close
azimut_brasile

É nata la società Azimut do Brasil yachts, che rappresenta lo sbarco in Brasile, dal prossimo agosto, del gruppo italiano Azimut-Benetti. Ma la società non intende fermarsi qui e guarda già alla Turchia e alla Cina

Azimut-Benetti, il più grande gruppo privato nel settore nautico al mondo, ha annunciato la nascita della nuova società Azimut do Brasil Yatchs, che a partire dal mese di agosto segna l’ingresso diretto del gruppo sul territorio brasiliano. L’investimento complessivo è di circa 80 milioni euro, distribuito nell’arco di 5 anni: di questi 15 milioni sono stati versati per la partenza.

La società gestirà la realizzazione di imbarcazioni a marchio Azimut tramite un proprio cantiere sito nell’area di Itajai, nello stato di Santa Catarina, secondo polo nautico del Brasile dopo Sao Paulo. Questa operazione è stata spiegata dallo stesso presidente di Azimut-Benetti, Paolo Vitelli, durante il quarto Yatching gala del gruppo. All’origine di questa decisione c’è la significativa crescita del mercato brasiliano della nautica da diporto, che oggi presenta importanti opportunità di espansione; inoltre, considerata la crescita dell’azienda Intermare, a cui per 20 anni è stata concessa la licenza per la costruzione delle barche Azimut ed è diventata la più importante realtà brasiliana del settore (coprendo il 60% del mercato), il gruppo ha deciso di entrare direttamente nel mercato.

Il cantiere, che si sviluppa su una superficie complessiva di circa 200mila metri quadrati, sarà il più grande cantiere nautico del mondo coperto e produrrà fino a 100 yatch all’anno, offrendo alla clientela locale un’ampia gamma di proposte: 6 diversi modelli, 4 sotto gli ottanta piedi e 2 sopra i 100. Inoltre nel mese di aprile Azimut aveva firmato un accordo di partnership con Yatch Brasil, dealer dotato di una rete strutturata sul territorio. Ma l’aziende non intende fermarsi in Brasile e punta anche su altri mercati come quello turco e cinese. Nel primo caso ha acquistato un cantiere in Turchia, mentre in Cina ha aperto un ufficio commerciale a Shangai. I numeri del territorio cinese sono bassi ma in crescita: dalle 5 barche vendute nel 2009 si è passati alle 20 del 2010.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen