close

Business

Economia/Imprese

Carta Visa o Mastercard: caratteristiche e differenze dei due circuiti di pagamento più conosciuti al mondo

Visa e Mastercard sono i due circuiti di pagamento più conosciuti in tutto il mondo, grazie a cui è possibile eseguire transazioni dappertutto. Visa è il principale operatore sul mercato, e da sola copre più della metà delle transazioni che vengono effettuate in tutto il mondo con le carte di credito; al secondo posto si colloca Mastercard, con un terzo delle operazioni mondiali. Qual è, allora, il circuito da preferire? Ne abbiamo parlato con il team di Salex.it, punto di riferimento nel nostro Paese nel settore di numerose forme di investimento, fra cui asset digitali e monete virtuali. Su questo sito si possono trovare anche approfondimenti e recensioni dedicati alle carte prepagate, alle carte di debito e alle carte di credito.

Mastercard e Visa: il funzionamento

(altro…)

Leggi Tutto
Eventi biz

La scienza della negoziazione: un viaggio insieme a Michael Tsur

Una pratica centrale e trasversale appartenente a tutti i settori di business è la negoziazione. Un’operazione fondamentale quanto complessa, che richiede il coinvolgimento di skill interrelazionali, componenti emotive e fattori contingenti che possono diventare difficili da governare, specialmente in momenti di incertezza e cambiamento.

Ma quando diventa necessario metterla in pratica? Nel momento in cui non è possibile raggiungere un obiettivo comune. Richiede prima di tutto che vengano stabiliti gli interessi di una e dell’altra parte e poi che ci sia la cooperazione per poter raggiungere un accordo vantaggioso per entrambe le parti.

(altro…)

Leggi Tutto
Marketing

Strategie di Direct Marketing: ecco cos’è e come farlo

Il direct marketing è una strategia di comunicazione che mira a stabilire relazioni dirette con un determinato target.

La comunicazione avviene quindi senza intermediari, il più delle volte attraverso un messaggio personalizzato e stimolante, al fine di ottenere una reazione immediata e misurabile. Scopriamo gli obiettivi e il funzionamento del direct marketing.

Direct marketing: le strategie per realizzare gli obiettivi

L’obiettivo di qualsiasi tecnica di marketing è:

  • conquistare nuovi clienti;
  • fidelizzare i clienti esistenti;
  • realizzare più vendite.

Integrando le tecniche di direct marketing nelle strategie di marketing complessive, le aziende cercano di soddisfare un’esigenza strategica. Le azioni di direct marketing aiutano ad ottenere una reazione rapida e precisa del target. Sono quindi Impiegate a breve o medio termine.

Lo sviluppo di una campagna di marketing diretto prevede cinque passaggi principali, che di seguito vedremo dettagliatamente.

1.  La creazione del messaggio

La creazione del messaggio è un passaggio cruciale nello sviluppo di una campagna di direct marketing.

Questo è infatti ciò che spingerà i destinatari a eseguire l’azione desiderata. Il suo contenuto deve quindi portare i valori del marchio ed essere pertinente, originale e convincente. Deve mettere in evidenza i prodotti e i servizi, nonché i punti di forza dell’azienda.

In generale, un messaggio di marketing diretto trasmette una promessa o presenta un’opportunità, tali da motivare il potenziale cliente ad agire immediatamente.

Può essere un invito a un evento, la presentazione di un prodotto o servizio, uno sconto, un bonus da ricevere dopo l’azione, ecc.

2.  Identificazione del target

Così come la creazione del messaggio, la personalizzazione del target è un passo decisivo per il successo di una campagna di direct marketing.

Consiste nella raccolta di informazioni rilevanti sul cliente durante il suo viaggio per qualificarlo meglio nel database del cliente.

Le informazioni raccolte sono ad esempio:

  • Dati di contatto (nomi, email, fax, contatti, ecc.);
  • cronologia degli acquisti;
  • prodotti visualizzati;
  • necessità;
  • punti di interesse;
  • comportamento sul sito.

Ogni interazione con il cliente o prospect è un’opportunità per l’azienda di conoscere il proprio target e quindi di completare il proprio profilo. Ogni campagna di marketing diretto sarà quindi orientata verso un segmento specifico, selezionato secondo criteri predefiniti.

3.  Strumenti di comunicazione di marketing diretto

Il marketing diretto può essere visto come tutte le azioni di marketing che contribuiscono a inviare il messaggio giusto al target giusto utilizzando il canale di comunicazione appropriato.

L’avvento delle nuove tecnologie nella comunicazione ha favorito il marketing diretto multicanale. Le aziende possono quindi diversificare le loro campagne attraverso molti canali in base ai loro obiettivi e budget.

Gli strumenti più utilizzati nel direct marketing sono: l’email marketing, il content marketing, il mobile marketing, il social marketing e la pubblicità web.

4.  Automazione del direct marketing

Lo sviluppo e la gestione di campagne di marketing diretto richiede una buona organizzazione e un buon tempismo.

Ecco perché sia ​​le piccole che le grandi aziende si stanno ora rivolgendo all’automazione delle attività con i software di automazione del marketing e allo stesso tempo ad ottenere magari una specifica consulenza e strategia di marketing diretto. Le attività ricorrenti come l’invio di sms o e-mail vengono quindi pianificate per l’esecuzione automatica.

Inoltre, la pianificazione delle attività può essere eseguita tenendo conto di criteri quali:

  • il profilo del target;
  • il momento dell’interazione;
  • il suo comportamento.

Un cliente o un potenziale cliente può quindi ricevere messaggi personalizzati in momenti specifici durante il percorso d’acquisto. Tutto questo automaticamente.

5.  Analisi e monitoraggio nel marketing diretto

Il monitoraggio e l’analisi dei risultati della campagna è comune a tutte le strategie di marketing.

Consiste nel monitorare l’andamento delle operazioni di marketing utilizzando indicatori di performance (KPI) e analizzare i risultati ottenuti al termine della campagna. L’obiettivo di questo passaggio è identificare i punti deboli della strategia di direct marketing per correggerli.

I risultati ottenuti vengono confrontati con i risultati attesi; in questo modo si ha una visione degli obiettivi raggiunti o meno. Questi risultati verranno utilizzati anche per determinare il costo della fidelizzazione di un cliente e il costo dell’acquisizione di un nuovo cliente. Aiuteranno a misurare il ROI della campagna.

A differenza dell’inbound marketing, che mira ad avvicinare il cliente a te, il direct marketing consiste nell’andare direttamente dal cliente per fargli un’offerta. È presente sia nel marketing B2B che nel marketing B2C. Risulta strategico per il suo approccio personalizzato che incoraggia il cliente o il potenziale cliente ad agire rapidamente.

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Banking&Finance: obiettivo primario per i cyber criminali Le minacce attuali, gli attaccanti e le contromisure

Il settore finanziario e quello dei servizi commerciali e professionali sono stati gli obiettivi principali dei cyber criminali durante il 2021 (14% ciascuno). Questo è il dato che emerge dall’ultimo M-Trends Report 2022 di Mandiant, una ricerca annuale basata sulle investigazioni di incidenti informatici svolte in prima persona.

È da ormai diverso tempo che le aziende in questi settori sono costantemente prese di mira a livello globale. Le motivazioni principali sono due: la trasformazione digitale che avanza e la necessità di essere sempre connessi. Questi fattori comportano un allargamento del panorama delle minacce cyber, più le reti informatiche interne delle aziende sono interconnesse e più sono vulnerabili. La buona notizia è che, studiando nel dettaglio le informazioni più recenti sugli aggressori e sulle loro tattiche, tecniche e procedure (TTP) di attacco, i responsabili della sicurezza possono affrontare il problema in modo strutturato.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Le alleanze banche-fintech che creano valore

Deutsche Bank, Santander, Barclays, Sparkasse. E dall’altro lato Kabbage, Traxpay, Workinvoice, SIA. Le collaborazioni tra banche e fintech si moltiplicano in tutto il mondo – e anche in Italia. Come sempre accade, quando un trend esce dalla sua dimensione di nicchia e diventa mainstream, si crea un “effetto moda” che porta a una proliferazione del fenomeno. Una tendenza che nell’insieme è positiva, ma che determina, insieme alle operazioni di successo, anche molte che sono inevitabilmente meno virtuose. Per questo abbiamo individuato cinque partnership che funzionano, perché creano nuova redditività per le banche e valore anche per le fintech che le attuano. E soprattutto permettono a sempre più persone e imprese di avere a disposizione servizi che semplificano la loro vita.

Ecco quindi un rapido excursus delle partnership che funzionano – dopo il quale cercheremo di capire quali sono le regole su cui esse si fondano.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Consulente finanziario, di chi fidarsi

Riuscire a prendere delle decisioni efficaci per quanto riguarda il proprio risparmio ed evitare così di incorrere nelle sempre più numerose truffe esistenti nel settore, vista la velocità con la quale cambiano o si aggiornano le regole (scritte e non) del mercato, non è affatto una cosa semplice. A questo proposito esiste la figura del consulente finanziario, alla quale affidare interamente la gestione del proprio portafoglio per essere sicuri di adottare soluzioni efficaci, che riescano a ottimizzare quanto più possibile il proprio business.

Le caratteristiche di un buon consulente finanziario

Il consulente finanziario è un professionista che studia i vari mercati finanziari e fornisce la sua consulenza riguardo alle migliori soluzioni d’investimento, spiegando in maniera dettagliata al cliente tutti i possibili vantaggi, costi e rischi relativi alle varie alternative proposte dagli istituti di credito, dalle banche oppure dalle società d’intermediazione immobiliare.

Partiamo con il dire che gli interessi di un consulente finanziario sono legati a quelli del cliente, in quanto più cresce il portafoglio di quest’ultimo, tanto più cresce proporzionalmente anche il guadagno del suo consulente di fiducia.

Un consulente finanziario, per essere considerato professionale ed efficiente, deve rispettare poche ma imprescindibili regole. Per prima cosa un professionista di qualsiasi settore, per svolgere la sua attività in maniera ottimale, deve garantire un’assistenza continuativa e presente nel tempo, in modo da assicurare al cliente la massima tranquillità. Altro fattore, in un mondo che cambia a velocità enormi come quello della finanza, sono i corsi di aggiornamento attraverso i quali il professionista si mantiene sempre al passo con i tempi e, di conseguenza, in grado di scegliere le strategie migliori da adottare per evitare di incorrere in truffe e, allo stesso tempo, riuscire ad ottimizzare i profitti.

Consulente finanziario: come sceglierlo

Il modo migliore per scegliere un consulente finanziario indipendente, serio professionale e affidabile è sicuramente quello d’informarsi quanto più possibile sulla sua esperienza lavorativa e sul suo curriculum. Al giorno d’oggi, grazie al web, è molto facile farsi un’idea sulle competenze e le capacità lavorative di un professionista. Il secondo passo è sicuramente quello di contattare personalmente il professionista in questione per conoscersi ed eventualmente programmare insieme un piano di lavori. La Travagli Financial, grazie all’esperienza maturata sul campo di Maximiliano Travagli che lavora a stretto contatto con il cliente, riesce a soddisfare tutte le possibili esigenze e a proporre soluzioni efficaci, attestate dalla soddisfazione dei clienti.

Di cosa si occupa la Travagli Financial

La Travagli Financial gestisce tutto ciò che riguarda il denaro di famiglie e attività lavorative. Nello specifico i servizi offerti riguardano il settore degli investimenti (check up di portafoglio, gestione del portafogli famigliare, aziendale o di associazioni di tutti i generi), del settore della pianificazione e controllo (come la supervisione su consulenti esterni, la pianificazione successoria e previdenziale, il controllo e la pianificazione degli obblighi fiscali) e del settore immobiliare e dei finanziamenti (efficientamento delle esposizioni creditizie, supporto e assistenza nella ricerca dei finanziamenti più adatti alle esigenze del cliente).

Perché affidarsi a un consulente finanziario

A meno che si tratti di un investitore professionista, sempre aggiornato sui cambiamenti e sulle nuove truffe esistenti, è difficile che un cliente riesca a gestire il suo business in maniera ottimale e per questo necessario affidarsi a un consulente fiduciario autonomo, con il quale instaurare un rapporto lavorativo continuativo e basato sulla reciproca stima e correttezza.

Perché affidarsi alla Travagli Financial

La Travagli Financial, tramite la figura professionale di Maximiliano Travagli, sottoposta alla vigilanza dell’OCF (Organismo preposto per legge al controllo dei requisiti dei consulenti finanziari e tenuta dell’albo unico dei Consulenti Finanziari), assicura rapidità e trasparenza a chiunque si rivolga ad essa per gestire i propri risparmi. Grazie alla sua competenza e alla sua esperienza maturata in anni di lavoro nel settore, Maximiliano Travagli riesce a proporre sempre le soluzioni migliori per il business dei suoi clienti, partendo da un accurato check up di portafoglio per verificare lo stato di salute dei risparmi, eliminare gli errori in tempo utile e proteggere, in questo modo, i risparmi e di  conseguenza far crescere le probabilità di rendimento e rivalutazione.

I punti di forza della Travagli Financial

Trasparenza: una divulgazione corretta e trasparente è il minimo che un consulente finanziario autonomo deve assicurare ai propri clienti.

Imparzialità: avendo accesso a numerose risorse di ricerca indipendenti, la Travagli Financial riesce ad assicurare una ricerca e una consulenza imparziale sugli investimenti.

Competenza: Maximiliano Travagli, in veste di consulente finanziario, partecipa periodicamente a corsi di aggiornamento per ampliare la sua esperienza e riuscire a proporre solo gli investimenti migliori rispetto alle esigenze dei clienti.

Assistenza continuativa: riunioni periodiche e call telefoniche finalizzate al ribilanciamento del portafoglio dei clienti e all’aggiornamento delle strategie.

Prezzi competitivi: Travagli Financial lavora con i clienti solo a pagamento, eliminando in questo modo in maniera totale i possibili conflitti d’interesse.

Servizio personalizzato: ogni cliente lavora a stretto contatto con Maximiliano Travagli che si impegna a rispondere a tutte le esigenze e le domande, non oltre le ventiquattro ore di tempo.

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Nasce BMV, LEGAL HUB multidisciplinare al servizio delle imprese

È in un contesto nuovo e complesso che nasce BMV – Law, Tax & Finance, un progetto di ampia portata che raccoglie le autorevoli esperienze e competenze di cinque studi professionali nei servizi alle imprese sul fonte della consulenza legale e finanziaria. Il risultato è una Legal Hub che offre una consulenza specialistica globale che può portare le organizzazioni a raggiungere traguardi ambiziosi in ambito nazionale e internazionale. Una nuova Legal Firm italiana che opera a livello internazionale su scenari difficili e sfidanti che richiedono la capacità di operare e crescere nelle diverse parti del mondo, la necessità di tutelare il business e di superare le avversità e le incertezze, la possibilità di sviluppare accordi e relazioni qualificate per cogliere nuove opportunità, e la spinta alla digitalizzazione e all’innovazione.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Donne e giovani: per ridurre le disuguaglianze ci vuole formazione (soprattutto finanziaria)

Le donne e i giovani sono le due categorie più colpite dalle diseguaglianze economiche che caratterizzano il nostro Paese. Una situazione che richiede una serie di azioni coordinate, che parta dal livello legislativo ma che coinvolga anche tutti gli stakeholder e che passi da una maggiore educazione finanziaria.

Partiamo dai numeri che indicano lo status quo per poi indicare quelle che potrebbero essere delle soluzioni.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Flessibilità e worklife balance: il futuro del lavoro post-pandemia

Le implicazioni del tanto agognato “ritorno alla normalità” dopo la fine dello stato di emergenza da Covid-19 coinvolgono la società per intero, e in particolar modo il mondo del lavoro. I nuovi modelli organizzativi, incentrati sul ricorso massiccio allo smartworking e sulla flessibilità, potrebbero venire archiviati come “misure temporanee”, oppure integrati definitivamente nelle prassi aziendali.

Una ricerca condotta da LinkedIn permette ora di riconoscere bisogni e sensibilità condivisi dai lavoratori sui temi della flessibilità, evidenziando al contempo significative differenze di percezione a seconda del genere e della fascia di età di appartenenza.

Un primo dato significativo della ricerca riguarda l’impatto della pandemia nel ridefinire e trasformare le priorità dei lavoratori. Il 64% degli intervistati in Italia è convinto che la pandemia abbia modificato per sempre il modo in cui lavoriamo, il 55% afferma di voler dedicare più tempo ad altri aspetti della propria vita ed il 61% dichiara di aver realizzato, in questi ultimi due anni, di voler lavorare in modo più flessibile.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Maverick Group certificata da The Financial Times e Statista

Financial Times 1000 Europe’s Fastest Growing Companies 2022 è il risultato di un’iniziativa congiunta di Financial Times e Statista.
Quest’ultima ha condotto mesi di ricerche, coinvolgendo decine di migliaia di aziende da tutta Europa e a conclusione del processo di analisi sono state identificate le aziende che, tra milioni di imprese europee, sono riuscite chiaramente a distinguersi per la propria crescita di fatturato nell’ultimo triennio.
(altro…)

Leggi Tutto
1 3 4 5 6 7 249
Pagina 5 di 249