close
Eventi biz

Kilometro Rosso: aperto il laboratorio di Intellimech

inaugurazione

Il consorzio Intellimeche inaugura il laboratorio all'interno del Parco scientifico e tecnologico Kilometro Rosso. Ma questo è solo un primo passo verso la creazione di un vero e proprio Polo della meccatronica

Guarda la gallery >>

Kilometro Rosso punta sulla meccatronica.  Negli spazi del Parco scientifico e tecnologico di Stezzano (Bergamo) è stato infatti inaugurato nei giorni scorsi il nuovo laboratorio del Consorzio per la meccatronica Intellimech. Uno spazio per favorire la ricerca applicata comune di diverse aziende, nato in una regione, la Lombardia, dove è presente la  più alta concentrazione di aziende manifatturiere che fanno della meccatronica uno dei fattori competitivi più importanti e strategici, in grado di guidare lo sviluppo di interi settori produttivi, mettendo a disposizione beni e tecnologie che migliorano le prestazioni dei prodotti tecnici e industriali e  aumentando la qualità della vita. Un concetto ribadito anche da coloro che hanno partecipato alla cerimonia di inaugurazione: dal vicepresidente di Confindustria, Alberto Bombassei, il quale ha individuato nel consorzio Intellimech “una delle poche possibilità in Italia per rispondere alla concorrenza globale e per uscire dalla crisi", a Mirano Sancin, presidente di Intellimech, nonché direttore generale e consigliere delegato della Kilometro Rosso Srl, la società che cura lo sviluppo dell'omonimo Parco scientifico tecnologico multidisciplinare. Per Sancin l'apertura del nuovo laboratorio rappresenta un passo ovvio viste le analogie tra Kilometro Rosso e Intellimech: “L'inaugurazione di questo laboratorio – spiega il manager triestino – è una conseguenza logica viste le caratteristiche comuni tra il Parco e la meccatronica. Se da un lato Kilometro Rosso opera per cercare di produrre un'integrazione di saperi e conoscenze, dall'altro la meccatronica è una discliplina che integra più tecnologie, che vanno dal mondo dell'informatica a quello dell'elettronica e via dicendo. A fronte di questo parallelismo l'apertura del laboratorio all'interno di Kilometro Rosso rappresenta un passo del tutto naturale in quanto in linea con la mission di un parco scientifico e tecnologico d'avanguardia”. Anche se l'inaugurazione del laboratorio rappresenta solo uno dei primi passi verso la creazione, all'interno di  Kilometro Rosso, di  un vero e proprio Polo della meccatronica di sicura valenza scientifica e tecnologica.

Il nuovo laboratorio, infatti, consolida l’iniziativa del Consorzio Intellimech, oggi una delle più importanti iniziative italiane del settore al quale aderiscono ben 26 imprese di varia dimensione e provenienza geografica, e grazie al Centro di ricerca sulla meccatronica che l’Università di Bergamo svilupperà nelle strutture contigue, crea le premesse per realizzare un vero e proprio punto di riferimento per la meccatronica: “A fine settembre – ricorda Sancin – abbiamo inaugurato il Centro delle Professioni dove ha sede la struttura dedicata alle attività di ricerca universitaria. Insieme alla ricerca condotta anche nel laboratorio di Intellimech si creano le premesse per dare vita ad un vero e proprio Polo per la meccatronica”. Nel contempo Intellimech continuerà ad operare ponendosi quale strumento per superare l’attuale situazione di crisi. “Un’iniziativa – così come sottolineato da Sancin – utile al rilancio dell’economia del territorio e della competitività tecnologica delle imprese, non solo di quelle consorziate, grazie al ruolo strategico di Confindustria Bergamo e della stretta collaborazione con l’Università di Bergamo”.

Positivo anche il commento di Marcello Raimondi, Sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia, secondo il quale il consorzio rappresenta  un esempio di eccellenza e spinta all’innovazione: “Il nostro è un territorio caratterizzato dall’estrema vitalità e capace di reagire anche alle situazioni più dure – ha dichiarato Raimondi -. L’inaugurazione del Consorzio Intellimech ne è un ottimo esempio: rappresenta l’eccellenza e quella stessa spinta all’innovazione che caratterizza anche l’operato della Regione Lombardia. Il governo di Formigoni ha infatti sempre sostenuto la necessità di investire in nuovi percorsi di sviluppo che siano in grado di rilanciare l’economia lombarda e di far crescere una società che sappia essere sempre all’avanguardia sotto ogni punto di vista. Ma questa inaugurazione rappresenta anche di più: è un sintomo dell’atteggiamento della nostra società – quella lombarda e bergamasca in particolare – di non arrendersi di fronte alla crisi e alla paura che ne consegue e di rispondere alle difficoltà con un gesto di fiducia nel futuro”.

Guarda la gallery >>

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen