close
Economia/Imprese

Oltre 20mila offerte di lavoro nella vendita a domicilio

opportunità-lavoro-venditori

Quello della vendita a domicilio si conferma il comparto economico che sta tornando velocemente ai valori pre lockdown, tanto per le vendite (che nelle prime due settimane di ripartenza si sono attestate al 67% rispetto ai dati del 2019) quanto per le offerte di lavoro (la vendita a domicilio occupa in Italia oltre mezzo milione di persone e vale 3,6 miliardi di euro). Infatti, sono oltre 20mila le opportunità di lavoro segnalate dalle aziende di Univendita da qui a fine 2020. Si tratta di posizioni aperte per collaboratrici e collaboratori da inserire come venditori dei prodotti e servizi più diversi: dai cosmetici agli alimentari, dai beni durevoli e di consumo per la casa, agli elettrodomestici, fino ai viaggi.
«Un po’ tutte le aziende hanno da subito riscontrato un interesse molto alto da parte dei candidati, dovuto probabilmente in parte anche alla generale crisi occupazionale che ha colpito molti settori a causa della pandemia e del lockdown -spiega il presidente di Univendita Ciro Sinatra-. Del resto la vendita a domicilio ha sempre svolto un ruolo anti-ciclico, per esempio nei momenti più difficili della crisi economica cominciata nel 2008. Quella del venditore a domicilio è una professione meritocratica, nella quale vengono valorizzati i rapporti umani e in cui tutti possono trovare percorsi di carriera in linea con le proprie esigenze e motivazioni. Non ci sono barriere legate a età, studi o curriculum: la formazione qualificata e gratuita offerta dalle nostre aziende permette di diventare consulenti esperti nel proprio ambito di riferimento, in grado di proporre alla clientela prodotti e servizi personalizzati».

I venditori delle aziende associate Univendita sono circa 160 mila: il 37% sono “millennial” con meno di 35 anni e il 91% sono donne. Un recente sondaggio condotto dall’associazione su un campione rappresentativo di venditori delle aziende associate ha fatto emergere che si tratta di un lavoro solido (il 59,2% degli intervistati dichiara di svolgerlo da più di 6 anni) e gratificante: il 91% dei venditori si dichiara soddisfatto della propria scelta professionale.