close
Arte

La scultura di Arnaldo Pomodoro a Pietrasanta. La mostra della settimana

no thumb

Ecco un altro appuntamento con l’arte che questa volta accompagnerà l’estate di Pietrasanta (Lucca). Le opere di Arnaldo Pomodoro sono protagoniste della mostra a cura di Danilo Eccher in scena nel capoluogo della Versilia storica fino al 30 settembre 2011.

Gli spazi di Flora Bigai Arte Contemporanea ospiteranno diciotto capolavori che ripercorrono la ricerca creativa dello scultore italiano contemporaneo più conosciuto e apprezzato a livello internazionale.

Dal gioiello alla scultura, dalla scenografia all’architettura, c’è un filo che lega le singole discipline dove Pomodoro si è cimentato e da cui deriva l’immediata riconoscibilità dell’impronta del Maestro.

L’asse portante della mostra è Continuum I, un insieme di sei pannelli, ciascuno costituito da tasselli di circa 10 cm di lato, che complessivamente formano un’opera di 160 x 450 cm. L’imponente lavoro altro non è che l’alfabeto del linguaggio espressivo dell’artista, una sorta di sintesi che raccoglie gli elementi principali della sua ricerca stilistica e formale.

Dodici opere ripercorrono i modelli base della scultura del Maestro emiliano: il cuneo, il disco, la sfera, l’osso di seppia, la piramide, il pettine, la colonna e il prisma, elementi che, mescolati o da soli, miniaturizzati o ingigantiti, permettono un’infinita varietà di composizioni e riportano alle origini del suo lavoro.

Completa l’esposizione un maestoso obelisco che verrà esposto in via Garibaldi a Pietrasanta. La scultura colonnare, una superficie bronzea, lucida e regolare è squarciata con quelle che Arnaldo Pomodoro definisce lacerazioni, strappi e incisioni filiformi attraverso cui l’artista crea un bilanciamento fra interiorità ed esteriorità, tra razionale e irrazionale.

Pietrasanta, crocevia di scultori provenienti da tutto il mondo, non poteva che celebrare uno degli artisti più emblematici in questo campo: le sculture in bronzo di Pomodoro campeggiano nelle più rinomate piazze mondiali, da Milano a Copenaghen, da Brisbane a Los Angeles e Darmstadt.

A cura di Luxgallery

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen