close
Economy

Aziende su Facebook: chi sale e chi scende

facebook

La ricerca condotta da FrozenFrogs misura per la prima volta il grado di coinvolgimento da parte dei Fan nelle conversazioni attivate dalle aziende su Facebook
 
Il settore dell’Automotive fa scuola su Facebook, così come il mondo fashion e quello sportivo. Deludono invece le banche e le compagnie telefoniche. E’ quanto emerge da una ricerca condotta da FrozenFrogs, agenzia digitale specializzata sui media emergenti che attraverso l’analisi di centinaia di Fan-page di Facebook ha individuato un indice di coinvolgimento (E.R., Engagement Rate) in grado di misurare l’efficacia degli investimenti sul Social Network. Engagement Rate: parola d’ordine interattività.
Su Facebook 8 milioni di utenti ogni giorno si iscrivono alle Fan Pages  di brand e aziende.   L'Engagement Rate (E.R.), permette per la prima volta misurare quanto gli utenti interagiscano con il brand e, soprattutto, quali siano i driver di comunicazione e di coinvolgimento più efficaci che accendono gli animi dei fan. Basato su un campione di Fan Page delle principali aziende italiane ed internazionali, rivela che il tasso di risposta ai contenuti delle fan-page del popolare Social Network varia notevolmente in funzione della tipologia di spunti proposti.

“Abbiamo rilevato”, ha commentato Gianluca Arnesano AD di Frozen Frog, “come pagine di brand molto noti e con oltre 1 milione di Fan abbiano un Facebook E.R. di solo lo 0,16%, e come invece community più piccole abbiano performance molto elevate. Ma, a dispetto delle dimensioni, basta trovare l'argomento giusto e le cose cambiano.”

Tra i contenuti pi apprezzati: il lancio di un nuovo prodotto, meglio se ecosostenibile,  l'offerta di promozioni, il raggiungimento di importanti obiettivi aziendali e i test. “Facebook è anche intrattenimento e coinvolgimento” continua Arnesano “e gli utenti apprezzano molto quando l'azienda propone dei contest e pubblica con continuità contenuti multimediali.”

L’automotive coinvolge, il settore banche delude.
Le migliori a guidare gli utenti tra le loro fan pages sono le aziende del settore auto motive con Piaggio in testa (96) seguita da Ducati (47) e Fiat (49). Bene anche il mondo fashion dove Dolce&Gabbana (38) e Nolita (25) fanno scuola. Meno bene le compagnie telefoniche, spesso incapaci di amministrare gruppi e fan-pages.

Male le banche che risultano ancora legate al canale di distribuzione fisico e non riescono a lavorare in un'ottica organica comunicando efficacemente attraverso le risorse messe a disposizione da Facebook. Unicredit e Intesa Sanpaolo, i due maggiori istituti italiani, sono presenti sul Social Network con le pagine delle sedi locali in Slovenia

Sul fronte politico è emblematico il caso di Barak Obama che ha creato il suo successo su Facebook  ottenendo consensi dal basso. Meno efficace la pagina di Silvio Berlusconi, lasciata allo sbando con informazioni non aggiornate (risulta ancor sposato con Veronica) e in totale assenza di moderazione e controllo.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen