close
fausto_arrigoni

Un nuovo 3 stelle, 7 due stelle e 23 una stella. La Guida Michelin 2010 premia come di consueto i migliori ristoranti del Belpaese, che con la nuova edizione conquista il sesto "tre stelle"

E’ stata presentata la Guida Michelin 2010 e con lei tante sono le novità, i nuovi talenti e le grandi riconferme e c’è spazio anche per alcuni addii. Con la nuova edizione l’Italia conquista il suo sesto ristorante a “tre stelle”.  La new entry é “Da Vittorio” a Brusaporto (Bg) guidato dalla famiglia Cerea: ha affiancato le altre “rock star” della ristorazione nostrana Dal Pescatore, Le Calandre, Enoteca Pinchiorri, La Pergola e Al Sorriso. Grande onore ai 7 ristoranti passati da 1 a 2 stelle. Primo fra tutto il Piazza Duomo di Alba, guidato dallo chef Enrico Crippa; troviamo poi Antica Corona Reale, Cervere, capitanato da Renzo Vivalda, Il Mosaico, Ischia, dello Chef Gaetano Di Costanzo, La Madia, Licata, di Pino Cuttaia, Il Pellicano, Porto Ercole, guidato dalla maestria di Antonio Guida, Trenkerstube, Tirolo, dello Chef Gerhard Wieser e il Met, Venezia, con la gastronomia di Corrado Fasolato.

Ventiquattro sono le nuove prime stelle assegnate, ben distribuite su tutto il territorio nazionale.

Dopo Gualtiero Marchesi nel 2008, anche Ezio Santin, chef dell’Antica Osteria del Ponte di Cassinetta di Lugagnano è uscito dal meccanismo dei punteggi delle Guide. Tra le uscite più rilevanti va segnalata la chiusura del ristorante ‘Il Gambero rosso’ di Fulvio Pierangelini a San Vincenzo (Li), insieme ad altri 13 ristoranti.
Tra le novità segnaliamo il riposizionamento delle cucine dei grandi alberghi che da Cenerentola della gastronomia stanno diventando sempre di più di riferimento per i gourmet.
Interessante anche la parte dedicata dalla Michelin ai “Bib Gourmand” ossia quei locali con un buon rapporto tra qualità e prezzo e che per questa edizione sono diventati 234.
La più prestigiosa e completa Guida in commercio per questa edizione ha preso in rassegna 6.306 esercizi (2.392 ristoranti, 3.914 alberghi, 394 agriturismo) in 2.076 località.

Ecco tutte le novità:
TRE stelle aggiunte
Da Vittorio – Brusaporto

DUE stelle aggiunte
Piazza Duomo – Alba
Antica Corona Reale da Renzo – Cervere
Il Mosaico (Terme Manzi Hotel) – Ischia-Casamicciola Terme
La Madia – Licata
Il Pellicano – Porto Ercole
Trenkerstube (H Castel) – Tirolo
Met (H Metropole) – Venezia

UNA stella aggiunta
Andreini – Alghero
Ortica – Bedizzole
Roof Garden (H San Marco) – Bergamo
Vicolo Santa Lucia (H Carducci 76) – Cattolica
Baldin – Genova/Sestri Ponente
Al Vigneto – Grumello del Monte
Sissi – Merano
Castel Fragsburg – Merano/Freiberg
Le Robinie – Montescano
Hostaria del Mare – Modena
La Fornace di Barbablù (R. Palazzo Vescovile) – Noli
La Locanda di Bu – Nusco
Il Piastrino – Pennabilli
Cafè les Paillotes – Pescara
Meridiana – Piove di Sacco
La Fenice (H Villa Carlotta) – Ragusa
Glass Hostaria – Roma
Antonello Colonna – Roma
Savino Mongelli – Santa Vittoria d’Alba
Osteria del Pomiroeu – Seregno
Cinzia da Christian e Manuel – Vercelli
L’Accanto ( GD H Angiolieri) – Vico Equense

a cura di Luxgallery.it

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen