close
Varie

Il tempo che scorre si ferma da Chronosphere

chronosphere

Un edificio unico al mondo, in cui design, stile ed eccellenza raccontano un nuovo modo di celebrare il Tempo e le sue Forme. Apre il free-standing concept di Serafino Consoli dedicato all’alta gioielleria e all’alta orologeria. Siglati importanti accordi di partnership con prestigiose maison internazionali

Dar vita a qualcosa che nessun’altro ha mai fatto prima è il sogno di ogni imprenditore. Non è soltanto una sfi da, ma la volontà di dare un contributo d’innovazione in un mondo che si appiattisce sempre più verso gli schemi. E questa idea gli schemi li ha rotti tutti.

Perché Serafino Consoli, maison con oltre cinquant’anni di storia nel settore della gioielleria e dell’orologeria, ha creato qualcosa che prima non c’era e per defi nirla è stato perfi no necessario coniare un termine nuovo. Perché “Chronosphere” non è un negozio, non è una galleria, non è uno show-room, ma tutte queste cose insieme e molto di più, a cominciare dalla struttura architettonica con un design unico al mondo. Una sorta di “free-standing concept”, un concetto a se stante, indipendente, che rivoluziona il mondo dell’alta gioielleria e dell’alta orologeria a livello internazionale e che rilancia ancor più lo stile Made in Italy nel tempio dell’alto di gamma. Uno spazio architettonico innovativo, dove prende vita un’idea completamente nuova nel settore del lusso e dedicata ai cultori di orologi e gioielli di tutto il mondo.
Cos’è “Chronosphere”
E’ la “Forma del Tempo”. Uno spazio appositamente pensato per ospitare, raccontare e vivere il Tempo e le sue forme. Insomma, una vera e propria celebrazione del Tempo: quello delle persone chiamate a vivere un’esperienza unica; quello degli straordinari oggetti dell’arte orologiera e dell’alta gioielleria che sono presentati all’interno di questo concept; quello delle idee, attraverso lo sviluppo di un’operazione culturale che getta le basi per una nuova fi losofi a del lusso. “Quello che conta – spiega Ivan Consoli, chairman di Serafi no Consoli – è la nostra voglia di dare forma al tempo insieme a coloro che lavorano ogni giorno con noi proprio per questo, puntando sull’eccellenza e sull’unicità. E dare forma al tempo signifi ca soprattutto dare valore alle persone. Non c’è tempo senza relazione, con i clienti, con i partner, con gli amici che ci sono stati vicini in questi anni”. Attraverso “Chronosphere” il visitatore è chiamato a vivere una vera e propria “Experience” basata su più prospettive. Un viaggio fatto di architettura e design, di cultura orologiera, di piacere ed emozioni. Un percorso su più livelli per riscoprire il gusto di assaporare il tempo, per uscire dai banali schemi commerciali e dalle logiche del semplice rapporto d’acquisto.
L’architettura
Questa struttura architettonica senza paragoni nasce dall’abile intuizione di trasformare elementi dell’alta orologeria in idee portanti dell’edifi cio. Così, dal connubio perfetto di elementi tipo, come i contatori sovrapposti del quadrante del “PanoMatic Chrono” di Glashütte Original, il ponte del tourbillon di Girard Perregaux e il “Cilindro sospeso” ideato proprio da Serafi no Consoli, nasce questo edifi cio pensato per essere “free-standing”: unico, indipendente, inimitabile, identico solo a se stesso. La struttura è sviluppata su più livelli, ciascuno studiato per comunicare specifi – ci concetti e presentare al pubblico i vari brand collezionati all’interno di “Chronosphere”. Design innovativo, materie prime di grande pregio, attenzione al dettaglio e specifi che strumentazioni hi-tech fanno di questo free-standing concept uno spazio rivoluzionario nel settore.
La passione di una famiglia per il tempo
Questa iniziativa è frutto di un progetto a lungo termine della famiglia Consoli, che ha iniziato il suo cammino nel mondo della gioielleria nel 1959 in provincia di Bergamo e che, da sempre, ha dimostrato la sua grande passione per il tempo. Un percorso iniziato proprio da Serafi no Consoli, uomo straordinario, concreto, operoso, che ha saputo insegnare e trasmettere alle generazioni successive questa infi nita passione. Un percorso il cui esordio è davvero magico: “Alla fi ne degli Anni Cinquanta – racconta Serafi no Consoli – ho dovuto cercare un lavoro che potessi condividere con mio fratello che era poliomielitico e che non si poteva muovere. Così ci siamo dedicati alla riparazione degli orologi perché era un’attività che si poteva fare da seduti e che poteva svolgere anche mio fratello. E’ iniziata così, dalla forza di una diversa abilità che voleva trovare una sua espressione”. Sono passati più di cinquant’anni e oggi, continua, inscindibile, la storia di questa famiglia e di questa azienda pronta adesso a una nuova sfi da, grazie alla vision e al genio di Ivan Consoli, che ha raccolto con rinnovata energia il testimone del padre Serafi no.
Un nuovo concetto di lusso
Serafino Consoli afferma e celebra defi nitivamente con “Chronosphere” la propria fi losofi a basata su un nuovo concetto di lusso. “Sempre più spesso sentiamo parlare di lusso – precisa Ivan Consoli – ma il vero lusso è la capacità di ciascuno di noi di scegliere consapevolmente. Il lusso non è il banale possesso di qualcosa che costa moltissimo, ma è il gusto di scegliere ciò che è davvero unico. Diciamo la verità, con i soldi è facile acquistare orologi e gioielli da tutti conosciuti e riconosciuti, ma solo con la conoscenza e la cultura orologiera, con la passione del bello, ci si può avvicinare a oggetti davvero unici e straordinari. Non crediamo in chi ostenta per rassicurarsi e godere di un’accettazione da parte degli altri. Questa è la strada delle mode, degli oggetti in cui molti si riconoscono, di un’identità che non è unicità, ma scimmiottamento di forme di stile superfi ciali e imposte dagli altri. Noi crediamo in coloro che amano il tempo e le sue forme d’alta gioielleria e arte orologiera per quello che rappresentano per sé stessi e basta. Niente canoni, niente schemi, ma scelte fuori dagli schemi che dimostrino una personalità compiuta. Scelte in cui credere, in un mondo che non le riconosce, scelte come quella di mio padre cinquant’anni fa”.

Le Partnership
“Chronosphere” nasce anche da un preciso e articolato progetto di partnership che coinvolge importanti e prestigiosi marchi a livello internazionale, chiamati direttamente in causa per condividere questa sfida straordinaria. Sono protagonisti di “Chronosphere”: Antonini, Bac k e s &S t r au s s , Barakà, Breitling, Chaumet, Corum, Cvstos, Demeglio, Gebrüder Schaffrath, Girard Perregaux, Glashütte Original, Hera, Jaermann&Stübi, Jaquet Droz, Jean Richard, Mattioli, Mikimoto, Mimi, Montblanc, Noon, Palmiero, Parmigiani, Rado, Swarovski, Tag Heuer, Ulysse Nardin, Veinini, Vertu, Villeret, Zenith. A sottolineare il valore di queste partnership è una delle realtà protagoniste: “Quando, qualche anno fa, Ivan Consoli mi ha raccontato l’idea alla base di questo progetto – ha spiegato Marco Del Carro, brand manager per l’Italia di Glashütte Original – ho subito capito che mi trovavo di fronte a un’iniziativa unica nel suo genere. Per questo, la nostra maison ha dato tutto il suo appoggio ed è orgogliosa di prendere parte a “Chronosphere”. Una partecipazione sottolineata ancor più dalla cessione in esclusiva per l’Italia a Serafino Consoli di uno dei nostri orologi più importanti, il PanoMatic Counter”. 

A due passi dall’Europa
“Chronosphere” sorge nel cuore della Lombardia, a Grumello del Monte, “Città del vino” in provincia di Bergamo. Qui, a ridosso delle dolci colline della Valcalepio e in prossimità della Franciacorta, la famiglia Consoli ha coltivato la propria azienda nel corso degli ultimi cinquant’anni e ha scelto di consolidare ancor più il proprio attaccamento con il territorio con questo nuovo progetto. Come molti di grandi marchi che portano il Made in Italy in tutto il mondo, Serafino Consoli è un patrimonio della provincia italiana, che fa grande questo Paese. Per questo, il visitatore è chiamato a scoprire non solo le meraviglie di questo concept innovativo, ma anche tutta la ricchezza di un territorio pronto a offrire paesaggi, cultura, storia e il piacere della buona tavola e del bere. Dal punto di vista viabilistico e infrastrutturale, “Chronosphere” è perfettamente collegata con il resto d’Europa grazie alla vicinanza con l’aeroporto di Milano- Orio al Serio, al casello di Grumello del Monte dell’autostrada A4 e alla stazione ferroviaria.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen