close
Tecnologie

La Lombardia punta sulla banda larga

banda_larga

La Regione Lombardia è pronta a investire nella banda larga e nello sviluppo tecnologico.La realizzazione in project financing delle infrastrutture di accesso in fibra ottica connetterà 5 milioni di cittadini e imprese lombardi

Il sottosegretario regionale della Lombardia all’Università e Ricerca Alberto Cavalli è intervenuto insieme al presidente Roberto Formigoni al convegno “Futuro fotonico”, organizzato a Vimercate.

Cavalli ha sottolineato il fondamentale contributo che il settore privato da’ alla ricerca in terra lombarda: il 70 per cento degli investimenti è infatti a carico dei privati, percentuale superiore alla media nazionale. In questo contesto si inserisce l’insieme delle azioni di Regione Lombardia, che “non ha paragoni in Italia per quantità e varietà delle risorse e degli strumenti dedicati all’innovazione e alla ricerca”. “Regione Lombardia – ha proseguito Cavalli – sostiene le filiere di impresa e i distretti tecnologici e, tra questi, anche quello dedicato alle nuove tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni, che unisce in un obiettivo comune di crescita le grandi multinazionali, le piccole e medie imprese lombarde”.

“Tra le azioni fondamentali messe in atto da Regione Lombardia per lo sviluppo economico e sociale – ha sottolineato il sottosegretario – c’è il completamento delle autostrade per la trasmissione dei dati e della conoscenza: la rete a banda larga. Il progetto Banda Ultra Larga (BUL) può costituire un’eccellente occasione per fare della Lombardia uno dei territori piu’ attrattivi e avanzati d’Europa”. A partire dal prossimo anno la realizzazione in project financing delle infrastrutture di accesso in fibra ottica alla rete di TLC, con i suoi 1,4 miliardi di euro di investimenti, connetterà 5 milioni di cittadini e imprese lombardi. “Da li’ bisognerà partire – ha concluso Cavalli – per sperimentare e diffondere nuovi impieghi della rete internet, facilitando e incoraggiando un pieno utilizzo da parte della Pubblica amministrazione, dei cittadini e delle piccole imprese”.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen