close
Economy

Meomartini, le imprese milanesi tornano a crescere

meomartini

La crisi non ha piegato la volontà del sistema milanese delle imprese e del sistema milanese nel suo complesso, tanto che Milano sta tornando a crescere. Parola del presidente di Assolombarda Alberto Meomartini, intervenuto nel corso dell’assemblea dell’associazione degli industriali milanesi

Per realizzare le prospettive di crescita dell’economia in questo momento serve una “presenza adeguata” della politica. Lo ha affermato il presidente di Assolombarda, Alberto Meomartini, durante l’assemblea dell’associazione degli industriali milanesi, a cui partecipano anche la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, i ministri Roberto Maroni e Ignazio La Russa. La politica, ha aggiunto Meomartini, deve svolgere “un ruolo di indirizzo e di governo delle scelte fondamentali in tema di bilancio pubblico e non di incentivazione finanziaria. L’economia di mercato ha bisogno di regole”.

“Il primo e vero sostegno alla crescita – continua – può e deve passare dal taglio e dalla razionalizzazione della spessa pubblica, per allentare la morsa del debito e liberare risorse per lo sviluppo”. La crisi “non ha piegato la volontà del sistema milanese delle imprese e del sistema milanese nel suo complesso”, tanto che “Milano sta tornando a crescere” – ha affermato il presidente Alberto Meomartini. “Assolombarda – continua – ha dato un contributo a questa rimessa in movimento, con il dialogo con la regione, la provincia e il comune. Nel percorso di rilancio di Milano la strada più percorribile non è quella diritta che non esiste, ma quella che valorizza gli incroci. Assolombarda si è posta l’impegno di essere presente in ogni incrocio in cui possa essere utile”.

“Promuovere l’innovazione come strumento di produzione responsabile. Incoraggiare, attraverso le imprese, la solidarietà e la coesione sociale e favorire una connessione, sempre più incisiva, tra innovazione e responsabilità sociale, questa è la ricetta giusta per affrontare le sfide che ci aspettano”. Così il Sindaco Letizia Moratti, accompagnata dall’assessore alle Attività produttive, politiche del lavoro e occupazione Giovanni Terzi, è intervenuta all’Assemblea Generale di Assolombarda, che si è tenuta al Conservatorio “Giuseppe Verdi”. Tra i presenti anche il ministro dell’Interno Roberto Maroni, il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, il presidente di Assolombarda Alberto Meomartini, il presidente della Provincia di Milano Guido Podestà e il presidente di Regione Lombardia Roberto Formigoni. “Voglio ringraziare in modo particolare le imprese – ha proseguito il sindaco – straordinario punto di riferimento per il Paese in un momento di difficoltà, di crisi strutturale. Grazie perchá avete avuto il coraggio di continuare ad investire, ad innovare, a essere imprese solidali, ad aprirvi a nuovi mercati. Grazie a voi, Milano è uno dei dieci centri economici mondiali con oltre 280mila aziende nell’area metropolitana, conta oltre 9mila società finanziarie e attira più del 40% degli investimenti stranieri. Siamo la città dell’innovazione con 8 università, 80 istituti di ricerca e il 20% delle imprese high-tech. Dopo Londra, siamo la seconda città in Europa per investimenti nel settore della ricerca e dello sviluppo e depositiamo lo stesso numero di brevetti di Boston”.

“Flessibilità e semplificazione – ha commentato l’assessore Giovanni Terzi – sono le parole chiave per sostenere le nostre imprese. Milano costituisce il motore del Paese, capace di fare sistema con le altre città e di combattere un eccesso di burocrazia che, spesso, mette in difficoltà lo sviluppo del Paese stesso”. Infine il Sindaco ha sottolineato la necessità di dare più libertà alle imprese nel rispetto della legalità. “Semplificare la burocrazia – ha concluso – è un impegno che ci vede uniti. Penso alla “Carta dei diritti delle imprese”, che Comune e Assolombarda hanno steso insieme, volta a garantire tempi certi e a semplificare le procedure secondo le necessità delle imprese. Penso, ancora, all’adozione da parte dell’amministrazione di strumenti informatici come la Posta elettronica certificata. Condizioni necessarie per garantire sviluppo e crescita. Un impegno che ci vede in prima linea accanto alle imprese“.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen