close
Arte

Le “Obsession” di Ivan Rando in mostra a Bergamo

15034688_548273615375717_8294418624169377792_n

Sei tecniche espressive diverse unite in un’unica mostra firmata dal designer e produttore di gioielli, Ivan Rando. Il filo conduttore dell’esposizione è l’ossessione che unisce in un unico percorso la pittura, la serigrafia, la scultura, i gioielli, la fotografia e la moda con delle scarpe-gioiello uniche nel loro genere.
La mostra “Obsession” rimarrà allestita in via San Giovanni 1, Bergamo, fino a Natale, nella bellissima location della storica gioielleria Arando Gioielli.
“In questa mostra – spiega l’artista – l’occhio viene inteso come ossessione, come sensibilità ai particolari. In un mondo dove tutto scorre veloce, le immagini che siamo soliti vedere sono dietro a uno schermo. Questo è un invito a guardare qualcosa che è presente, reale, vivo e vicino a noi”.
Ed ecco che i quadri diventano occhi che guardano, fissano e cercano di cogliere tutti i particolari. Occhi che tornano anche nelle altre tecniche: scultura, fotografia, serigrafia e gioielli. Il tutto realizzato dalle mani di Ivan Rando che, da solo, ha dato sfogo a tutta la sua creatività e soprattutto alla sua esigenza di poter plasmare diversi tipi di materiali quasi come fosse un’ossessione.

Ivan è figlio d’arte perché il padre produce gioielli da 45 anni. Dopo essersi diplomato al liceo artistico Giacomo Manzù di Bergamo, si laurea in scenografia all’Accademia di Brera Belle Arti di Milano. A soli 26 anni disegna su commissione la sua prima collezioni di gioielli per il mercato Giapponese, la Young line di Arando. Oggi collabora con il padre nell’azienda di famiglia che da oltre 40 anni produce gioielli artigianali e rigorosamente “Made in Italy”. “Obsession” è la sua prima Personale.

Le scarpe gioiello, il vero cuore della mostra

Mio padre produce gioielli da 45 anni – spiega Ivan -. Io sono sempre stato alla sua ombra mentre adesso ho l’esigenza di voler far vedere il mio lavoro e il mio percorso con l’obiettivo di portare chi guarda su un concetto di ossessione visto da prospettive e risultati visivi diversi. Il tutto fino ad arrivare a quello che per me è il cuore di questa mostra, la scarpa-gioiello“. Una scarpa-gioiello che diventa in realtà gioiello-scarpa perché qui il protagonista diventa il gioiello in argento puro o in oro. Ivan Rando utilizza la tecnica della fusione: “Il gioiello viene prima realizzato in cera modellata a mano poi fuso in metallo, non ci sono stampi – spiega -. Tutti i gioielli utilizzati sulle scarpe sono unici e multipli di pezzi unici”.
Un’altra particolarità di queste scarpe sono il loro non essere speculari. “Le applicazioni sono posizionate diversamente; su una scarpa il gioiello è davanti e sull’altra dietro così da creare una specie di scultura continua sulle due scarpe”.
Scarpe quindi che diventano come delle tele di un pittore su cui Rando ha voluto creare le sue opere d’arte, uniche e preziose.

Questo lavoro è frutto di due anni di ricerca da parte di Ivan Rando che guarda già avanti . “Nell’anno nuovo questa esposizione verrà portata a Tokyo e porterò le scarpe-gioiello nelle più importanti fiere del lusso”.
E parlando di valore di questi pezzi unici, si parte dalle scarpe più economiche dal valore di 4.000 euro a quelle in oro da 25.000 euro.

Mostra Obsession
Gioielleria Arando Gioielli
Via San Giovanni 1, Bergamo
Tutti i giorni, dalle 9,30 alle 19,00

Redazione Cobalto

The author Redazione Cobalto