close
Economia/Imprese

Ansia, incertezza e aumento degli errori sul lavoro: 3 consigli per limitare i rischi

ansia-incertezza-errori-lavoro

In questo periodo di incertezza, in cui non sappiamo se sia effettivamente in arrivo la seconda ondata della pandemia da COVID-19, possono insorgere preoccupazioni e cattivi pensieri. “Quanto durerà questa situazione? Quanto gravi saranno le ripercussioni economiche? Posso perdere il posto? La mia attività è a rischio?”. Sono solo alcune delle domande che tutti noi ci poniamo. Come è facile immaginare, questa diffusa ansia, può riflettersi in un cattivo rendimento sul lavoro: un lavoratore distratto, che sia un libero professionista o dipendente, un “novellino” oppure un esperto veterano, è infatti più incline a commettere errori.

L’errore umano può sempre verificarsi. Bisogna però evitare che, l’attuale situazione, non renda più frequenti questi errori. Victor Insurance Italia, parte della più grande realtà globale di Managing General Underwriting, ha stilato un elenco di consigli che manager e professionisti dovrebbero seguire per ridurre il rischio di incidenti e il loro impatto negativo sull’organizzazione.

  1. Vedersi (anche se a distanza) con clienti e collaboratori

In tempi di distanziamento sociale e smart working, spesso viene a meno il dialogo diretto con le persone con cui si lavora. L’assenza di comunicazione, può portare a incomprensioni e, conseguentemente, a errori. Per evitare questo rischio, è importante investire tempo e risorse nella relazione – utilizzando ad esempio le app di videochiamata e chiedendo esplicitamente l’utilizzo delle webcam per vedersi a vicenda e per mostrare il proprio operato, condividendo lo schermo o, per le attività in cui è necessaria la presenza “sul campo” di almeno una delle due parti, ciò su cui si sta fisicamente lavorando.

  1. Ringraziare, complimentarsi e rassicurare

Non si può allontanare dalle persone le preoccupazioni che questo periodo di incertezza porta nella loro sfera famigliare e privata. Un leader può però tranquillizzare i propri collaboratori riguardo i risvolti professionali. Mai come ora, è essenziale osservare come le persone lavorano e ringraziarle quando svolgono bene il proprio compito o quando il team raggiunge dei buoni risultati. Oltre a motivare le persone a dare il massimo, in questi tempi incerti è insomma importante far loro capire che sono indispensabili per l’azienda.

  1. Dotarsi di una robusta copertura assicurativa RC professionale

Ultimo, ma non certo per importanza, bisogna essere consapevoli che, anche con la massima attenzione, l’errore umano non può essere eliminato completamente. Per i professionisti e le aziende di qualsiasi settore che forniscono servizi professionali a terzi, è quindi sempre fondamentale, ma ancora di più in questi tempi incerti, dotarsi di una solida polizza assicurativa per la Responsabilità Civile Professionale. Difendersi da qualsiasi  accusa, fondata o meno, necessita di tempo e denaro: per questo è importante poter contare su soluzioni per la copertura RC Professionale, come quelle proposte da Victor Insurance Italia.