close
Varie

Artemide, quando la luce è design

artemide

Un simbolo indiscusso del design italiano nel mondo, un’azienda leader nel suo settore e un‘eccellenza riconosciuta a livello internazionale. Parliamo di Artemide, realtà nata nel 1960 e tra i principali leader nel settore dell’illuminazione residenziale e professionale d’alta gamma.

Il successo di Artemide ha radici profonde e risale al primo dopoguerra, quando viene creata la prima lampada denominata “Alfa”. In un periodo in cui l’immaginario collettivo identificava l’illuminazione elettrica con la classica lampadina, Artemide ha scelto di puntare sul design. “Allora come oggi era fondamentale sapersi distinguere – ha sottolineato l’ingegner Ernesto Gismondi, CEO di Artemide. – Per noi il design non è solo estetica ma è un vero e proprio modo di progettare.”

Sin dagli albori, infatti, Artemide ha collaborato con i maggiori designer del mondo, da Enzo Maris a Carlotta de Bevilacqua da Michele de Lucchi a Karim Rashid fino alla recente collaborazione con Zaha Adid in occasione del Salone del Mobile 2011. “Artemide ha da sempre avuto il piacere di lavorare con grandi maestri del design internazionale – ha continuato Gismondi – ed è alla costante ricerca di giovani emergenti, di talenti nuovi da portare in Artemide”.

Oltre al design dei prodotti, Artemide è arrivata a toccare i livelli attuali grazie soprattutto a fattori quali: la fedeltà ai valori aziendali, l’attenzione al cliente, eccellenza professionale e innovazione. “Il nostro successo è strettamente legato allo sforzo di essere sempre noi stessi – ha spiegato l’ingegnere – alla serietà nel modo di lavorare e alla qualità dei nostri prodotti. Un impianto di illuminazione Artemide è garantito 10 anni, e in realtà dura molto di più. Una volta scaduta la garanzia siamo comunque lieti di dare assistenza ai nostri clienti”.

L’innovazione e la ricerca sono due punti cardine dell’attività aziendale. “Senza ricerca non c’è innovazione – ha dichiarato l’ingegner Gismondi – e in un contesto come quello attuale è necessario innovare, stare al passo con le nuove tecnologie. Chi resta indietro non ha possibilità di restare ai vertici del mercato”.

Tra le nuove tecnologie un ruolo di spicco è occupato dai Led, un sistema di illuminazione su cui il Gruppo ha deciso di investire molto: “É molto importante imparare a sfruttare le nuove tecnologie – ha concluso il CEO di Artemide -.  Con l’elettronica è possibile un controllo della luce prima inimmaginabile”.

Questi i valori fondanti di un’azienda che dalla sede operativa di Pregnana Milanese esporta in tutto il mondo. Con le 17 filiali commerciali e con la capillare rete distributiva, Artemide punta ad avere ovunque un alto livello di servizi e qualità dei prodotti. Questo obiettivo è perseguito attraverso la presenza in loco di lighting designer che studiano le richieste del cliente e progettano la soluzione. “Nelle nostre filiali non ci sono agenti – ha spiegato Gismondi – ma veri e propri uffici di progettazione a disposizione del cliente”.

Sul fronte dell’esportazione, negli ultimi anni Artemide ha scelto, come molte altre aziende del settore, di indirizzarsi verso i paesi emergenti, mantenendo sempre la propria identità. “Essere presenti in tutto il mondo non significa cambiare il proprio modo di lavorare – ha concluso l’ingegner Gismondi – i nostri clienti sono persone che riconoscono il design come valore e per questo credono in Artemide”.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen