close
Economy

Imprese, il Pirellone revocherà i contributi a chi delocalizza

pirellone2

La Regione Lombardia provvederà alla revoca dei contributi per le imprese che delocalizzano provocando forti penalizzazioni del tessuto industriale lombardo e perdita dei posti di lavoro

Niente contributi alle imprese che decideranno di delocalizzare la propria produzione Regione Lombardia. La novità è contenuta in un emendamento al Piano Regionale di Sviluppo a firma dei consiglieri della Lega Nord Massimiliano Romeo, Ugo Parolo e Renzo Bossi, approvato all’unanimità oggi dalla Commissione Bilancio.

Il documento prevede forme di “disincentivazioni fino alla revoca dei contributi regionali alle imprese che delocalizzano anche attraverso cessione di ramo d’azienda o per attività produttive appaltate ad aziende terze”. Sull’emendamento che revoca i contributi per le delocalizzazioni sono confluiti anche i voti favorevoli del Partito Democratico. Il Capogruppo del Pd, Luca Gaffuri, ha approvato il testo formulato in Commissione, auspicando però allo stesso tempo un suo rafforzamento per evitare che possa restare una “scatola vuota”.
Nel testo del Piano regionale di Sviluppo emendato in Commissione Bilancio sono contenute altre novità, come la necessità di arrivare quanto prima all’attuazione dello Statuto di Autonomia. In particolare si evidenzia la necessità di indire annualmente una festa regionale, pensata per “la valorizzazione della storia, delle parlate locali e di tutti gli usi e tradizioni della Regione”, di dotarsi di una bandiera e di procedere alla modifica della legge elettorale per garantire rappresentanza consiliare a ogni provincia.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen