close
Viaggi e Hotel

Un viaggio nel paese delle Pagode

no thumb
pagodaUn itinerario, a cura di Bradipo Travel Designer, nel cuore di Myanmar, il paese più buddista del mondo, alla scoperta di templi, aspetti della vita rurale locale e antiche memorie coloniali

Guarda la gallery >>

Bradipo Travel Designer propone un itinerario classico ma particolareggiato per partire alla scoperta del paese più buddista del mondo: partendo da Yangoon con la sua la pagoda Shwedagon, il tempio più venerato in Myanmar, per raggiungere poi Monywa, una tradizionale città birmana, attraverso Mandalay e Sagaing. Lungo il tragitto per Bagan si potranno scoprire interessanti aspetti della vita rurale locale per poi visitare l’immensa piana templare e proseguire verso il romantico lago Inle.

Il viaggio inizia a Yangon, antica capitale del Myanmar, ancora conosciuta come Rangoon, situata alla convergenza dei fiumi di Bago e di Yangon. Questa città accosta memorie coloniali britanniche, templi buddisti e indù, chiese cristiane e moschee musulmane che la rendono una delle città più esotiche e mozzafi ato del paese. Qui è piacevole godersi una passeggiata lungo i marciapiedi delle strade principali, larghi e spaziosi, invasi dai mercati e dai tavolini dei ristoranti oppure mescolarsi ai fedeli che recitano le loro preghiere in un’oasi di pace, ammirando le immagini simboliche di un luogo dove la dottrina buddista permea ogni attimo della vita quotidiana. Molto interessante il Museo Nazionale, dove ammirare i manufatti antichi immergendosi nella aff ascinante storia del paese. Imperdibile la celebre pagoda Shwedagon, il tempio buddista più venerato in Myanmar. Si parte poi alla volta di Mandalay, dove si pernotterà presso l’Hotel by the Red Canal, piccolo e grazioso, che rappresenta una celebrazione dell’artigianato del Myanmar con i suoi mobili in teak, gli accessori in rattan, la madreperla ed altri materiali locali come il marmo che decora le pareti dei bagni. Un’esperienza unica è quella di perdersi negli splendidi giardini del Shwenandaw Kyaung, l’antico palazzo reale Birmano, dove si arriva ad immaginare lo splendore che ha caratterizzato questi luoghi fi n dai tempi antichi: l’oro zecchino di cui sono ricoperti i cornicioni separa il rosso dei legni pregiati dal cielo sempre di un puro colore turchese. Al tramonto salire sulla collina di Mandalay ricca di scalinate a spirale e templi, permette di farsi trasportare dal pensiero in tempi lontani, ammirando lo splendido paesaggio da punti panoramici mozzafi ato. Immancabile una visita alla pagoda Mahamuni che ospita uno dei Buddha più venerati del paese, che nel corso del tempo è stato rivestito d’oro e, per fi nire, una traversata sul fi ume Irrawaddy per visitare l’antica capitale di Mingun, sede della Pagoda più grande, non ultimata e distrutta da un terremoto. Attraversando il ponte sul fi ume Irrawaddy si arriva a Sagaing. La collina è costellata di pagode e templi dipinti di bianco, che costituiscono il centro religioso del Myanmar e ospitano tremila monaci e svariati centri di meditazione.

Con tre ore di auto da Mandalay si raggiunge Monywa, una tradizionale città birmana costruita sulle rive del fi ume Chindwin. Attraversando in battello il fi ume e dopo un breve percorso a bordo di una jeep, si arriva alle grotte situate in una fenditura delle colline di Powintaung. Questo straordinario complesso è costituito da 947 ambienti scavati nell’arenaria della collina e contiene quella che gli archeologi considerano la più grande raccolta di pitture murarie e statue di Buddha di tutto il Sudest asiatico. Lungo la strada che porta a Pakokku, aff ascinante cittadina dalla ricca tradizione artigianale, si attraversano villaggi tradizionali, dove è possibile osservare i contadini che si arrampicano sulle palme per estrarre il succo dal quale producono lo zucchero di palma. Con una traversata di due ore sul fi ume Ayeyarwady si raggiunge Bagan, città ricca di pagode e templi favolosi: solo visitandola è possibile comprendere perché sia considerata una delle meraviglie dell’Asia. Diffi cile descrivere e commentare i numerosi templi costruiti secondo stili diff erenti nei vari periodi in cui Bagan è stata il fulcro culturale e religioso più importante dell’intera regione; lo stile architettonico adottato per la costruzioni degli edifi ci si è infatti evoluto velocemente nell’arco dei secoli per dare più luce agli spazi interni, utilizzando materiali provenienti anche dall’India. Qui si soggiorna al Myanmar Treasure Resort, una struttura inserita in un’area archeologica di grande interesse, con camere arredate in modo tradizionale, arricchite da opere d’arte. Un’intera giornata è dedicata all’esplorazione delle bellezze di questa città: dal colorato mercato Nyaung Oo dove ogni giorno gli abitanti giungono per vendere o acquistare prodotti freschi, proseguendo con la splendente pagoda Shwezigon, per terminare con la visita ai templi di Wetkyi- In Gubyaukgyi, Htilominlo e Ananda, uno dei più belli di Bagan.

Al tramonto, Bradipo Travel Designer propone una crociera sul fi ume Irrawaddy dove verrà servito un cocktail su un banco di sabbia. Un modo magico per terminare la giornata. Con un volo interno si raggiunge in seguito il lago Inle, un’oasi circondata dall’altipiano meridionale dello Shan. Una volta raggiunto il lago dal villaggio di Nyaung Shwe, a bordo di una barca a motore privata si raggiunge l’altra sponda per ammirare uno dei paesaggi più spettacolari del paese. Sul lago sono stati costruiti diversi villaggi su palafi tte, abitati dalla tribù Intha. I giardini e i villaggi galgalleggianti off rono interessanti scorci della vita locale; sarà possibile ad esempio osservare la particolarissima tecnica di pesca utilizzata dagli indigeni: essi remano con una gamba in modo da avere le mani libere per pescare con una rete conica. Si prosegue quindi verso la Pagoda Phaung Daw Oo, il principale santuario della zona, che contiene cinque immagini sacre di Buddha rivestite d’oro. La mattinata seguente sarà dedicata agli acquisti di artigianato locale che è possibile fare al mercato galleggiante, dove la parola d’ordine è “contrattare”. Qui Bradipo Travel Designer propone un corso di cucina presso una casa tipica birmana, un’opportunità davvero interessante per conoscere i sapori tradizionali e la preparazione dei piatti della cucina locale. Si alloggia al Myanmar Treasure Resort, posizionato sulle tranquille sponde del lago, dove un’enorme terrazza consente di ammirare il tramonto, poco sopra la silouhette delle montagne, con le nuvole che sembrano incendiarsi mentre si specchiano nelle acque. Un viaggio in Myanmar si trasforma così in un’esperienza unica di meditazione e rifl essione alla scoperta di sensazioni mistiche e di beatitudine.

Guarda la gallery >>

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen