizzazione delle competenze femminili e all’applicazione di buone prassi di conciliazione tempi famiglia-lavoro per le nostre collaboratrici”. E questa particolare disponibilità si è rivelata vincente: i risultati ottenuti con le best practices sono stati largamente positivi sia all’interno dell’azienda, dove sono migliorati i legami, il clima e l’efficienza produttiva, sia all’interno delle famiglie delle dipendenti, dove sono migliorate la vita di coppia e la genitorialità. Le dipendenti madri, infatti, libere di fare le loro scelte di vita e di realizzarsi compiutamente, sono rientrate dopo la maternità e rimaste al lavoro con maggiore serenità e motivazione, riducendo le assenze e i conseguenti costi di turn over.

La politica family-friendly dell’azienda ha permesso, inoltre, di mantenere un patrimonio di professionalità e di agevolare progressioni di carriere che hanno creato valore per l’impresa, oltre naturalmente gratificazione personale delle interessate. Sensibilità e sostegno per le donne sono stati dimostrati anche nell’ambito della solidarietà internazionale, dove la Cittadini Spa ha partecipato alla realizzazione del progetto “Reti di solidarietà femminile”, ideato e proposto da Pia Cittadini e attuato con il coordinamento della fondazione Giuseppe Tovini di Brescia. Due gli obiettivi principali del progetto: sostenere lo sviluppo della zona costiera di Rameswaram in India, colpita dallo tsunami, con un’attività produttiva integrante la risorsa fondamentale della pesca e migliorare le condizioni socio-economiche delle donne di quella comunità, attraverso l’insediamento di un retificio meccanico per la produzione di reti da pesca.

A beneficiare dell’iniziativa sono state una cinquantina di donne vedove che lavorano nella nuova fabbrica e altrettanti nuclei familiari per la confezione delle reti a domicilio, da rivendere ai pescatori. “La nostra azienda – spiega Pia Cittadini – ha messo gratuitamente al servizio del progetto il proprio know how della lavorazione della rete, coinvolgendo i dipendenti nella formazione dei tecnici indiani nella sede di Paderno e nell’avviamento degli impianti del retificio in loco”. Un modo per portare in giro per il mondo quella “filosofia della rete” che consente alla Cittadini di creare valore e sviluppo sociale, nel segno della tradizione, innovazione e solidarietà: “Tutti i nodi sono punti di forza e tutte le maglie si rafforzano lavorando insieme”, vale a dire “centralità e valorizzazione della persona , condivisione degli obiettivi, sostegno solidale e responsabile”.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen