close
Economy

“Il parlamento agisca per la salvezza nazionale”

Montecitorio

“Intollerabili”. Così Jacopo Morelli, presidente dei giovani imprenditori di Confindustria, ha definito i veti sulle liberalizzazioni e i costi della politica previsti dalla manovra del Governo Monti.

In occasione del Consiglio Nazionale del Movimento svoltosi a Roma lo scorso 16 dicembre Morelli ha commentato l’attuale situazione del Paese e le prospettive per il futuro.”La strada per portare l’Italia fuori dall’emergenza è ancora lunga. E’ essenziale riformare l’Italia nelle sue fondamenta. E’ necessario che il Governo approvi al più presto misure per la concorrenza e per tagliare i costi della politica”.

Morelli ha insistito sulla necessità per la Nazione di riprendere a crescere per uscire dalla crisi finanziaria. “Solo in questo modo  – ha proseguito – potremo ripagare gli sforzi di oggi con maggiore occupazione, servizi più efficienti e un sistema previdenziale equilibrato. Per questo eventuali aumenti dell’Iva non devono servire a far cassa ma devono essere destinati a ridurre il cuneo fiscale, per innalzare i salari e rafforzare la domanda interna. Ci troviamo in una condizione straordinaria, ad un bivio fra ripresa o fallimento. Famiglie, lavoratori e imprese hanno capito prima della politica l’eccezionalità della situazione e si sono dichiarati disposti a sopportare sacrifici anche molto pesanti. Affinché questi sacrifici siano sostenibili e non minino la coesione sociale è d’obbligo che davvero tutti li sostengano. Il Parlamento si faccia promotore di un sentimento di salvezza nazionale per consentire al Governo di proseguire un percorso di risanamento strutturale del sistema Paese”.

“Non possiamo sostenere ulteriori manovre correttive. Questa è la nostra ultima chance, non perdiamola” ha concluso il Presidente dei Giovani Imprenditori.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen