close
Economy

Pmi in ripresa, ma resta la stretta al credito

pmi_credito

Sono sempre meno le imprese in difficoltà,ma resta elevato il costo dei finanziamenti.
Questa la “fotografia” del rapporto tra banche e imprese del commercio, del turismo e dei servizi nel primo trimestre 2010 scattata dall’Osservatorio sul credito realizzato da Confcommercio in collaborazione con Format Ricerche di Mercato

Diminuiscono le imprese che hanno difficoltà a far fronte al proprio fabbisogno finanziario nel primo trimestre del 2010. E’ quanto emerge da un’indagine a cura di Confcommercio che ha registrato un calo dal 16 al 14 per cento rispetto al trimestre precedente.

Sul versante dell’offerta di credito, si riscontra, invece, un irrigidimento delle banche nella concessione dei finanziamenti: diminuiscono, infatti, le imprese a cui e’ stato accordato il fido richiesto (55,5 per cento rispetto a quasi il 63 per cento della precedente rilevazione) ed aumenta il numero di imprese che ha visto accogliere la domanda di finanziamento ma con ammontare inferiore a quello richiesto (9 per cento contro il 6 per cento). Ma le imprese segnalano anche un aumento dei costi del finanziamento e dei servizi bancari e la richiesta di maggiori garanzie. Infine, sono soprattutto le imprese situate nel Mezzogiorno e quelle dell’abbigliamento e del commercio all’ingrosso a mostrare qualche difficolta’ sia in relazione al proprio fabbisogno finanziario, sia nell’ottenimento dei finanziamenti, mentre non sono emerse particolari difficoltà, in particolare, per le imprese dei comparti immobiliare, alimentare, informatica, grande distribuzione.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen