close

Economia/Imprese

Servizi e approfondimenti sul mondo dell’economia

Economia/Imprese

Lavoro da casa: se gestito male non è smartworking e crea rigetto

smart-working-effetti-collaterali-soluzioni

Rigetto, frustrazione e rifiuto del lavoro da remoto imposto in modo prolungato. Nella seconda settimana di misure straordinarie per l’emergenza Coronavirus, misure che hanno cambiato la vita lavorativa di molti, emergono i primi segnali che il lavoro forzato da casa sta mettendo alla prova le aziende e i dipendenti. E, invece che smartworking, cioè lavoro intelligente ed efficace, rischia di trasformarsi in un’esperienza negativa.

A rilevarlo è Methodos, società di consulenza società di consulenza specializzata nell’accompagnare le imprese nei processi di change management: «Obbligare tutti a lavorare da casa improvvisamente non è smartworking – osserva il CEO di Methodos Alessio Vaccarezza –. L’esperienza nelle attuali circostanze eccezionali dimostra, ed è un bene, che si può lavorare da casa senza troppe difficoltà con alcune accortezze e attenzioni. Tuttavia, superato lo shock iniziale, il lavoro forzato a distanza palesa diversi svantaggi e c’è il rischio che un’analisi superficiale porti a credere che lo smartworking crei problemi. Non è così».
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Costamp Group: nel 2019 valore della produzione in crescita del 5,5% ed Ebitda Margin pari al 9,8%

crescita-valore-produzione-costamp-group

Costamp Group (MOLD IM), società quotata su AIM specializzata nella costruzione di stampi per la componentistica di precisione per il settore automotive, rende noto che in data odierna si è riunito il Consiglio di Amministrazione per esaminare i risultati preliminari consolidati dell’esercizio 2019, non sottoposto a revisione legale.

Il Valore della Produzione è pari a 58,3 milioni di euro, in incremento del 5,5,% rispetto a 55,3 milioni di euro nel 2018. Il 75% della produzione è destinata all’export, Europa, Nord America, Messico, Russia, India e Corea, dati che confermano la propensione globale dell’azienda.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Nasce BEE, la piattaforma digitale per le PMI

esperienza-acquisto-PMI

In un contesto economico pervaso da sfide e criticità, quali conflitti sociali e politici, calamità naturali e crisi sanitarie, con gravi ripercussioni sulla società, piccole e medie imprese si trovano a non essere rappresentate e tutelate da istituzioni, associazioni di categoria, organizzatori fieristici e dunque ad operare nell’incertezza, che ha notevoli ripercussioni sui loro risultati economici, strutturali ed organizzativi.

Per favorire una presenza continua sul mercato e una crescita globale costante, Aries More ha progettato e realizzato BEE, la piattaforma digitale che è volta a creare un processo di acquisto immersivo per importatori, grossisti, distributori, retailer e punti vendita diretti in 72 Paesi, con focus nell’area Asia Pacific.

Ad oggi 180 PMI italiane (seller) dei settori food & beverage – wine & spirit, fashion, beauty & wellness, design, sono state selezionate da BEE a fronte delle manifestazioni di interesse dei buyer internazionali. BEE svolge il ruolo di canale digitale B2B che presenta, promuove, comunica e vende – rispondendo alle necessità di mercato di ciascun buyer – il prodotto, l’offerta e ciascuna PMI attraverso strumenti evoluti, VR, AR, interfaccia conversazionale, nonché i processi di ricerca e sviluppo, produzione, logistica, qualità, marketing e comunicazione ed export.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Come si costruisce lo smart working a tempo di record

smart-working-tempo-di-record

La differenza del Coronavirus ha spinto le aziende che non hanno ancora abbracciato la trasformazione digitale ad affrontare il passaggio allo Smart Working come metodo di lavoro abituale, trovandosi spesso impreparate per la mancanza di strumenti e di servizi. Elmec Informatica, provider di servizi IT per le aziende, ha riscontrato, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, un raddoppio dello scorso anno, un raddoppio della vendita dei laptop e degli apparati di rete un aumento del 40% sugli acquisti e sui noleggi di apparecchiature per lo smart working che includono portali, dekstop, tablet, server, storage, software e soluzioni per la connettività e la collaborazione.

“Come era prevedibile, nella giornata di lunedì 24 febbraio, siamo stati contrattati da moltissimi clienti che avevano necessità di attivare il servizio di Smart Working in poco tempo”, afferma Alessandro Ballerio, Amministratore Delegato di Elmec Informatica, “Molti di loro, grazie ai nostri servizi di Managed Workplace, Managed Infrastructure e Service Desk sono riusciti ad essere operativi in poco tempo. Altri invece, seppur già precedentemente abilitati allo Smart Working, non avevano un’infrastruttura pronta all’uso: abbiamo dovuto configurare e dimensionare VPN, connettività e i server per erogare il servizio all’intera forza lavoto”.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Madri lavoratrici: 25% di lavoro in meno a parità di stipendio per favorire conciliazione vita-lavoro

mamme-lavoro-meno-orari-pari-stipendio

Mentre l’Italia continua a macinare record negativi in fatto di natalità (nel 2019, come certificato dall’Istat, si è registrato il minor numero di nascite di sempre, appena 435 mila), e il nord Europa si fa sempre più pioniere di buone pratiche in fatto di genitorialità (da ultimo il caso della Finlandia con 164 giorni di congedo retribuito per ogni genitore), c’è chi prova ad andare controcorrente, spingendo anche il nostro Paese verso nuovi orizzonti di welfare. È il caso di Authoma, azienda leader nel settore dell’automazione intralogistica, che da quest’anno ha introdotto una nuova misura che prevede la riduzione del 25% dell’orario di lavoro, a parità di stipendio, per tutte le madri con figli di età cimpresa tra 1 e 10 anni.

La misura nasce con l’obiettivo di favorire la conciliazione vita-lavoro, riconosciuta come valore sempre più importante soprattutto dalle nuove generazioni di lavoratori (Millenial e Generazione Z, in particolare). A beneficiare sono tutte le donne impiegate in azienda, pari al 15,5% del totale dei dipendenti (118), concentrate soprattutto nei reparti Operation & Engineering (9), Amministrazione (4), Direzione (2), Risorse Umane (2) e Marketing e Comunicazione (1).
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

I siti web delle imprese italiane? Vecchi, poco intuitivi e con copy non curati

siti-web-imprese-italiane-copy-non-curati

Ormai, quasi la totalità delle attività imprenditoriali possiede un proprio sito web. Uno strumento indispensabile per farsi conoscere, presentare i propri prodotti o servizi, incontrare gli attuali clienti e quelli potenziali. Affinché, però, un sito possa essere considerato efficiente, ovvero, porti un miglioramento per l’impresa, convertendo gli utenti che lo visitano in clienti che acquistano, deve rispettare determinati parametri.

Per verificare lo stato attuale dei siti delle imprese italiane, Copy Persuasivo, agenzia specializzata in copywriting persuasivo, ha analizzato i dati relativi ad un’indagine su un panel di circa 250 siti web di diverse attività italiane, intervistando, inoltre, alcuni imprenditori, per valutare il loro livello di conoscenza della materia (dati Marketing01).

Dall’analisi, risulta che più di un sito su due non viene aggiornato con sufficiente regolarità, il 29%, addirittura, contiene informazioni ormai vecchie relative ai contatti o all’offerta proposta. Il 64% dei siti è poco intuitivo, spesso per riuscire a trovare l’informazione desiderata si impegnano diversi minuti e oltre i 3 click (36% dei casi esaminati). Un procedimento macchinoso, che richiede troppo tempo, e molti degli utenti finiscono con l’abbandonare il sito, orientandosi verso quelli di altri competitor. Quasi l’80% è privo di elementi emozionali, risultando freddo e distante, incapace di suscitare interesse o desiderio nell’utente.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Coronavirus: professionisti italiani perso ingaggi lavorativi per un milione e mezzo di euro

calano-richieste-professionisti-lombardia-veneto

Calano del 40% le richieste di servizi professionali in Lombardia e Veneto, una conseguenza delle problematiche legate alla diffusione del Coronavirus. L’analisi condotta dal portale ProntoPro, ha evidenziato una decrescita anche a livello nazionale, dove si registra una diminuzione di richieste del 25%. “Marzo sarà un disastro per noi” afferma uno dei professionisti iscritti al sito per il settore catering, confermando quanto rilevato dal portale: i servizi più in calo sono quelli legati a eventi e feste, seguiti da benessere e formazione della persona.

Non solo bar e attività commerciali si svuotano, ma anche il mercato dei servizi e i suoi operatori risentono delle problematiche legate alla diffusione del Coronavirus sul territorio italiano.

ProntoPro.it, portale numero uno in Italia che mette in contatto domanda e offerta di servizi professionali, ha analizzato le richieste di servizi raccolte nel weekend del 22 e 23 febbraio, registrando un forte calo rispetto al precedente fine settimana, un trend che si conferma anche per l’inizio di questa settimana. In Lombardia e Veneto, territorio dei comuni focolaio del virus, le richieste sono calate del 40%, a risentirne di più i servizi legati a eventi e feste: “Domenica, appena è stata emanata l’ordinanza di divieto di manifestazioni pubbliche e private, mi hanno annullato due servizi per battesimo – racconta Marco Zanoli, chef e titolare di MZ food&events con sede a Busto Arsizio – negli ultimi tre giorni le richieste raccolte tramite ProntoPro si sono praticamente azzerate. Prevedo un marzo disastroso”.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Le aziende ferme per il Coronavirus ripartono con lo smartworking

smartworking-coronavirus-aziende-ferme

È smartworking la parola d’ordine di queste ore per le imprese che rischiano di rimanere ferme a causa dell’emergenza sanitaria per il nuovo Coronavirus. Nelle regioni più colpite dal contagio si cerca di limitare al massimo gli spostamenti e, mentre uno dei decreti attuativi del DL 23 febbraio 2020 n. 6 facilita l’adozione del telelavoro (come sperimentato su scala più piccola per il crollo del ponte Morandi), è già massiccio in moltissime aziende il ricorso al lavoro agile. «Questi giorni di blocco forzato potrebbero addirittura essere un acceleratore del cambiamento»: ne è convinto Alessio Vaccarezza, CEO di Methodos Italia, società di consulenza specializzata nell’accompagnare le imprese nei processi di change management assieme a Digital Attitude e Accompany, due startup focalizzate sulla digital transformation. «Da tempo è in atto una trasformazione culturale per quanto riguarda i modelli organizzativi sul lavoro e molte realtà, soprattutto le più grandi e internazionali, sono preparate ad affrontare la situazione che stiamo vivendo – prosegue Vaccarezza –. Chi è in ritardo nell’attuare piani strutturati di smartworking dovrà mettere in campo qualche sforzo in più, ma attrezzarsi in tempi brevi è possibile e, con alcuni accorgimenti, si può evitare di perdere produttività».
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Per trattenere i talenti servono valori, flessibilità e opportunità di sviluppo

trattenere-talenti-valori-flessibili-opportunità

Per ogni azienda, attrarre i lavoratori più talentuosi è davvero molto molto difficile, ma è ancora più complicato riuscire a trattenerli e a garantire loro l’appropriato sviluppo di carriera. È una sfida per l’Italia. Ma è una sfida anche a livello globale, sopratutto negli Stati Uniti dove l’unemployment rate è basso e quindi il mercato gioca un ruolo importante in termini di competitività sia seriale, sia di opportunità professionale.

È sempre più cruciale, dunque, avere una politica di gestione e promozione dei talenti ben definita, senza mai tralasciare la cura del benessere di dipendenti e collaboratori. “Le aziende – dichiara Maura Nespoli, VP Global Talent Acquisition, Talent management and People development di Prysmian Group – devono farsi trovare pronte. Sono rientrata in Italia da due anni e note con piacere che il nostro paese ha fatto grossi passi avanti per incontrare i bisogni dei dipendenti e limitare la figa delle persone di talento. Oggi, soprattuto per quel che riguarda i talenti più giovani, la partita si gioca al di fuori dei confini nazionali e questo aspetto non può essere ignorato”.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Penta arriva in Italia: la challenger bank, alleata di PMI e startup italiane, per aiutare a crescere

penta-piattaforma-business-banking-marketplace-esclusivo

L’ultima decade è stata quella dell’innovazione tecnologica che ci ha introdotto al mondo delle challenger bank, le neo-banche, che hanno rivoluzionato il modo di approcciarsi al banking per le persone. Ora è il momento delle aziende.

Dalla Germania, arriva in Italia Penta (https://getpenta.com/it/), la challenger bank nata per essere l’alleata di chi vuole fare impresa, non solo nella gestione delle finanze ma anche nella crescita aziendale, grazie ad una piattaforma digitale per il business banking e un marketplace esclusivo costruiti per i clienti della challenger bank dal team italiano.

Strumenti strategici e partnership per scalare il proprio business: il marketplace di Penta 

“Dare strumenti di supporto alla crescita del business delle imprese italiane, costruendo rapporti di partnership strategiche in grado di aiutare OMI e startup a scalare più velocemente e a vivere la gestione del patrimonio aziendale con più semplicità: questo è uno dei nostri obiettivi principali” afferma Bruno Reggiani, Country Manager Italia di Penta.
(altro…)

Leggi Tutto
1 2 3 4 5 103
Pagina 3 di 103