close
Premi e concorsi

Un premio alle imprese amiche dell’ambiente

premi_imprese

Sono state premiate le imprese maggiormente lodevoli per essersi distinte per la propria attenzione verso l’innovazione ecocompatibile. Ad assegnare il Premio Innovazione Amica dell’Ambiente è stata Legambiente, in collaborazione con Regione Lombardia, Fondazione Cariplo e Confindustria

Sono sei le aziende che si sono aggiudicate il Premio Innovazione Amica dell’Ambiente e nove quelle che hanno ottenuto un riconoscimento per essersi distinte per aver utilizzato nuove tecnologie o per essere state particolarmente efficienti nell’uso e nel riutilizzo delle risorse. A consegnare i premi il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, affiancato dal presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza.

Fra i premiati c’è chi è riuscito a produrre una pellicola alimentare completamente biodegradabile, chi è stato in grado di utilizzare tutti i sottoprodotti della lavorazione delle nocciole come combustibile per apparati di cogenerazione e chi ha rivoluzionato il processo di concia delle pelli. E ancora, coloro che hanno presentato turbine eoliche o capaci di produrre molta energia anche con poco vento e il gruppo che ha inventato un sistema che contribuisce alla climatizzazione invernale ed estiva combinando in modo intelligente le fonti di energia rinnovabili e fossili. “Queste imprese – ha detto il presidente Formigoni durante la cerimonia di premiazione – testimoniano che l’innovazione tecnologica e la modernizzazione si coniugano sempre di più con la sostenibilità. Dare più competitività alle aziende attraverso una maggiore attenzione all’ambiente è la strada giusta. In questo modo otteniamo un modo di produrre che rilancia la presenza del made in Italy e del made in Lombardy nel mondo e nello stesso tempo tratta bene l’ambiente”. Questo, ha proseguito il governatore lombardo, “lungi dall’essere un freno per le politiche sulla competitività, è diventato un formidabile ‘volano’ per la nostra economia” tanto che “per primi abbiamo creduto alle opportunità che ci offre la green economy”.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen