close
sibeg_home

Sibeg ha festeggiato i suoi primi 50 anni di attività come imbottigliatore autorizzato dei prodotti a marchio The Coca-Cola Company, con una serie in limited edition “Sibeg 50 Anni” della bottiglia della bevanda più amata

Quando si pensa alla Coca-Cola è difficile che ci si fermi meditare sulle tante e piccole eccellenze che rendono questa bevanda un mito di ieri e di oggi. “Era il 1976 quando mio marito Sergio Busi ed io, siamo rimasti abbagliati, affascinati, dal tepore, dalla luce, dal calore del mare e dall’ospitalità dei siciliani. – racconta Cristina Busi Ferruzzi, Presidente di Sibeg srl – Anche se per la Sicilia erano tempi molto difficili, noi ci abbiamo creduto. E dopo tanti anni siamo stati premiati e abbiamo ancora un grande futuro davanti a noi”.

Sibeg ha festeggiato i suoi primi 50 anni di attività come imbottigliatore autorizzato dei prodotti a marchio The Coca-Cola Company per la Sicilia, con una serie in limited edition “Sibeg 50 Anni” della bottiglia della bevanda più amata. A rendere ancora più speciale questa iniziativa il concorso istituito dall’azienda per premiare la creatività dei giovani artisti siciliani, di studenti del liceo artistico e delle Accademie di Arte della Sicilia.
Con “Create the Future of Sibeg” ai ragazzi è stato chiesto di ideare l’abito di Haute Couture della bottiglia così come in diverse occasioni ci hanno pensato stilisti affermati come Moschino, Missoni, Marni e Versace o artisti del calibro di Andy Warhol. Protagonisti degli oltre 600 elaborati pervenuti: il mondo Coca-Cola e la Sicilia. Tre le prove vincitrici della borsa di studio selezionate da una giuria di esperti presieduta da Cristina Busi Ferruzzi – Presidente Sibeg Srl e composta da Barbara Ghiotti – Art director agenzia Armando Testa, Linka Zangara – Avvocato, Fabrizio Nucifora – Italy Marketing Manager My Coke Coca-Cola Italia e Sergio Sapienza – Direttore Operations di Sibeg Srl.

Queste tre bottiglie realizzate rispettivamente dal catanese Dario Spampinato, dal palermitano Domenico Fiumefreddo e dalla giovanissima Luna Cuffari, studentessa di Catania sono state distribuite in tutta la Sicilia per dissetare e rinfrescare i 5 milioni di consumatori siciliani. In occasione della presentazione alla stampa di questa affascinante iniziativa abbiamo incontrato i vertici dell’azienda per farci raccontare la ricetta di un’azienda di successo e la storia di una realtà imprenditoriale a conduzione familiare.

Cosa significa far parte del mondo Coca Cola?
Far parte del mondo Coca-Cola significa grandi investimenti, specializzazione e ricerca costate.

Quali sono i punti di forza che hanno permesso alla vostra azienda di essere l’unica impresa italiana a cui la Coca Cola Company ha rinnovato il contratto?
Il nostro impegno come Sibeg non è solo quello di produrre e distribuire il marchio Coca-Cola sul territorio siciliano, una fetta importante dei nostri sforzi è infatti quello di fare cultura sul prodotto nel punto vendita.

Questo modo di agire ci ha permesso di avere oggi 32000 punti vendita di cui 11000 a frequenza continua.
Da qualche tempo abbiamo stretto un’interessante accordo con un produttore di ghiaccio industriale, Icecube, un partner importante perchè ci garantisce di offire ai nostri clienti il nostro prodotto inalterato. Insomma credo che con gli anni i risultati più che positivi hanno fatto in modo che il rapporto si basasse sulla fiducia di un successo certo.

Quali sono i pro di una grande azienda a conduzione familiare?
Manager giusti e la famiglia che ti da’ sicurezza sono la chiave del nostro successo.

In occasione del 50° anniversario della vostra azienda lanciate una collezione ‘limited edition siciliana’ di bottiglie Coca Cola, come nasce questo progetto?
Questa iniziativa si inserisce parallelamente al Tribute to Fashion che in questi anni ha contagiato il modo Coca-Cola Light. Per un avvenimento importante come il 50° anniversario abbiamo cercato qualche cosa che potesse caratterizzare i valori della nostra azienda e la creatività interpretata dai giovani non poteva che essere una scelta vincente. Così si è dimostrata e in poco tempo abbiamo raccolto moltissime prove di un livello incredibile tanto che oltre a premiare le tre proposte migliori abbiamo realizzato una mostra itinerante che potesse dare visibilità anche agli altri elaborati.

Quindi dobbiamo aspettarci altre edizioni limitate?
Certamente. E’ stato un progetto davvero entusiasmante. Se poi pensate che già abitualmente realizziamo quattro special edition all’anno questo non può che essere stato uno stimolo a fare sempre meglio e sempre di più senza però snaturare l’esclusività di questo tipo di iniziative.

Qual è stato invece il percorso che vi ha portato a progettare il Resort che avete in Sicilia?
Il nostro più che un Resort è un boutique hotel raffinato e semplice con pochissime stanze. Questa iniziativa, come spesso accade, è nata per caso. Cercavamo un luogo incantevole per passare il nostro tempo libero e abbiamo trovato Terre di Vendicari, immerso nel verde e vicino al mare, un’oasi di bellezza allo stato puro, un luogo che sarebbe stato un peccato non condividere con ospiti da tutto il mondo.

Ci dice in tre parole cosa caratterizza la vostra famiglia e di conseguenza il vostro successo?
Lungimiranza, tenacia e incorruttibilità.

Francesca Zottola

A cura di  Luxgallery

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen