close
Focus imprese

Le aziende investono nel capitale umano

lucavaleri

Microsoft e Quintiles: due esempi di aziende che hanno scelto di investire nel capitale umano qualificato per uscire dalla crisi chiudono lo speciale di B&G dedicato alle risorse umane

Speciale Risorse Umane – Parte quarta

Microsoft Italia, miglior ambiente di lavoro 2010
Un’organizzazione non troppo gerarchica e una giusta combinazione di benefit e di attenzione alla pianificazione della carriera di ciascun collaboratore. Sono alcuni degli ingredienti che hanno permesso a Microsoft Italia di vincere il premio come migliore ambiente di lavoro del 2010 secondo Great Place To Work Institute. “Le caratteristiche che possono rendere un ambiente di lavoro “eccellente” sono diverse, ma ritengo che in qualsiasi contesto giochi un ruolo fondamentale la meritocrazia – spiega Luca Valerii, direttore delle Risorse Umane di Microsoft Italia -. Esiste, infatti, un legame stretto e tangibile tra il clima aziendale e la presenza e l’efficacia delle politiche di riconoscimento del merito.

Altri fattori che contribuiscono sono, senz’altro un’organizzazione non troppo gerarchica e informale che favorisca un flusso continuo e a due vie di informazioni tra il vertice dell’azienda e la sua base, l’offerta di strumenti e servizi che rendano piu semplice la vita dei dipendenti e una giusta combinazione di benefit e di attenzione alla pianificazione della carriera di ciascun collaboratore. Quest’ultimo aspetto, in particolare, permette di conciliare gli obiettivi aziendali con le aspirazioni professionali delle persone rendendo l’azienda “attraente” per i talenti”. In Italia i dipendenti Microsoft superano le 860 persone, distribuite nelle sedi di Milano, Roma e Torino. Il clima di lavoro di Microsoft Italia, premiato dal Best Workplace Institute e anche il risultato di azioni concrete da parte dell’azienda “che permettono ai propri dipendenti di investire adeguatamente nella propria salute e nel proprio futuro finanziario”. I prodotti, le tecnologie messe a disposizione di tutti, come il PC, lo smartphone e la connessione a banda larga da casa aiutano a bilanciare correttamente il lavoro e la vita privata. “Ogni filiale – prosegue Valerii – inoltre, sceglie localmente i benefit aggiuntivi da offrire. Nel caso dell’Italia, ad esempio, viene offerto un servizio interno di concierge (lavanderia e calzoleria) e un asilo aziendale. Uno dei criteri su cui si basa la scelta dei benefit e quello dell’utilita, che viene misurata attraverso indagini interne”.

Tra i principi che hanno permesso di costruire il successo dell’azienda, soprattutto del suo ambiente di lavoro, il concetto di “benessere” copre un ruolo rilevante: “Il concetto si riferisce al modo in cui una persona vive la relazione con l’organizzazione in cui lavora – spiega il direttore delle Risorse Umane -: tanto piu ne condivide la cultura, tanto piu “sta bene”, si sente a proprio agio ed e in grado di dispiegare il proprio po-tenziale; tanto piu la cultura organizzativa e trasparente e condivisa, tanto piu le persone sono in grado di rispondere velocemente ai cambiamenti dell’ambiente interno ed esterno, di rispondere positivamente all’incertezza, di trovare motivazione nel lavoro e innovazione nell’affrontare i problemi”. Promuovere benessere, secondo Microsoft, significa in sintesi poter contare su capacita quali cooperazione, responsabilita e innovazione – tutti elementi che si rivelano strategici per permetterci di uscire rapidamente dalla crisi economica in cui ci troviamo oggi. Le persone e il capitale umano restano alla base del successo di un’azienda e sono il fattore critico di successo che puo fare la differenza in un mercato iper-competitivo e veloce come quello attuale. In questo senso le aziende, a detta di Luca Valerii, sono chiamate a supportare le persone affinche crescano e arricchiscano il proprio bagaglio di esperienze e conoscenze. “E importante investire sullo sviluppo, affinche l’intera organizzazione possa beneficiare del ritorno sull’investimento sia da un punto di vista motivazionale sia di maggiore diffusione delle competenze e conoscenze in azienda. In Microsoft, ad esempio, una volta l’anno e previsto un momento formale per tutti i dipendenti, chiamato “Mid-Year Career Discussion”, dedicato alla discussione con il proprio manager del piano di sviluppo e di carriera. Inoltre, crediamo molto nella Job Rotation e lavoriamo affinche potenzialmente tutti i dipendenti abbiano la possibilita di cambiare ruolo durante la propria ‘vita’ in azienda. Infine, siamo fortemente convinti dell’utilita di uno strutturato programma di Mentoring. Ciascun dipendente, infatti, puo liberamente scegliere un mentore che possa affiancarlo nel suo percorso di carriera, con cui confrontarsi per sviluppare le aree piu deboli delle proprie competenze professionali”.

Per Quintiles un piano di assunzione per 300 persone
Oltre 300 persone da assumere nel periodo 2010-2012 e una componente femminile che in Italia arriva a toccare il 70%. Sono alcuni dei numeri del gruppo Quintiles, leader mondiale nei servizi per le aziende farmaceutiche e biotecnologiche. Nell’ultima classifica Best Place to Work 2010 e passata dalla ventiduesima posizione al diciottesimo posto. A livello internazionale Quintiles conta 3mila addetti al mondo e un fatturato 2009 previsto a circa 3 miliardi di dollari, in Italia l’azienda conta complessivamente un organico di circa 670 dipendenti, di cui il 70% circa e rappresentata da donne. Come afferma Leonardo Zanardi, amministratore delegato del gruppo Quintiles per l’Italia “la gestione del capitale umano e fondamentale per l’azienda”. I risultati confermati dalla classifica Best Place to Work sono frutto di un lavoro costruito nel tempo e di un attenzione costante alle risorse umane. “Ogni anno raccogliamo, in maniera anonima, i feed back dei dipendenti per i diversi settori e per le divese categorie. Da qui vengono calcolati gli indici percentuali che dimostrano il grado di coinvolgimento dei dipendenti e identificano le aree da migliore attraverso apposizi piani di sviluppo e piani d’azione. L’indice italiano risultata essere migliore rispetto a quello della media europea e questo dimostra che mettiamo in pratica una politica di alto livello”.

Tra le azioni messe in campo per migliorare l’efficienza dell’ambiente di lavoro, Zanardi mette in evidenza da una parte l’atteggiamento di apertura dei manager e dall’altro la costante comunicazione interna. “Stiamo avendo risultati e riscontri positivi grazie alla cosiddetta politica dell’open door, ergo una certa apertura da parte dei nostri manager che tengono sempre aperta la loro porta per ricevere qualsiasi tipo di informazione dai dipendenti. I nostri uffici sono tutti in un open space e gli uffici dei manager hanno porte in vetro per far passare il messaggio di completa trasparenza del gruppo. Abbiamo inoltre un house organ interno che esce ogni tre mesi su cui possono intervenire tutti i dipendenti”. Sul fronte della formazione Quintiles mette a disposizione dei neo laureati e delille future risorse dell’azienda dei master gratuiti sia per il clinical monitor sia per l’informazione medico-scientifica.

Vai alla prima parte >>
Vai alla seconda parte >>
Vai alla terza parte >>

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen