close

Business

Economia/Imprese

Essere nonni ai tempi del Coronavirus: un lavoro a tempo pieno che vale 3.200 euro

nonni

Il 2020 si sta trasformando in una vera e propria corsa ad ostacoli per molti genitori, che devono conciliare gli impegni lavorativi con le esigenze dei propri figli. Anche se la scuola è finalmente ricominciata, l’emergenza sanitaria potrebbe portare ad alcuni stop forzati che i genitori devono essere in grado di gestire. Chi può sostenerli in questa missione? La figura che da sempre, e ancora di più negli ultimi mesi, supporta figli e nipoti nella gestione del menage familiare: i nonni.

In occasione della loro festa, che si celebra ogni anno il 2 ottobre, ProntoPro.it, portale che mette in contatto domanda e offerta di servizi professionali, ha calcolato l’ipotetico stipendio dei nonni, nel caso venissero pagati per i servizi che offrono ogni giorno. Un salario che si attesterebbe intorno ai 3.200 euro al mese.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Smart working: ci troviamo di fronte alla nuova rivoluzione industriale?

smart-working-rivoluzione-industriale

Rivoluzione è una parola che spaventa. Innovazione è una parola che affascina. Ma è cambiamento la parola migliore per descrivere le infinite opportunità che lo smart working ci prospetta. Come tutti cambiamenti può fare un po’ paura all’inizio, ma basta guardare al passato per capire che è quasi impossibile resistere. Allo stesso tempo, però, farlo accadere è tutt’altro che semplice. Servono coraggio e disponibilità per riconoscere l’impatto che lo smart working può avere non solo sull’organizzazione del lavoro ma anche sulla società in cui viviamo. La storia ci ha insegnato che le novità più dirompenti arrivano al termine di un percorso, più o meno lungo, di avvicinamento. La pandemia globale, invece, ci ha imposto all’improvviso lo smart working. Cogliendoci impreparati. Durante il lockdown, la preoccupazione è stata allestire mini-uffici domestici, riorganizzare la vita familiare, adottare soluzioni anti-isolamento. Adesso che la fase acuta dell’emergenza è passata, le aziende pianificano il rientro. Ma il punto della questione è: come rientrare?
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

L’innovazione nei tessuti: Technow presenta il progetto “Graphene Inside the Future”

innovazione-tessuti

L’innovazione nel tessuto fa il suo ingresso in Italia dalla porta principale. Technow, giovane azienda svizzera dedicata alla ricerca e sviluppo in ambito tessile, ha scelto il salone della moda contemporanea White Milano per presentare il suo progetto Graphene Inside the Future. Una soluzione altamente innovativa che, nel rispetto del mantra dell’ecosostenibilità, dà un valore aggiunto a tutti i prodotti della filiera tessile: dal filato alle imbottiture accrescendone le proprietà tecniche e fisiche. Condividendo l’impronta innovativa e sostenibile, Technow sarà ospite di WRAD il 24 e il 27 febbraio nello spazio Tortona 27 – Superstudio Più a Milano.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Il futuro della finanza è collaborativo e digital-first

futuro-finanza-collaborativo-digital-first

Se il settore finanziario è tradizionalmente considerato più restio ad adottare iniziative di lavoro a distanza, in questo periodo senza precedenti si è dimostrato all’altezza della situazione, rivoluzionando la collaborazione tra i dipendenti e le proprie modalità di lavoro.

Mentre alcuni ambiti del settore, come il fintech digital-first, erano già avvezzi al telelavoro su larga scala, alcuni segmenti dei servizi finanziari più conservatori, come le assicurazioni, hanno subito una vera e propria ristrutturazione e, con la fine del lockdown e il rilancio dell’economia, i responsabili delle aziende finanziarie stanno facendo un bilancio delle lezioni apprese per rimodellare il futuro mondo della finanza.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Formazione strategica per superare la crisi per 8 aziende su 10

formazione-strategica-superare-crisi

Nonostante le difficoltà del contesto Covid-19, la formazione resta strategica per l’84% delle aziende.

In autunno 4 realtà su 10 continueranno in prevalenza in digitale, per il 2021, nel 59% dei casi, si privilegerà un approccio blended con un crescente mix di modalità per potenziare soprattutto le soft skill utili alle sfide del nuovo scenario. Al centro di un’esperienza efficace anche nel caso delle aule virtuali, resta l’interazione con il docente e il coinvolgimento attivo dei partecipanti.

Questi in sintesi alcuni dati emersi dalla Survey Decoding the Future of Learning: Post Lockdown condotta tra giugno e luglio da Cegos Italia, parte del Gruppo Cegos e tra i principali player nel Learning & Development, per monitorare l’evoluzione e i trend della formazione nel nuovo contesto. Il campione di 400 rispondenti appartiene in prevalenza all’area Risorse Umane e Formazione.
(altro…)

Leggi Tutto
Innovazione

L’innovazione che arriva dal FinTech riporta la finanza al suo ruolo originario di supporto all’economia reale

fintech

Nella lotta agli effetti del Covid sul mondo produttivo, il FinTech si è mostrato il settore che più di tutti, e in maniera più tempestiva, ha proposto soluzioni efficaci. Era d’altronde abbastanza scontato che un settore nativamente digitale, caratterizzato da processi snelli e tutti gestibili da remoto, ben si prestasse a muoversi agevolmente nel mondo del distanziamento sociale.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Tornare al lavoro. Sì, ma come? Ecco perché gli uffici del futuro dovranno essere sempre più flessibili

tornare-a-lavoro

Nell’era pre-Covid l’ufficio era ritenuto un elemento fondamentale per la produttività dei dipendenti, soprattutto da parte dei loro datori. Durante questi ultimi mesi la rapidità e l’efficacia lavorativa a distanza, permesse da tecnologia e vari strumenti, hanno sorpreso tutti e hanno dimostrato che le persone non solo riescono a lavorare anche fuori dai soliti contesti, ma diventano anche più produttive e si responsabilizzano. Da un sondaggio di McKinsey è risultato che l’80% dei lavoratori apprezza (o ha apprezzato) il lavoro da casa e il 41% si è detto più produttivo.

D’altra parte, però, il lavoro da casa è stato anche molto faticoso. Innanzitutto, perché nella maggior parte dei casi non si è trattato di smart working ma piuttosto di remote working in cui semplicemente è cambiato l’ambiente in cui si svolge il proprio lavoro – e non sempre l’ambiente domestico si è rivelato adatto o adeguato: perché gli orari di lavoro si sono dilatati e perché coordinarsi a distanza per così tanto tempo ha generato molto stress.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

L’Ecobonus Auto 2020 accende l’interesse degli italiani verso la mobilità elettrica: cresce del 5000% la ricerca di informazioni su Google

cepar-team

Nonostante non sia il primo anno che il Ministero vara degli incentivi sulla mobilità elettrica, è il 2020 l’anno della svolta in cui gli Italiani hanno scoperto la loro passione per forme alternative di alimentazione delle auto. Il decreto Agosto, che ha stanziato ulteriori 500 milioni di euro in incentivi ed ha previsto 410 di questi per l’acquisto di auto elettriche, ibride e a motore entro certi limiti di emissioni, ha recentemente introdotto nuove integrazioni finanziarie e modifiche riguardo le tipologie di auto che possono usufruire degli ecobonus.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Smart working e gestione del lavoro: il futuro passa per il Remote Project Manager

remot-project-manager

Lo smart working, sempre più predominante in quest’ultimo periodo post quarantena, non è più visto come una fase transitoria dell’attuale mondo del lavoro ma piuttosto come una modalità lavorativa che andrà via via sempre più a essere applicata in modo strutturato e duraturo.

Se diversi sono i benefici che sono stati riscontrati fin dalla sua adozione, da un miglioramento della produttività a una gestione ottimizzata del tempo, è indubbio però che rimane ancora un certo scetticismo, soprattutto nei datori di lavoro, sull’adottare in modo più continuativo un simile sistema all’interno di PMI e di attività professionali.

Oggi quindi si sente l’esigenza di andare a individuare delle figure professionali capaci di traghettare le aziende verso una maggior adozione del lavoro agile e allo stesso tempo di garantire standard elevati in termini di risultati ottenuti e gestione del lavoro, pur operando da remoto.
(altro…)

Leggi Tutto
Innovazione

“Le competenze dei dipendenti e il potenziale dell’IA”:
le aziende che traggono maggiori benefici dall’intelligenza artificiale sono quelle che investono sulla formazione

competenze-dipendenti-potenziale-ai

Microsoft ha presentato oggi i risultati della nuova ricerca “Le competenze dei dipendenti e il potenziale dell’IA” che ha coinvolto nei mesi scorsi 12.000 dipendenti e figure dirigenziali in tutto il mondo, oltre 600 in Italia, per scoprire il livello di adozione dell’intelligenza artificiale e individuare i principali insegnamenti appresi dalle aziende che si trovano più avanti nel proprio percorso d’innovazione. Tra le principali evidenze della ricerca, è emerso che le organizzazioni che traggono maggior valore dall’adozione dell’AI sono quelle che non puntano solamente sull’automazione e sull’efficienza operativa ma anche sulla formazione, affinché l’ingegno umano possa elevarsi grazie alla tecnologia.
(altro…)

Leggi Tutto
1 2 3 4 219
Pagina 2 di 219