close

Marketing

strategie commerciali, pubblicità e protagonisti

Marketing

I “micro influencer” a discapito del numero di follower: la strategia sui social scelta dalle aziende

micro-influencer-marketing

Mentre Instagram e Facebook provano ad eliminare la visibilità del numero dei like ai post, le aziende stanno puntando più alla qualità degli influencer che alla quantità dei loro follower: infatti si parla di “micro influencer”, che nella scala ufficiale hanno tra i 1000 e i 10.000 follower.

Secondo un’indagine di Mobile Marketer, analizzando i dati di Influencer DB il motivo delle aziende di allontanarsi sempre più dagli influencer “pluri follower” è che l’alto numero di post sponsorizzati li rende ormai “invisibili”: i post sono meno letti e spesso passano inosservati. I micro influencer riescono invece a sviluppare un legame più stretto con i follower e ad ottenere un maggior engagement, soprattutto a lungo termine.
(altro…)

Leggi Tutto
Marketing

Il 2019 è l’anno d’oro per l’economia del web e l’Italia si conferma il più importante Hub del digitale in Europa

shopping-online-marketing

L’e-commerce italiano mantiene le promesse e prosegue la sua crescita anche nel 2019 con un valore degli acquisti online che, includendo l’indotto, arriverà a sommare 88 miliardi di euro, facendo segnare un +222,40% rispetto al 2017. Lo sostiene un’analisi elaborata da AJ-Com.Net (www.aj-com.net), network specializzato in campagne di comunicazione e web marketing, secondo il quale negli anni che verranno la web-economy avrà un valore sempre maggiore rispetto ai settori economici tradizionali.
(altro…)

Leggi Tutto
Marketing

Dall’E-Commerce all’Info-Commerce, nel 2019 è questa l’evoluzione del mercato

e-commerce-info-commerce

Il fenomeno dell‘info-commerce, vale a dire la ricerca di informazioni sul web, è ancora più forte per gli italiani. A metterlo in evidenza è AJCOM (www.aj-com.net), network specializzato in campagne di comunicazione e web marketing, che ha potuto rilevare che quest’anno l’info-commerce sia cresciuto in maniera esponenziale.

«Oggi l’85% delle persone che compra in negozio si informa prima su Internet» puntualizzano i responsabili di AJCOM.

Ed è proprio grazie a questo fenomeno che l’e-commerce, includendo l’indotto, quindi i prodotti scelti online ma acquistati nei negozi tradizionali, arriva quest’anno a sommare un valore di 88 miliardi di euro.

Snocciolando i dati, si tratta di ben 34 miliardi di euro per gli acquisti online e di altri 54 miliardi di euro per gli acquisti nei negozi “fisici” dopo essersi informati sul web.

«Un aumento considerevole che ha delle profonde implicazioni per tutti coloro che vendono al consumatore, anche se non online. È quindi fondamentale adottare strategie per intercettare i clienti mentre si informano sul web e questo vale anche per le grandi aziende e per i professionisti» sostengono i responsabili di  AJ-Com.Net.

Negli ultimi 10 anni sono spariti oltre 68.000 punti vendita in sede fissa, ecco allora che, paradossalmente, il web potrà salvare il commercio tradizionale, invertendo questa tendenza.

Anche per chi opera offline diventa indispensabile destinare risorse alla promozione online ed approfittare così di questa importante opportunità del mercato.

Come si investe nel 2019 sull’online? «La tendenza vede un forte calo degli investimenti sui motori di ricerca (-40% del budget) ed una crescita del 22% per gli Uffici Stampa mirati alle testate online (article marketing), del 18% per i social network e del 14% per l’email marketing» rispondono gli analisti di AJCOM.

E proprio in queste tre direzioni si concentrano i nuovi servizi di AJCOM, consentendo alle aziende ed ai professionisti di contare con maggiori strumenti per far crescere il business ed aumentare la propria visibilità sui media e sul web, garantendo risultati misurabili per promuovere prodotti e servizi o per diffondere il proprio pensiero o la propria opera.

«Abbiamo creato servizi “ad hoc” accessibili alle imprese di qualunque dimensione, agli enti associativi, alle missioni diplomatiche ed ai professionisti, mettendo in campo le nostre competenze manageriali di alto livello nell’ambito della comunicazione» così i responsabili di AJCOM spiegano i nuovi servizi su misura, proposti nella versione “ad hoc 48” oppure -per chi vuole optare per una minore intensità dei flussi informativi- “ad hoc 24” o ancora “ad hoc 12”.

I risultati attesi? «Nel caso dell’opzione Ad Hoc 48 da 48 comunicati stampa annui si prevedono circa 2.000 pubblicazioni totali nell’arco dell’intero anno, di cui 200 sulla carta stampata e 1.800 sull’online» rispondono i responsabili.

Questo significa poter essere ripresi ogni mese 160 volte, rimanendo incluse nei servizi Ad Hoc anche tutte le attività di media relation necessarie a mantenere buoni contatti con la stampa per conto dell’azienda, dell’ente associativo o diplomatico e del professionista, i recall telefonici di sensibilizzazione, la disponibilità di un numero di telefono cellulare, gli eventuali approfondimenti e risposte alle specifiche richieste dei giornalisti.

«I costi medi per ogni uscita sono di gran lunga inferiori a singole trattative svolte direttamente con le testate» spiegano gli analisti di AJ-Com.Net.

I nuovi servizi Ad Hoc sono affidati a giornalisti professionisti ed esperti perfettamente a conoscenza delle problematiche specifiche di ogni settore e nascono come evoluzione dei servizi «su misura» di AJCOM, andando quindi a completare un’offerta di comunicazione che spazia dai classici servizi di Ufficio Stampa ai servizi di Web Marketing.

Il servizio Ad Hoc 48 include 192 testi derivati diffusi attraverso news delivery a giornalisti ed influencer, newsletter a imprenditori e professionisti top e canali sociali, prevalentemente Instagram e Facebook.

La diffusione base è di 4 comunicati stampa al mese con l’obiettivo di raggiungere 160 uscite-pubblicazioni mensili. Il target è composto da 40.000 giornalisti ed 8.000 influencer e trendsetter.

La diffusione addizionale (spin-off) per complessivi 16 testi mensili prevede l’inoltro a 144.000 destinatari vip, includendo la mailing “WAP VIP” composta da 26.000 imprenditori e professionisti top e 12.000 rotariani e lions; la mailing “EXPO-LUXE” che raggiunge 24.000 aziende ed esercizi commerciali e 10.000 referenti istituzionali; la mailing “Single” per complessivi 52.000 single ad alto potere acquisitivo; e la mailing “ImmobilNews” con oltre 20.000 operatori del settore immobiliare.

Leggi Tutto
Economia/ImpreseMarketing

Fondamentale importanza delle strategie di comunicazione

In una realtà sempre maggiormente condizionata dall’impiego dei supporti tecnologici, le strategie di comunicazione hanno subito una decisiva trasformazione, coinvolgendo sempre maggiormente gli strumenti del web. Per le aziende che desiderano comunicare correttamente la propria identità, per interagire al meglio con il target di riferimento, risulta di fondamentale importanza affidarsi ad esperti del settore, che siano in grado di servirsi di un team affiatato e competente. L’agenzia di Comunicazione Salerno ADS network.it si occupa di pianificazione strategica cross media, allo scopo di raggiungere obiettivi vantaggiosi per i committenti.

  1. Obiettivi di un’agenzia di comunicazione
  2. Come realizzare una strategia di comunicazione efficace
  3. Quali sono i mezzi per realizzare un’efficace strategia di comunicazione

Obiettivi di un’agenzia di comunicazione

In base alla tipologia degli obiettivi da perseguire vengono impostate differenti strategie operative.

I presupposti da prendere in esame prima di affrontare un lavoro di questo tipo sono i seguenti:

  • qual’è il target di consumatori a cui ci si rivolge;
  • quali valori devono essere espressi;
  • quale messaggio si vuole divulgare;
  • qual’è la valenza del brand nel panorama globale;
  • qual’è l’incisività della concorrenza.

Una volta analizzati tali prerequisiti è quindi possibile stabilire concretamente gli obiettivi da raggiungere che, nella maggior parte dei casi, si concentrano su cinque aspetti principali, che sono:

  • definire chiaramente le caratteristiche del progetto;
  • individuare il concept;
  • impostare la strategia di comunicazione;
  • individuare le opportunità da sfruttare;
  • valutare le eventuali criticità.

Rivolgersi a strutture in grado di comprendere a fondo le esigenze del cliente è il primo passo per la realizzazione di un progetto valido; AdsNetwork.it, un’efficiente agenzia di comunicazione a Salerno, offre ottime garanzie di riuscita in tale ambito.

Come realizzare una strategia di comunicazione efficace

La comunicazione rappresenta lo strumento che consente di avvicinare ampie fasce di individui nell’intento di un coinvolgimento nella trasformazione da semplici spettatori a clienti del proprio marchio.

Per promuovere e rafforzare la brand reputation è necessario stimolare la memorizzazione del brand per attirare i consumatori; a tale scopo un ruolo decisivo è quello di un adeguato piano di comunicazione integrato, coordinato e coerente con tutte le attività promozionali.

Il piano di comunicazione riguarda numerosi aspetti pratici, che sono:

  • analisi del contesto;
  • target di riferimento;
  • strategia creativa;
  • programmazione per step successivi;
  • tempistiche;
  • tipologia dei mezzi di comunicazione;
  • budget a disposizione.

Per impostare un programma di questo genere è indispensabile realizzare una serie di strategie efficaci per raggiungere gli obiettivi nel minor tempo possibile in quanto l’importanza della concorrenza è strettamente correlata al fattore tempo.

Essere in grado di “arrivare primi” rispetto ai competitor è il punto di partenza indiscutibilmente più efficace.

Quali sono i mezzi per realizzare un’efficace strategia di comunicazione

Per realizzare un’efficace strategia di comunicazione è necessario seguire un percorso organizzato sulla sequenza di determinati step, che sono:

  • incominciare con un’analisi situazionale interna ed esterna, basandosi sulla posizione che il brand deve occupare sul mercato;
  • conoscere con precisione il target di riferimento, utilizzando il metodo delle rappresentazioni fittizie dei potenziali clienti (Modello Buyer Personas);
  • definire gli obiettivi, che devono essere reali, concreti ed attuabili;
  • elaborare una strategia creativa tramite cui comunicare il brand, con particolare riguardo all’analisi del linguaggio sia verbale che visivo;
  • pianificare nel dettaglio tattiche, tempi e modi, senza lasciare nulla al caso;
  • decidere le linee guida della comunicazione per rendere il brand immediatamente e facilmente riconoscibile;
  • prevedere possibili situazioni critiche;
  • monitorare costantemente i risultati ottenuti e quelli non ancora raggiunti;
  • decidere di modificare tutti gli aspetti che si sono rivelati inadatti per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Come si nota, le strategie di comunicazione implicano un complesso sistema di operazioni di vario tipo che, pur nella loro unicità, devono svilupparsi sinergicamente.

Per garantire un’adeguata risposta è pertanto necessario affidarsi a professionisti affidabili ed esperti, come ADS network.it, l’agenzia di comunicazione a Salerno in grado di contare su un affiatato team di collaboratori il cui scopo è quello di realizzare le aspettative della clientela.

Nella realtà attuale, in cui le strategie di comunicazione sono affidate quasi esclusivamente al web, avere la possibilità di rivolgersi ad agenzie competenti diventa quindi una priorità assoluta.

Leggi Tutto
Marketing

Senza i negozi si acquista meno online

shopping-online-crescita

E-mail, sms e notifiche via app rappresentano lo strumento più efficace per raggiungere il cliente e fargli fare il primo passo nel processo d’acquisto: il 22% degli acquisti online sono diretta conseguenza di questo strumento di marketing.
Il punto vendita fisico mantiene la sua efficacia: la visita in negozio è decisiva per il 18,4% degli acquisti. Seguono i consigli e il passaparola (16,4%), mentre la pubblicità si attesta al quarto posto, generando l’11% degli acquisti.
(altro…)

Leggi Tutto
Marketing

Open & Agile: l’approccio che trova le soluzioni partendo dalle persone

open-e-agile

La modalità Open & Agile parte dal basso: ascolta le esigenze di chi lavora e le proposte. Un approccio che deriva dalla Openness (Open Organization) una modalità di gestione aziendale che Forma del Tempo sta sperimentando da diversi anni e su cui ha scritto anche delle pubblicazioni. Open perché si tiene conto delle richieste che partono dal basso fino a essere condivise con il top management. Agile perché le soluzioni sono incrementali, ovvero seguono passo passo l’evoluzione dell’azienda. Agile come si sviluppa il software nelle realtà informatiche più avanzate.

La case history

È il caso di un’azienda di spedizione in cui bisognava tradurre e applicare le direttive della casa madre estera in una filiale italiana con delle specificità locali. Come adattare le direttive al contesto italiano? Come coordinarle rispetto ai vari reparti?

Forma del Tempo nella prima fase è partita con un’analisi in cui ha ascoltato tutte le persone che dovevano trasferire le direttive alle loro unità.

Nella seconda fase vi è stata l’elaborazione e il rilascio di un progetto in cui si è fatta una sintesi tra le esigenze del vertice e le necessità di chi lavora sul campo.

Quali sono stati i vantaggi di questo processo per l’azienda di spedizione?

  • Chiarimento dei contenuti dei ruoli previsti dalle direttive centrali
  • Modalità di gestione del lavoro condivise e non frammentate: no sovrapposizioni tra le aree!
  • Risparmio di tempo e modalità di lavoro più fluide
  • Meno errori, maggiore produttività
  • Lavoratori ingaggiati nei processi perché ascoltati e valorizzati
  • Meno conflitti e più lavoro di squadra.

 Qual è dunque la differenza tra l’Open & Agile e un modello tradizionale?

L’approccio tradizionale al cambiamento è prevalentemente top down.  Il cambiamento viene implementato partendo dalla visione del management (in questo caso straniero), ma lo spazio lasciato ai collaboratori è scarso. Poco tempo per discutere, per capire, per migliorare quanto deciso ai piani alti. Per tale motivo il cambiamento spesso produce incomprensioni e resistenze.

Adottando invece l’approccio Open & Agile, le persone sono coinvolte fin dal principio. Sin dall’analisi iniziale, ad esempio, si chiede alle persone di parlare sia dei problemi sia delle cose che funzionano. Gli individui fanno proposte in un clima di fiducia e di apertura. Si implementano le soluzioni e si misura e si identifica che cosa produce buoni risultati. Se si sbaglia si corregge.

Chi è Forma del Tempo – www.formadeltempo.com

E’ una società di consulenza dedicata al cambiamento organizzativo e all’innovazione, attiva sul mercato nazionale dal 1996. Gestisce la complessità e il cambiamento all’interno delle aziende, con la consapevolezza che generare valore oggi significa investire su due asset fondamentali: la crescita del Capitale Umano e lo sviluppo del Capitale Sociale.

Leggi Tutto
Marketing

Idealo: nel 2018 una crescita superiore al 20% ed oltre 145 milioni di offerte presenti sul portale italiano

idealo-2019-gennaio

Idealo, azienda di comparazione prezzi leader in Europa fondata a Berlino nel 2000 e facente parte del gruppo editoriale Axel Springer, rivela alcuni dati d’interesse legati all’anno appena trascorso, sia relativamente ai successi aziendali che, più in generale, all’ulteriore exploit legato al mondo e-commerce e ai prodotti che maggiormente hanno appassionato i consumatori digitali italiani nel 2018.
(altro…)

Leggi Tutto
Marketing

I vantaggi del web per chi vuole richiedere un Prestito Personale

Il web ha oggettivamente cambiato radicalmente le nostre vite. Oggi come oggi, è difficilissimo immaginare la nostra quotidianità e molti dei lavori che svolgiamo senza internet. Tra le attività che la rete ha reso oggettivamente più semplici rientra anche la richiesta di prestiti. Come dimostra il caso dei finanziamenti e prestiti di IBL Banca – giusto per citare un esempio tra i tanti – bastano pochi minuti per scegliere un prestito e per capire qual è il prodotto più adatto alle proprie esigenze.

Prima di entrare nel merito delle indicazioni in questione, ricordiamo che esistono numerosi prodotti tra cui scegliere. Si può infatti scegliere tra prestiti finalizzati all’acquisto di un bene o di un servizio, come ad esempio il Mutuo, oppure preferire il prestito non finalizzato e godere di piena autonomia nella gestione dei soldi, come nel caso del prestito personale. In quest’ultimo caso, il prestito è la soluzione per ogni tipologia di esigenza, pagare gli studi ai propri figli, comprarsi l’automobile, fare i regali di Natale e tanto altro ancora. È infatti possibile chiedere dai 200,00€ ai 75mila euro per esaudire qualsiasi vostro desiderio. Come fare a richiederli? Non vi preoccupate, IBL Banca ha pensato proprio a voi: ecco qui una comoda guida in 8 punti che vi esplicherà tutto quello che c’è da sapere sul prestito personale.
(altro…)

Leggi Tutto
Marketing

Black Friday? Parole alle neuroscienze

Il rituale dello shopping dagli Stati Uniti è diventato un “must” anche in Italia. Anche la sua variante tecnologica del “Ciber Monday” è un “cult” per gli acquisti digitali. Venerdì 24 Novembre negozi, grande distribuzione ed e-commerce proporranno sconti importanti sui loro prodotti. Di solito un -30%. Alcuni hanno anticipato il “venerdì nero” e terranno prezzi ribassati fino a domenica. Perché i consumatori amano il black Friday? Alcune nuove risposte arrivano dalla Neurovendita. Il campo che lega neuroscienze e business.
(altro…)

Leggi Tutto
Marketing

Vi svelo i segreti del passaparola

Intervista esclusiva a Jonah Berger, lo “scienziato” del marketing celebrato anche dal Times e famoso in tutto il mondo per il suo bestseller “Contagious”

Il suo libro “Contagious: why things catch on” è stato un bestseller mondiale, celebrato dal New York Times e dal Wall Street Journal, nominato “miglior libro di marketing” dall’American Marketing Association. Siamo parlando di Jonah Berger, professore alla Wharton School dell’Università di Pennsylvania, vera e propria star del marketing mondiale apparso sulle copertine delle più importanti riviste economiche del pianeta.

Noi di Business&Gentlemen lo abbiamo intervistato in esclusiva durante la due giorni del “Business Marketing Summit” che si è svolto recentemente a Milano, dove ha raccontato l’importanza del passaparola e dei 6 principi fondamentali che rendono contagiosi prodotti e idee. (altro…)

Leggi Tutto
1 2 3 4 5 14
Pagina 3 di 14