close
no thumb

Un corso di alta formazione in Internazionalizzazione d’impresa per adeguare le competenze al cambiamento dei mercati: è quello organizzato da Confindustria Monza Brianza, Como, Lecco e UBI Banca Popolare di Bergamo

Confindustria Monza e Brianza, Confindustria Como e  Confindustria Lecco, con il sostegno di Banca Popolare di Bergamo-Gruppo Ubi Banca, organizzano, in collaborazione con MIP – la Business School del Politecnico di Milano, un corso di alta formazione sul tema dell’internazionalizzazione d’impresa dal titolo Management of International Business.

Obiettivi
Il corso – rivolto a imprenditori e executive – intende fornire le competenze manageriali e gli strumenti necessari per inserirsi in contesti multinazionali a livello di organizzazione dei processi produttivi, delle strategie di penetrazione dei mercati di vendita e delle relazioni con i fornitori e in particolare:

  • trasferire conoscenze relative a modelli, tecniche e strumenti di organizzazione e gestione
    aziendale in contesto internazionale;
    favorire lo sviluppo di competenze manageriali;
  • sviluppare le capacità di lettura e analisi dei mercati per l’elaborazione di strategie di
    intervento;
  • trasferire conoscenze relative al contesto giuridico internazionale;
  • offrire casi di studio concreti e realtà applicative significative.

Durata
La durata del corso è di 112 ore di attività didattica con anche esercitazioni pratiche, discussioni e lo svolgimento da parte dei partecipanti di un progetto nella propria azienda (PROJECT WORK). E’ inoltre prevista la possibilità di uno study tour in un paese estero. L’impegno è di due giornate intere al mese (9.00-18.00) a partire da venerdì 14 maggio fino a venerdì 17 dicembre. 2010. Le lezioni si svolgeranno nelle sedi di Confindustria Monza, Como e Lecco.

Faculty
La docenza sarà tenuta da professori universitari ed esperti di economia, uomini d’azienda e imprenditori, altamente qualificati e specializzati in tema di internazionalizzazione delle imprese coordinati direttamente dal professor Fabio Sdogati, docente di Economia Internazionale del MIP. Il MIP, la Business School del Politecnico di Milano, insieme al Dipartimento di Ingegneria Gestionale, fa parte della School of Management del Politecnico di Milano che, dal 2009, è entrata nella classifica del Financial Times delle migliori Business School d’Europa come unica scuola italiana presente con tre master: Executive MBA; MBA Full time; Master of Science in Ingegneria Gestionale. L’Executive MBA è l’unico di una business school italiana presente nel ranking mentre il Master of Science è l’unico corso di laurea specialistica italiano presente in classifica.

In questo periodo di forti cambiamenti e di nuove dinamiche dei mercati, la sfida all’internazionalizzazione è sempre più difficile e non è più possibile basarsi solo sull’esportazione per conquistare un nuovo mercato. Alla propensione all’export – tradizionale punto di forza delle imprese dell’area brianzola in senso vasto – occorre accompagnare conoscenze specifiche, che possono seriamente aiutare ad affrontare il processo di internazionalizzazione con cognizione di causa e razionalità. “Con questa iniziativa – osserva il presidente di Confindustria Monza e Brianza, Renato Cerioli – vogliamo offrire alle aziende la possibilità di migliorare le loro competenze, adeguandole ad un commercio internazionale che sta cambiando profondamente. I paesi che fino a poco tempo fa potevamo ancora definire emergenti – come Cina, India, Corea, Russia, Brasile, Tunisia, solo per fare qualche esempio – sono ormai emersi. Si stanno definendo nuovi equilibri, che rendono necessarie strategie di mercato diverse e mirate. Consapevoli di ciò, abbiamo unito le forze con altre territoriali lombarde, un importante istituto bancario e una delle migliori scuole di management in Italia per proporre un prodotto all’altezza di un sistema industriale di lunga tradizione, come il nostro, impegnato a riposizionarsi nella nuova geografia del commercio mondiale e cogliere le prime occasioni della ripresa.”

“L’iniziativa sviluppata in collaborazione con le altre territoriali integra il panel dell’offerta formativa rivolta ai nostri associati – sottolinea il presidente di Confindustria Lecco Franco Keller – la centralità della formazione tra le leve per agganciare la ripresa e la vocazione internazionale del corso ne fanno un’esperienza estremamente interessante e utile. La formula individuata e già sperimentata anche dalla nostra territoriale per il corso “Alti potenziali”, coniuga la formazione in aula con elementi determinanti quali l’autoformazione e la continuità dell’impegno professionale. Le imprese del Nord Lombardia a cui viene riconosciuto ingegno progettuale, grande capacità produttiva e un alto livello di problem solving, hanno necessità di competenze qualificate e professionisti esperti nel settore dell’export, anche alla luce delle trasformazioni che investono la comunità economica”. “Sono particolarmente soddisfatto per questa iniziativa – commenta Ambrogio Taborelli, presidente di Confindustria Como – prima di tutto perché nasce dall’impegno condiviso di tre Associazioni territoriali che guardano nella stessa direzione. In secondo luogo, ritengo che un corso di tale livello e qualità possa veramente offrire ai nostri imprenditori degli strumenti in più per affrontare in maniera competente e competitiva i mercati internazionali e le sfide che tutti i processi di internazionalizzazione inevitabilmente comportano”. “La nuova configurazione territoriale ed organizzativa assunta dalla Banca Popolare di Bergamo in seguito alla recente operazione di scambio di sportelli infra gruppo – osserva il condirettore generale, Osvaldo Ranica – ha rafforzato ed accresciuto l’impegno a collaborare con le sedi di Confindustria presenti nei territori di comune riferimento. Il corso di alta formazione, che oggi viene ufficialmente presentato, s’inquadra senz’altro in questa logica, che da parte nostra intendiamo proseguire ed anzi accrescere con altre iniziative costruite e realizzate nell’interesse delle aziende associate, clienti e non”. “Nell’epoca della globalizzazione dei mercati e dei processi produttivi, lo storico vanto italiano del “piccolo è bello” si sta rivelando un punto debole strutturale delle aziende italiane.

E’ necessaria l’elaborazione di efficaci strategie di internazionalizzazione al fine di cogliere le nuove opportunità di sviluppo offerte dalla rapida evoluzione dello scenario economico mondiale. Il MIP – dice Fabio Sdogati – ritiene la formazione una leva fondamentale per il rilancio della competitività delle imprese italiane. Ma portare la propria azienda su uno o più mercati esteri è un processo di grande complessità. Grazie a questa iniziativa saremo in grado di fornire le competenze manageriali e la piena capacità di operare nel mercato globale per promuovere le imprese italiane e i loro prodotti. Inoltre, nell’ambito dei percorsi formativi di carattere internazionale, MIP offre la possibilità di partecipare alle iniziative denominate ‘Doing business in…’. Un’esperienza di una settimana all’estero presso una Business School locale di reputazione internazionale con l’obiettivo di approfondire le peculiarità di business del paese ospite e visitare imprese multinazionali.” Per informazioni e iscrizione rivolgersi a: Confindustria Monza e Brianza, tel.039.3638225 e.mail:mpaleari@aimb.it.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen