close
Varie

Export in Corea, per Milano quasi quanto la Spagna

MI-Corea_2014.jpg

Passa da quasi 2,3 a oltre 2,4 miliardi l’interscambio Lombardia-Corea tra il 2012 e il 2013, +7%. L’export di 1,4 miliardi supera l’import di 1 miliardo. L’interscambio di Milano vale 1,5 miliardi. Bergamo e Mantova superano i 150 milioni. Macchinari con quasi mezzo miliardo e moda, con 355, i settori dell’export lombardo.

Si importano computer, metalli e chimica, circa 200 milioni ogni settore e superano i 100 milioni anche i mezzi di trasporto. I coreani apprezzano particolarmente abbigliamento sportivo e borse – pelletteria Made in Italy, raggiungendo il nono e decimo posto tra i clienti internazionali nei due settori.

Oggi la Corea assorbe più del 2% dell’export totale milanese (800 milioni), quasi ai livelli della Spagna (circa un miliardo), superando Paesi come Belgio e Paesi Bassi e circa doppiando l’export con Grecia e Austria. Ci sono 28 imprese coreane che creano in Lombardia 1200 posti di lavoro e hanno un fatturato di 3,5 miliardi. Ma anche 33 imprese lombarde in Corea che danno 8000 posti di lavoro e hanno un fatturato di 2,7 miliardi. Emerge da un’elaborazione del Servizio Studi della Camera di commercio di Milano su dati Istat, Reprint e Infocamere.

L’economia creativa – ha dichiarato Bruno Ermolli, Presidente di Promos, azienda speciale della Camera di commercio per le attività internazionali -. deve diventare sempre di più un pilastro su cui basare iniziative di crescita congiunta, fra Italia e Corea.  Gli ambiti in cui generare opportunità di cooperazione sono molteplici. Penso ad esempio allo scambio di iniziative di formazione manageriale attraverso Nibi –  l’istituto di alta formazione della Camera di Commercio di Milano – o a iniziative di business intelligence, per fornire a manager e imprenditori italiani e coreani informazioni di mercato dettagliate e tempestive sui due paesi, in modo da supportare efficacemente le rispettive decisioni di investimento. Promos è attiva con un ufficio a Seoul, un aiuto diretto alle crescenti imprese che operano con questo importante mercato“.

Business&Gentlemen

The author Business&Gentlemen