close
Personaggi

Foppa Pedretti, addio al re dell’arredo in legno

foppa_pedretti

Si è spento a Bergamo Ezio Foppa Pedretti, fondatore della storica azienda produttrice di mobili in legno. Il ricordo di un imprenditore che ha costruito un impero da 80 milioni di euro

E’ morto la scorsa notte, all’età di 83 anni, Ezio Foppa Pedretti, mago del complemento d’arredo in legno, fondatore dell’azienda che porta il suo nome. Era il 1945 quando Foppa Pedretti fondò l’azienda, che allora si chiamava “Fabbrica Giocattoli dei Fratelli Foppa Pedretti”, insieme al fratello Tito.

La ditta era cresciuta fino agli anni ’60, quando la diffusione della plastica aveva messo in crisi il settore del legno. Per assicurare la sopravvivenza dell’azienda, Foppa Pedretti aveva sviluppato i settori dei mobili per la prima infanzia, iniziando la produzione di seggioloni e lettini. Il passo da piccola azienda a grande industria è stato breve: tra gli Anni Settanta e Ottanta Foppa Pedretti avviò anche la produzione di mobili per il giardino e mobili per la casa, e fondando poi la Fp Technology, azienda costruita e attrezzata pensando a politiche ecologiche di recupero energetico e di salvaguardia ambientale. Oggi la FoppaPedretti, la cui sede principale è a Grumello del Monte, occupa 250 dipendenti ed è un’azienda solita, conosciuta a livello mondiale. Basti pensare che nel 2001 l’azienda è stata classificata al terzo posto per “forza del marchio” tra tutti i brand italiani.

Ezio Foppa Pedretti, Cavaliere del Lavoro e Grande ufficiale al merito, dalla passione per i giocattoli in legno, aveva costruito un impero, arrivando a fatturare 80 milioni di euro l’anno. Un esempio di quella capacità di innovare, senza però dimenticare la tradizione, che può essere d’esempio alle nuove generazioni di imprenditori, come sottolineato dal presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni: “Mi faccio interprete dell’omaggio dell’intera Regione a un uomo che ha incarnato in modo esemplare le virtù lombarde del lavoro, dell’intrapresa e della responsabilità sociale” – ha commentato il presidente. “Nella sua lunga attività imprenditoriale ha saputo coniugare il gusto per la tradizione con le sfide dell’innovazione tecnologica che il mercato richiedeva, facendo della propria azienda uno dei brand italiani più conosciuti e affermati. A tutta la famiglia e ai vertici aziendali – è la conclusione del messaggio – porgo le più sentite condoglianze augurandomi che l’esempio di Ezio Foppa Pedretti rimanga vivo nella nuova generazione imprenditoriale chiamata a rilanciare lo sviluppo del Paese”.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen