close
Life

L’estate si vive a tutta “carica”

Estate e vacanze fanno rima con valigie, si sa. Ma qual è l’accessorio hi-tech immancabile che mette d’accordo i professionisti del bagaglio e i grandi indecisi che ricorrono al metodo “nel dubbio, porto tutto”? Secondo l’ultimo sondaggio condotto da Wiko – brand di telefonia franco-cinese – all’interno della sua Instagram community, la risposta è il caricabatterie con cui caricare il proprio smartphone. Dimenticarlo sarebbe l’incubo del 95% dei rispondenti.

Se, da un lato, la ricarica rapida è un nice to have per l’81% dei partecipanti alla survey, dall’altro la conditio sine qua non nella scelta del device da portare in vacanza è l’autonomia. E, proprio per questo motivo, diventa sempre più importante poter contare su un telefono dalla batteria long lasting. Perché sì, a quanto pare, in viaggio la carica degli smartphone tra consultazione di mappe, utilizzo del Bluetooth e social arriva appena a fine giornata (76%). E sono davvero pochi (24%) gli utenti disposti a ricaricare il proprio dispositivo ovunque ci sia una presa. La maggioranza, e cioè ben il 76%, opta per ricariche notturne.

C’è però da sottolineare che un buon 68% afferma di riuscire a prolungare l’autonomia attivando, al bisogno, la modalità risparmio energetico. Mentre oltre il 60% degli utenti coinvolti nella survey adotta piccoli accorgimenti per allungare la durata del proprio smartphone come ad esempio evitare di lasciare tante app aperte in background. Meno diffuso invece (25%) l’utilizzo di tool per ottimizzare la batteria. Insomma ognuno mette a frutto la propria strategia pur di evitare lo spegnimento nel momento meno indicato!

Infatti, anche se dopo quest’anno tanti cercheranno una vacanza all’insegna del digital detox, il 65% dichiara di non essere pronto neanche a disattivare le notifiche non necessarie perché sente l’esigenza di voler restare informato. Di pari passo va la voglia di utilizzare il proprio smartphone per documentare e condividere ogni meta e momento speciale con i propri affetti. D’altronde con smartphone dall’autonomia sempre più prolugata è quasi impossibile (73%) ritrovarsi con la batteria così scarica da non poter immortalare la golden hour sullo Stretto o sulle Dolomiti!

Non stupisce quindi che per il 69% dei partecipanti al sondaggio di Wiko avere uno smartphone che duri 4 giorni con una sola carica sarebbe “un sogno”. E questo ad esempio è possibile con Power U30 e Power U20 – due dei protagonisti dell’ultima Power U Collection – che grazie alle loro batterie da 6000 mAh ottimizzate dall’AI Power soddisfano appieno questo requisito. Power U30 dispone, inoltre, anche di ricarica rapida da 15W e USB Type C.

A certificare la loro sorprendente autonomia sono due enti terzi e indipendenti specializzati nel device testing: DXOMARK e Smart Viser. Con un punteggio DXOMARK di 98 in termini di autonomia, Power U30 è infatti una comprovata powerhouse che si è aggiudicato la prima posizione nella loro classifica degli smartphone essenziali. Mentre Power U20 si è posizionato come il primo miglior battery phone nella classifica di ViserMark di SmartViser.

Quindi, se scegliete il device giusto e  le vostre vacanze durano solo 4 giorni, potrete concedervi il lusso di lasciare a casa il caricabatterie!

Tags : Homepage Bottom