close
Life

A Cogne un autunno di tradizioni

cogne-inverno-2019

L’autunno riporta a Cogne appuntamenti tanto attesi quanto affascinanti, legati ad antiche e intramontabili tradizioni che segnano il passaggio delle stagioni. Dopo la battaglia delle regine, scontri incruenti tra mucche per la gerarchia all’interno del gruppo, giunge il momento della transumanza, la discesa a valle delle mandrie che lasciano gli alpeggi in vista dell’inverno e infine la celebrazione di lontane usanze, con la festa de Lo Pan Ner.

Cogne, perla alpina ai piedi del Parco Nazionale del Gran Paradiso, diventa quindi la meta di piacevoli weekend che celebrano antichi usi e costumi insieme ai sapori del territorio, a stretto contatto con la natura.

Sabato 28 e domenica 29 settembre 2019: La Devétéya de Cogne

La Devétéya, giunta alla sua tredicesima edizione, è uno degli eventi più attesi a Cogne. Come da tradizione, dopo un’estate passata all’alpeggio, l’ultimo sabato di settembre le vacche pezzate di razza valdostana rientrano a valle adornate dei bosquet, copricapi floreali “a tema”, rosso per le bovine più “battagliere” e forti, le regine delle corna, “bianco” invece per le regine del latte, le più produttive. Le mandrie, precedute dai proprietari in costume tradizionale, e accompagnate dalle note de Lou Tintamaro, percorrono le vie di Cogne per poi farsi ammirare nella Prateria di Sant’Orso, prima di essere riportate nelle rispettive stalle.  L’arrivo delle mandrie si sussegue nel corso di tutta la giornata di sabato.

Sabato 28 settembre in paese verrà anche organizzato un mercatino dedicato alla produzione agricola e artigianale locale dove gustare le caratteristiche tegole, il dolce mécoulin oppure la saporita fontina e acquistare le magnifiche creazioni degli artigiani locali e i prodotti a marchio PNGP.

Per domenica 29 settembre è prevista la consueta Santa Messa e successiva sfilata in musica oltre alla benedizione degli animali.

Durante tutto il week-end della Devétéya selezionati ristoranti di Cogne proporranno menù tematici – al costo fisso di €30 euro – ispirati alla tradizione gastronomica locale, a base di prodotti del territorio: Les Saveurs de l’Alpage.

I pacchetti di soggiorno per la Devétéya partono da 149 € a persona e includono il pernottamento nelle notti di venerdì e sabato con trattamento di B&B, una cena in musica (menù tipico, servizio a self-service, il sabato sera), un pranzo tematico Les Saveurs de l’Alpage (presso i ristoranti convenzionati, sabato o domenica a pranzo), un souvenir de La Devétéya.

Sabato 5 e domenica 6 ottobre 2019: Lo Pan Ner – I Pani delle Alpi

Sabato 5 ottobre avrà inizio la quarta edizione della festa transfrontaliera Lo Pan Ner.

La manifestazione, nata nel 2016 all’interno di un progetto italo-svizzero per la valorizzazione del patrimonio culturale immateriale, coinvolge oltre a Lombardia (Sondrio e Brescia) e Cantoni Grigioni (Valposchiavo), 50 comuni della Valle d’Aosta e si è estesa alla zona della Valle Ossola in Piemonte, la regione dell’Upper Goreniska in Slovenia e di Parc de Bauges in Francia.

Si riconferma anche quest’anno, come filo conduttore, il mantenimento e recupero non solo di una delle antiche tradizioni di panificazione, ma soprattutto delle emozioni ad esse legate.

In quei giorni, come un tempo, si celebra la panificazione quale momento di festa e socializzazione, dove ognuno aveva il proprio ruolo: le donne impastavano la farina e realizzavano le forme di pane che poi gli uomini cuocevano nel forno, mentre i bambini aspettavano con impazienza la cottura dei “galletti” preparati per loro.

Sabato 5, in tutta la valle, si accenderanno all’alba i vecchi forni dei villaggi per preparare e cuocere il tradizionale pane nero, un pane antico preparato con la segala, che verrà poi messo in vendita.

A Cogne si sfornerà anche il Mécoulin, tipico pane dolce, versione valdostana del classico panettone.

Una serie di animazioni tematiche celebrerà lo spirito di convivialità che caratterizza questa iniziativa.

Domenica 6 la festa continua a Gressan con esposizioni, laboratori, visite guidate, il mercatino Lo Tsaven, degustazioni e le premiazioni dei migliori pani in concorso oltre alla presentazione del pane delle Alpi dell’anno.