close
linked_in

Viaggio alla scoperta del più conosciuto network professionale al mondo che raggruppa una community di oltre 48 milioni di utenti. Cristina Hoole, marketing director per l’Europa spiega i dietro le quinte di questo progetto in continuo sviluppo, a cominciare dai nuovi servizi che saranno realizzati per la piattaforma mobile

Migliorare e incrementare la produttività e i successi professionali con un solo click, entrando in una grande rete virtuale che al momento unisce e connette più di 48 milioni di utenti nel mondo. È la community di LinkedIn, il più potente network professionale utilizzato da manager, imprenditori, consulenti e utenti d’eccezione quali Obama, Bill Gates e Michael Dell. rLinkedIn è sostenuta da investitori di calibro internazionale, fra i cui Sequoia Capital, Greylock Partners, the European Founders Fund, Bessemer Venture Partners, Bain Capital Ventures, Goldman Sachs, The McGraw-Hill Companies e SAP Ventures. In Europa ha raggiunto 11 milioni di utenti, 48 milioni in tutto il mondo. Cristina Hoole, Marketing Director di LinkedIn per l’Europa, racconta il dietro le quinte, la storia e i progetti futuri per questa potente realtà nata nella Silicon Valley, da sempre sinonimo di innovazione e successi

Come definirebbe LinkedIn? Com’è nato questo business network?
LinkedIn è il più grande e potente network professionale del mondo: attualmente la community conta 48 milioni di utenti – 11 milioni dei quali in Europa – in rappresentanza di 170 settori e di 200 Paesi in 7 continenti. Grazie a LinkedIn è possibile trovare i professionisti più qualificati, farsi presentare a esperti con i quali collaborare per raggiungere al meglio i propri obiettivi professionali. LinkedIn è il risultato dell’intuizione imprenditoriale condivisa dai suoi cofondatori Allen Blue, Jean-Luc Vaillant, Eric Ly, e Konstantin Guericke durante una chiacchierata informale nel salotto del suo fondatore, Reid Hoffman, nell’autunno del 2002. LinkedIn è stato ufficialmente creato il 5 maggio del 2003.

Chi sono i membri di LinkedIn?

A distinguere LinkedIn è l’elevato profilo professionale dei suoi membri, che rappresentano le 500 aziende presenti nella prestigiosa lista Fortune 500. L’81% dei professionisti iscritti alla community sono laureati e più del 50% degli utenti sono decisori di business all’interno dell’azienda per la quale lavorano. I membri di LinkedIn sono imprenditori, analisti, direttori vendite, direttori del personale, consulenti, ingegneri, manager di progetto, ma anche personalità d’eccezione del mondo della tecnologia, dei servizi finanziari, dei media, dei beni di largo consumo. Accenture è la prima fra le aziende italiane “più connesse” a LinkedIn, seguita da Telecom Italia, IBM, Vodafone, ed Ericsson.

Quanti sono gli utenti italiani di LinkedIn?
Nell’ultimo anno LinkedIn ha messo a segno una crescita del 100%, raggiungendo gli 800mila utenti in Italia e registrando un nuovo iscritto ogni secondo. Fra i gruppi più numerosi di LinkedIn in Italia figurano quello dei manager del settore ICT e quello dei professionisti del settore Marketing e Comunicazione.

LinkedIn è diventato un punto di riferimento per i professionisti… Perchè avete deciso di scommettere sul networking on-line?
La mission di LinkedIn è connettere i professionisti di tutto il mondo per aiutarli a migliorare la loro produttività e successo professionali. Grazie a LinkedIn è possibile creare e gestire un network di contatti professionali con professionisti fidati, con notevole valore aggiunto per la propria carriera. Siamo convinti che in un’economia globalmente connessa il successo professionale del singolo e la forza competitiva di un’azienda dipendano dalla velocità con la quale si riesce ad avere accesso alle informazioni e alle risorse chiave per il proprio business.

Quali sono i vantaggi e i rischi connessi all’utilizzo di LinkedIn?
LinkedIn trasferisce on-line il tuo network di contatti professionali, garantendo accesso a persone, professioni e opportunità di lavoro come mai prima d’ora. Costruito sulla base di contatti e rapporti professionali assolutamente fidati, LinkedIn è utilizzabile in modo del tutto gratuito. Una volta iscritti, è necessario creare un profilo che riassuma i vostri expertise professionali e i vostri obiettivi di carriera. In un secondo momento, potrete sviluppare un network di contatti professionali duraturi invitando i vostri contatti più fidati ad aggiungersi al vostro network. Il vostro network sarà quindi rappresentato dai vostri contatti, dai contatti dei vostri contatti, e dalle persone che conoscono, in modo da collegarvi immediatamente ad un ampio numero di professionisti qualificati e di esperti. La risorsa più potente della quale LinkedIn dispone per controllare efficacemente la correttezza e la veridicità dei profili dei suoi utenti sono proprio gli oltre 48 milioni di membri della community. Se un utente vede qualcosa che non gli sembra corretto può inserire un contrassegno (flag) all’interno del profilo per il quale desidera richiedere ulteriori verifiche. Teniamo sempre in seria considerazione queste segnalazioni e disponiamo anche di programmi molto sofisticati che ci permettono di monitorare il sito di LinkedIn per individuare comportamenti sospetti o inusuali. Grazie a questi controlli possiamo garantire che i nostri utenti postano solo informazioni corrette sul loro profilo professionale – proprio perché in caso contrario si troverebbero in una situazione davvero imbarazzante per loro stessi.

Quali sono le domande lanciate più frequentemente dai professionisti su LinkedIn grazie alla funzione “Answers”?
Ci sono moltissime sessioni di domande e risposte in corso di svolgimento su LinkedIn. I nostri utenti utilizzano le applicazioni di LinkedIn per condividereidee ed informazioni su ogni aspetto del business e in ogni settore. Gli argomenti delle domande si evolvono continuamente per includere temi di attualità per le diverse aree geografiche e rispecchiano in genere le notizie di maggior interesse nei diversi Paesi.

Come potrebbe spiegare la formula di business di LinkedIn?
LinkedIn vanta una formula di business vincente, basata su diverse fonti di guadagno. LinkedIn è profittevole da più di due anni e, anche grazie alla ripartizione equilibrata delle sue fonti di introito, la community ha reagito particolarmente bene anche alla sfida delle recente crisi economica.

Quali sono le principali linee guida rivolte al business in Europa e in Italia? Come evolverà il business di Linkedin?
Siamo sempre orientati a individuare nuove applicazioni e servizi da integrare nella nostra offerta per garantire il massimo valore aggiunto ai nostri utenti. Oggi intravediamo cambiamenti che si protrarranno anche nel lungo termine nei principali settori del business e che rimodelleranno i contorni dell’industria in ogni paese. Una delle aree sulle quali ci stiamo focalizzando maggiormente è lo sviluppo di applicazioni di LinkedIn per dispositivi mobili. Abbiamo messo a punto un’applicazione di successo per l’iPhone e stiamo cercando altre opportunità per rendere LinkedIn ancora più “mobile”.

Secondo lei, come si evolveranno i business network in futuro?
I business network continueranno ad essere un elemento di grande importanza nella vita professionale. Grazie alle opportunità di condivisione di informazioni e opportunità che offrono ai loro membri, le community professionali contribuiscono a rendere ancora più efficace il lavoro di ogni giorno e ad aumentare l’efficienza dell’economia nel suo complesso. Mentre un flusso di informazioni sempre maggiore circola fra i nostri utenti, noi intravediamo la nascita di grandi opportunità e di un volume di business off-line sempre maggiore, in gran parte risultato del networking on-line.

Cosa implica ricoprire il ruolo di Direttore Marketing e Pr di LinkedIn in Europa? Quali sono le sue maggiori responsabilità?
In qualità di Direttore Marketing e PR di LinkedIn curo in prima persona delle relazioni con i nostri utenti, con i giornalisti e con gli azionisti di tutti i nostri mercati europei. In particolare, mi occupo di comunicare in modo efficace tutti i vantaggi offerti da LinkedIn ai nostri utenti e di garantire un ascolto sempre attento delle grandi idee e dei riscontri che possiamo ricevere dai nostri iscritti per poter migliorare continuamente i nostri servizi.

 

Testo di Laura Di Teodoro

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen