close
Ecosostenibile

Aumentano le imprese lombarde “responsabili” verso l’ambiente: +9%

paradosso_1.jpg

Sono 1.5551 le aziende lombarde con certificazione ambientale ISO 14001,  circa una su sei in Italia.  Secondo uno studio della Camera di Commercio di Milano su dati Accredia a dicembre 2013 e 2012 tra le provincie con il maggior numero di imprese responsabili spiccano Milano con 618 (+8.6%), Bergamo con 240 (+8.6%) e Brescia con 219 (+7,4%), seguite da Pavia, Lecco e Cremona.

Tra le aziende responsabili meno di una su dieci lo comunica all’esterno. L’iniziativa “green” ha origine in motivazioni etiche dei vertici aziendali, si realizza tramite l’adozione di una condotta etica in campo ambientale e, solo secondariamente, attraverso il bilancio sociale e la certificazione. Inoltre, più di 2 imprenditori su 3 credono che non abbia ritorni economici. Questo è quanto emerge da un’indagine della Camera di Commercio di Milano realizzata a maggio 2014  attraverso DigiCamere Scarl e condotta su 400 imprenditori di Milano e provincia con metodo CATI.
La Camera di Commercio di Milano ha previsto uno sportello dedicato, il CSR, che offre supporto alle imprese lombarde intenzionate ad avviare percorsi di responsabilità sociale.
Lunedì 16 giugno in Camera di Commercio si è tenuto il convegno: “La comunicazione verde come fattore di successo aziendale: regole e opportunità”. Si è parlato del ruolo che riveste la certificazione ambientale, dei servizi di assistenza gratuita che vengono offerti alle imprese. Particolare attenzione è stata dedicata al settore della moda, a quello dell’industria chimica, ai casi del parco agricolo Sud Milano e di Assocasa. Tra gli interventi: Liberata Dell’Arciprete, consigliere della Camera di commercio di Milano, Barbara Pozzo, professore ordinario Università dell’Insubria, Vincenzo Guggino, segretario generale dell’IAP.
L’evento è stato organizzato dalla Camera di Commercio di Milano in collaborazione con IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria), Fondazione Lombardia per l’ambiente e Univeristà dell’Insubria.

 

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen