close
Moda

Milano Pret à porter è Salone mondiale della moda

pret_a_porter

La luce dei riflettori di MI Milano Pret à porter mette in ombra la crisi. La manifestazione che aprirà il 24 febbraio per la seconda edizione gli spazi di Fieramilanocity  è Salone mondiale della moda

Sarà l'anno del Made in Italy. Le aziende che sono in crescita hanno puntato su creatività e perizia artigiana italiana. MI Milano Pret à Porter che aprirà il 24 febbraio per la seconda edizione gli spazi di Fieramilanocity sta per raccoglier un trofeo. Con Camera della Moda, WhiteShow, e la manifestazione con la prestigiosa regia di PITTIMMAGINE TOUCH!-NEOZONE-CLOUDNINE, Milano è Salone mondiale della Moda. I termini di iscrizione non sono scaduti, ma meno di due settimane prima di MI Milano Pret à Porter, i brand che hanno voluto esserci sono oltre duecento. Daniele Ancarani, Vera Wang Lavender, Faith Connexion, Beverly Feldman, Newyorkindustrie – e new entry – 081, Borbonese, Byte By Teso, Campanile, Cristiano Fissore, Federica Moretti, Leitmotiv, Lottusse,  ricordano il successo dell'edizione di settembre e hanno investito da subito su MI MIlano Pret à porter.

Il marchio Borbonese è già oltre: l'Arte della Moda abbinata all'Arte della Fotografia. Da Firenze porta a Fieramilanocity "Amazonlife project. Viaggio in Amazzonia". Un documento iconografico che provoca un forte impatto emotivo, con la forza delle immagini di Marco Paoli e Pierpaolo Pagano (con una video installazione di Fabio Ferioli). Borbonese è licenziataria del marchio Amazonlife, ma ancor di più ha sposato l'anima del prodotto: borse made in Italy realizzate con materiali naturali o riciclati, allo scopo di preservare il polmone verde più ampio della Terra. Che circonda il Rio delle Amazzoni. Ma da cui dipende la salute del Pianeta.

Un evento nell'Evento: si apriranno le porte al pubblico – a Fieramilanocity gli espositori chiedono selezionatissimi operatori, ché i curiosi sono pure pericolose spie delle fabbriche "ombra" che copiano idee e modelli – affinché non si dica che la Moda non è forma d'espressione della Cultura di un Popolo.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen