close
Luxury

Demeglio fucina dell’alta gioielleria

de_meglio

Capolavori d’emozione che nascono dalla sapienza e dalla continua ricerca della perfezione. Alla scoperta di un tempio del Made in Italy dove design e qualità assoluta sono il fondamento di vere e proprie opere d’arte della gioielleria

Ci sono gioielli che scegliamo pensando a chi li guarderà. Pensando a chi, rimanendo colpito dall’opulenza delle forme o dall’abbondanza delle pietre preziose, riconoscendone il modello o magari leggendone semplicemente la firma, capirà quante delle nostre risorse economiche abbiamo impegnato nella nostra scelta.Ci sono anche gioielli che scegliamo pensando a chi li indosserà.
Pensando al piacere di una nascosta carezza di diamanti a contatto della pelle, alla delicatezza delle forme, ad un design equilibrato che rifugge dalla banalità così come dall’eccesso. I gioielli creati da Roberto Demeglio appartengono certamente a questa seconda categoria. Sono gioielli densi. Sono gioielli densi di riflessione, di pensiero, di cura.
Le emozioni, le intuizioni di Roberto Demeglio, si trasformano in disegni che si moltiplicano in una serie di dettagli tecnici studiati in ogni minimo particolare per garantire l’eccellenza dei gioielli. Solo allora mani di esperti artigiani tradurranno il pensiero in opera, senza lasciare nulla al caso, dedicando la stessa cura che si riserva a mettere in evidenza lo scintillio di una pietra anche alle parti più nascoste del gioiello, quelle che ne assicureranno la piacevolezza, la morbidezza, la durata.
Prima di tutto l’idea, un’idea concreta tutta volta all’eccellenza del fare, alla quale verranno piegati metalli e pietre preziose seguendo un’intuizione originale o inventando ex novo il più classico dei gioielli. Seguendo il filo delle idee il platino potrà essere esaltato dalla fibra di carbonio, i diamanti neri daranno più luce a quelli bianchi, materiali provenienti dalla ricerca spaziale renderanno nuovo ed unico il più classico dei bracciali.
I gioielli di Roberto Demeglio sono gioielli densi. Anche densi di storia. Una storia che cominciò nel 1922 quando Giuseppe Demeglio, classe 1899, al ritorno dal servizio militare decise di dare una svolta alla sua vita professionale, iniziata come orologiaio, ed aprì un suo laboratorio-negozio in via Borgodora 25 a Torino. Pochi anni dopo, nel 1928, con la moglie Ernestina, si trasferì in Corso Regina Margherita, al numero 148. Il figlio Celestino continuò l’attività del padre trasmettendo ai figli il gusto della ricerca ed il piacere del fare.
Un gusto ed un piacere che Roberto Demeglio ha sviluppato e temprato nelle scuole d’arte così come nei laboratori dei migliori maestri orafi valenzani, milanesi, bergamaschi e torinesi.

Il suo primo laboratorio ha aperto i battenti in Corso  Sempione 200, vicino al negozio del padre, per essere poi trasferito nell’attuale sede di Via Calandra 18 a Torino.
Una fucina di idee  e di passioni dove l’innata predisposizione per l’espressione artistica, si combina con l’amore per la ricerca e l’innovazione tecnologica, dove elaborare, ancor prima di gioielli, ardite soluzioni per personalizzare e piegare alle proprie esigenze i più avanzati macchinari per la prototipazione o i sofisticati sistemi CAD per il disegno 3D.

Un’attitudine squisitamente italiana per il suo saper combinare arte e progettazione, sapienza artigiana ed innovazione tecnologica. Un processo che prosegue oggi a Valenza dove Roberto Demeglio ha da poco acquisito il controllo di una propria unità produttiva.
Perché i gioielli Roberto Demeglio, sono gioielli densi.Anche densi di orgoglio.

Mentre gran parte, anche delle più blasonate, aziende orafe italiane ha finito per rivolgersi a fornitori esteri, i gioielli Roberto Demeglio continuano, orgogliosamente, ad essere integralmente frutto della migliore scuola gioielliera italiana. Un orgoglio del “100% fatto in Italia” che si spinge anche oltre il gioiello fino a coinvolgere ogni altro elemento che lo corredi, come ad esempio gli astucci, in una testarda coerenza ed un’attenzione per i minimi dettagli tipicamente “Roberto Demeglio”.

Una scelta coraggiosa, forse lungimirante, nei fatti premiante anche nell’immediato. Lo testimoniano i due primi premi vinti nel concorso Couture di Las Vegas nel 2008 e nel 2009 e lo spazio crescente che le collezioni Roberto Demeglio, come Anaconda, Gioconda, Giotto, Jolly, Domino o Joy, stanno conquistando nelle vetrine di una selezionata cerchia di gioiellieri in Italia, in Europa, negli Stati Uniti ed in alcune realtà asiatiche. Pochi, autentici intenditori, che sanno riconoscere il vero valore di un gioiello, pensato e realizzato con cura ed orgoglio… per chi lo indosserà.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen