close

Focus imprese

Focus imprese

Lo stampaggio della lamiera

stampaggio_lamiera

La produzione delle lamiere si basa su un percorso di laminazione e di confezionamento in coil che prevede diverse operazioni. Per fare sì che da un foglio di lamiera si arrivi a un oggetto finito, infatti, sono necessari diversi step, che possono essere riassunti in sagomatura, formatura (che compongono lo stampaggio), assemblaggio e finitura.

Leggi Tutto
Focus imprese

Cedere un’azienda in tranquillità

cessione_azienda

Spesso non si considera a sufficienza l’utilità dell’affiancamento di un professionista, specialmente in occasioni come la cessione della propria azienda. La compravendita di attività aziendali è, invece, un’operazione spesso delicata che necessita di personale qualificato ed esperto.

Consulting Italia Group è un professionista in grado di affiancare i propri clienti in tutte le fasi delle trattative e seguire ogni aspetto burocratico. Grazie a questa collaborazione, chi decida di vendere la propria attività, si sentirà sempre garantito da possibili problemi. I cartelli di vendita aziende si moltiplicano oggi giorno, complice anche la crisi economica, e per questo è bene essere sicuri di riuscire a gestire questo settore. Infatti queste operazioni sono spesso complicate perché i soggetti interessati dovrebbero procurarsi molte informazioni sulle condizioni di mercato, al fine di non cadere in cattivi affari. Per questo motivo si sceglie spesso di affidare la gestione di queste pratiche ad un’agenzia esperta. Il suo intervento garantisce una gestione ottimale della trattativa e la soddisfazione di tutte le parti che ne fanno parte.

Sul sito del gruppo, inoltre, si possono anche trovare offerte di attività già poste in vendita e si può iniziare a farsi un’idea su ciò che si desidera acquistare. Si può fare una ricerca filtrata con le caratteristiche che ci interessano, oppure semplicemente per area geografica preferita. Contattando, poi, un esperto si potrà richiedere una consulenza specifica e realizzata interamente sulle esigenze del cliente. In questo modo si è sempre certi di ricevere un servizio studiato a posta per noi. La gestione delle trattative che sorgono in seguito alla cessione della propria attività, può essere difficile per chi non si intenda degli aspetti fiscali, normativi e tecnici.

L’affiancamento di un esperto, quindi, garantisce quella sicurezza che in alternativa non si potrebbe avere e permette al cliente di poter far valore la sua forza contrattuale. Il cedente realizzerà, così, il prezzo più vicino a quello che desiderava e l’acquirente potrà vantare la possibilità di avere un’attività perfettamente in linea con quello che era il suo obiettivo. Tutti saranno così soddisfatti e la trattativa avrà prodotto i migliori risultati. Questo mercato è spesso complesso e agendo da soli ci si prende il rischio di non riuscire ad essere all’altezza.

Leggi Tutto
Focus imprese

Il legno made in Italy per l’arredamento d’ufficio nel mondo

IVM Office

Quello del legno arredo Made in Italy verso il mondo, è un business che vale 2,5 miliardi di euro di prodotti esportati solo nel primo trimestre del 2015, con un aumento del 4,6% rispetto all’anno precedente.

Solo in Brianza, in Lombardia, il cuore dell’arte per un produttore mobili per ufficio in legno, si vendono mobili per quasi 200 milioni di euro: sono gli ultimi dati elaborati dall’Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese Istat-Coeweb.

Sono complessivamente circa 59mila le imprese attive nel comparto legno – mobile attive in Italia, di cui 35.956 nell’industria del legno e 22.848 nel comparto della fabbricazione di mobili.

Monza e Brianza, con circa 2.200 imprese è il primo distretto del mobile in Italia, un primato che detiene a livello nazionale anche nel comparto specifico della fabbricazione di mobili.
Seguono Roma, che conta complessivamente 2.104 unità, Treviso, con 1.968 imprese e Milano (1.747).

E il design italiano piace agli stranieri: nel dettaglio, la fabbricazione di mobili assorbe l’85% dell’export del settore: il valore delle merci esportate è di oltre 2,1 miliardi di euro nel I trimestre del 2015.
Treviso è prima in Italia per volume di esportazioni di mobili e prodotti in legno (oltre  407 milioni di euro), seguita da Como (179 milioni di euro) e da Monza e Brianza (oltre 196 milioni di euro).

Le esportazioni di mobili made in Brianza nel mondo crescono di quasi il 2% all’anno, e in particolare, il comparto della fabbricazione mobili registra +3,7% rispetto a un anno fa.
Quello del legno brianzolo è un business che riguarda principalmente l’Europa (il valore dell’export verso il continente ammonta complessivamente a 116 milioni di euro).
In particolare, la Francia, è il primo partner commerciale (oltre 25 milioni di euro), seguita dagli Stati Uniti (più di 23 milioni). Tra i principali mercati emergenti ci sono gli Emirati Arabi Uniti, con l’export made in Brianza che cresce del 96,5% in un anno e l’Azerbaigian (+56,3%).

Leggi Tutto
Focus imprese

Quali manager per il Private Equity?

ricerca_manager

Quali sono le prime tre caratteristiche richieste ai manager da inserire nelle società oggetto di investimento? Secondo un sondaggio sono visione strategica, orientamento al risultato e internazionalità. Skills che sono state valutate importanti al 100% da parte degli operatori di Private Equity in fase di selezione dei candidati.

Leggi Tutto
Focus imprese

L’eccellenza del “Made in Italy” di Consonni International Contract

no thumb

Consonni International Contract, azienda di Cantù che offre servizi contract di alto livello, lavorando prevalentemente nel settore hospitality di Lusso, ha vinto l’appalto per la realizzazione del nuovo Sheraton in Sri Lanka per cui si occuperà sia degli arredi sia delle finiture d’interni.

Questo successo  solo pochi mesi dopo aver vinto un altro importante appalto per la  realizzazione delle camere e dei bagni del “Les Bains Douches” di Parigi. Non poteva essere altrimenti: il punto di forza dell’azienda è l’eccellenza, intesa come qualità di prodotto ma anche efficienza gestionale, che si traduce nella necessità di tenere sotto controllo la produzione che l’azienda ha sempre mantenuto nel nostro Paese, operando esclusivamente negli stabilimenti della sede di Cantù.

Del resto l’azienda canturina è un modello di efficienza proprio perché operare in Italia rende possibili una maggiore precisione, puntualità e qualità: i fattori su cui poggia tutto il business aziendale.

“Non potremmo fare altrimenti” spiega Gianluca Colombo, CCO (Chief Commercial Officer) di Consonni “il sistema Italia – per quanto riguarda i nostri fornitori – in questo periodo di crisi si è dimostrato essere competitivo senza per questo abbassare la qualità e la professionalità richiesta”. Una scelta più strategica che economica perché, continua Colombo “al successo di un progetto contribuiscono diversi fattori e il nostro ufficio acquisti è molto attento a considerare ogni aspetto dell’azienda che partecipa alle nostre gare d’appalto”.

Se la qualità è la condizione “sine qua non” , i fornitori devono essere affidabili nelle tempistiche, devono dimostrare una solidità finanziaria e garantire un servizio altamente strutturato che preveda la disponibilità di seguire l’azienda committente in progetti complessi e talvolta molto lunghi nel tempo. Consonni quindi è uno di quei casi esemplari dove capitali generati all’estero riversano in Italia – attraverso l’indotto – ricchezza e lavoro.

Leggi Tutto
Focus imprese

“Più sei incompetente e meglio ti giudicano”

paradosso_incompetenza_2014.jpg

Conoscere la materia, essere esperti di un determinato settore, spesso vale, in termini di denaro, meno che saperne poco o nulla. Sembra una contraddizione e invece se si considera che la retribuzione in molti casi è oraria si capisce perchè, il tempo investito nella preparazione e nello studio, viene poi ampiamente pagato. Questa è l’opinione di Angelo Pasquarella, amministratore delegato di Projectland, che in questa intervista affronta quello che lui chiama il “Paradosso dell’incompetenza”

Leggi Tutto
Focus imprese

Fassi Gru acquista Marrel

Fassi_2013.jpg

Il Gruppo Fassi, leader mondiale nel settore delle gru per autocarri, continua a crescere e lo fa con un occhio sempre rivolto al futuro. L’azienda di Albino, in provincia di Bergamo, ha acquistato una quota rilevante di Marrel SAS, azienda francese nata nel 1919 a Andrézieux-Bouthéon, nei pressi di Lione.

Leggi Tutto
1 2 3 15
Pagina 1 di 15