close
ecommerce

In Italia e nel resto d’Europa l’e-commerce sta riscuotendo un enorme successo e la sua diffusione non intende fermarsi, aumenta giorno dopo giorno. Ma quali saranno i trend del futoro? in che modo le aziende potranno sfruttare appieno le potenzialità offerte dalla vendita in rete?

La risposta può venire dallo studio condotto da Catherine Barba, Direttrice Generale della Digital Commerce Factory di vente-privee.com con il patrocinio della FEVAD e della DGCIS. In questo modo vente-privee.com, il portale leader mondiale delle vendite-evento online, delinea le 5 grandi tendenze per l’e-commerce di domani.

Il cross-channel
Il 2012 vedrà in generale la diffusione degli e-shop dei brand e dei retailer: il loro principale “flagship store” aperto 24 ore su 24 a tutti i clienti del mondo e il primo luogo in cui, nel prossimo futuro, il consumatore si recherà per immergersi nell’universo della marca.  Di fronte a questo cambio di prospettiva, la vera domanda che si deve porre un operatore di e-commerce deve essere: come generare traffico nel punto vendita fisico dopo l’esperienza in e-store? A questo proposito, Catherine Barba, sottolinea che “il Web è un formidabile “acceleratore” di reti di vendita fisica in Europa. Il cross-channel si sta sviluppando per integrare al meglio commercio tradizionale ed e-commerce, le esperienze vissute in negozio e nuove tecnologie, il tutto per apportare un’esperienza globale, fonte di soddisfazione superiore per i suoi clienti”. La sfida per l’e-commerce è dunque quella di creare un legame tra le nuove tecnologie e la realtà realizzando all’interno di ciascun canale, online o offline, un’esperienza distintiva per il cliente, fonte di piacere e di emozione. vente-privee.com ha compreso l’importanza di questa sfida e ha sviluppato il suo servizio Rosedeal, una soluzione capace di collegare l’online e l’offline attraverso un sistema di voucher che trasferisce il traffico dei membri del sito presso il negozio del brand. vente-privee.com agisce non solo come un potente generatore di traffico nel negozio per le marche ma anche come un media eccezionalmente efficace poiché le sue operazioni sul sito vengono ogni volta raggiunte, all’interno di un ambiente grafico particolarmente curato, da 2,5 milioni di visitatori unici ogni giorno.

m-commerce
Il 2012 vedrà un forte sviluppo del mobile commerce, e dunque la possibilità di vivere un’esperienza d’acquisto “anytime, anywhere”. Per vente-privee.com il canale mobile non si inserisce come elemento complementare a sostituzione delle vendite web, ma rappresenta un servizio ulteriore per i membri perché permette loro di acquistare quando e dove desiderano. Oggi più del 16% del fatturato globale di vente-privee.com deriva dal mobile e dall’acquisto effettuato tramite smarthphone o tablet, con le applicazioni lanciate dal 2010 ad oggi, in particolare iPhone, iPad, Android e Windows Phone 7.

Differenziarsi attraverso l’immagine e il tono
In un ambiente in cui domina un eccesso di concorrenza, i brand dovrebbero puntare ad andare oltre al concetto del “catalogo online” e a differenziarsi grazie a un lavoro di «messa in scena dei prodotti». E’, infatti, la qualità dell’elemento visual che trasferisce ai clienti l’esperienza dei valori unici e insostituibili della marca, integrandoli con un’offerta completa dei propri prodotti. Come sostiene Jacques-Antoine Granjon, Presidente, Direttore Generale e fondatore di vente-privee.com, “Sul sito di e-commerce, un brand deve far sognare il cliente, sviluppando un immaginario ed affermando ciò che lo rende unico. Le marche che emergeranno domani sono quelle che sapranno ispirarsi al desiderio del cliente e che riusciranno a toccare la loro sensibilità attraverso un largo utilizzo delle immagini e dei video”. Una specificità dei team shooting e webdesign della Digital Commerce Factory e di vente-privee.com, che dispongono di 60 studi fotografici e 70 Motion Designers, veri esperti di video e immagine.

L’eccellenza del servizio
Le aziende che intendono portare al successo la propria strategia per l’e-commerce dovranno puntare anche sull’eccellenza del servizio. Dal ricevimento dell’ordine alla preparazione della spedizione fino alla consegna e la gestione del reso, la presenza di un servizio clienti reattivo è fondamentale. I consumatori di domani non cercheranno per forza lo sconto maggiore, ma il prezzo più basso possibile a fronte
di un servizio di qualità. E’ dunque fondamentale saper trasmettere al proprio team di lavoro il senso di condivisione, di prossimità e di ascolto, affinché questi valori vengano riprodotti anche nel contesto della relazione con il cliente. “Un servizio clienti reattivo, capace di mettere il rapporto umano al centro della relazione, è la chiave del successo di domani” sostiene Catherine Barba. “L’istituto BVA, quarto istituto di studi di Marketing in Francia, alla fine del 2011 ha premiato vente-privee.com per il 3° anno come “Servizio Clienti dell’Anno“.

Il lusso ed il web
Come afferma Catherine Barba “Gli acquirenti di beni di lusso hanno un livello di maturità ed expertise molto sviluppata nell’utilizzo del digital: non percepiscono alcuna differenza tra l’acquisto online e quello in
boutique e sono abituati ad avere l’alternativa della scelta
.”I siti di lusso dovrebbero, quindi, proporre una “e-selling ceremony”, con un vero e proprio rito di accoglienza e di vendita, capace di essere fonte di piacere, di emozioni e di sogni attraverso una vera e propria messa in scena
dei prodotti. Il primo obiettivo di un sito di e-commerce di lusso non è dunque quello della vendita online, ma di trasmettere il desiderio di acquistare, online o presso la boutique.

Consapevole di questo scenario, e associandosi all’expertise di Catherine Braba e della sua squadra di consulenti altamente qualificata, vente-privee.com ha deciso di mettere al servizio dei brand la propria professionalità ed esperienza attraverso la Digital Commerce Factory by vente-privee.com, un servizio che nasce al fine di accompagnare le marche, i distributori e gli e-marchand nella risoluzione di tutte le loro problematiche e-commerce e cross-channel

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen