close

Business

Economia/Imprese

Lavoratori e aziende sempre più soddisfatti del welfare mix

aziende-lavoratori-soddisfatti-welfare-mix

I dati chiusi alla fine del settembre scorso, mettono in luce che il 57% delle aziende metalmeccaniche e il 61% dei metalmeccanici, degli installatori di impianti, degli orafi e argentieri italiani aderenti, si dichiara soddisfatto delle prestazioni sanitarie integrative al Sistema Sanitario Nazionale erogate dal Fondo Metasalute, il Fondo Integrativo obbligatorio di categoria. Questi i risultati della ricerca Nielsen, commissionata dallo stesso Fondo a gennaio 2019.

Quattro i momenti di somministrazione dell’indagine, di cui tre finora realizzati da febbraio a settembre 2019, su un campione di 3400 interviste complessive tra lavoratori, aziende e strutture sanitarie. Dai risultati emerge chiaramente, nel corso dei mesi, un aumento del gradimento. In particolare nelle aziende che aderiscono al Fondo la soddisfazione cresce dal 46% della prima wave (febbraio 2019), al 47% della seconda (maggio-giugno 2019), fino al 57% nella terza analisi a settembre. A influire sulla crescita, sempre secondo i dati Nielsen, sono l’ampio spettro di prestazioni e la chiarezza nelle procedure, che si aggiungono a un sito internet performante e al corso di formazione Metasalute Academy, organizzato dal Fondo e rivolto alle aziende aderenti e alle rappresentanze sindacali.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

I 5 rischi che amministratori e dirigenti d’azienda devono tenere sotto controllo nel 2020

rischi-amministratori-dirigenti-azienda
  • “Bad news”, impatto del cambiamento climatico, fallimenti e le sfide politiche hanno implicazioni di rischio crescenti per amministratori e dirigenti aziendali (D&O).
  • La crescita delle class action sugli strumenti finanziari e del litigation funding a livello globale comporta un aumento dei contenziosi contro le aziende e i propri vertici. Stati Uniti, Canada e Australia registrano un aumento dei contenziosi contro le aziende e i propri vertici. Stati Uniti, Canada e Australia registrano la maggiore attività, ma si prevede un aumento in tutto il mondo.
  • La redditività del settore assicurativo D&O ha risentito negli ultimi anni della crescente concorrenza, della crescita delle cause legali e dell’aumento della frequenza e della gravità dei sinistri. Prevista ulteriore volatilità

Negli ultimi anni il numero di rischi a cui sono esposti amministratori e dirigenti aziendali (D&O) è notevolmente aumentato, e con loro sono cambiati anche gli scenari assicurativi. La gestione aziendale è sempre più sotto i riflettori e, come evidenziato dal nuovo rapporto di Allianz Global Corporate & Speciality (AGCS), ci sono cinque grandi tendenze che avranno importanti implicazioni per il senior management nel 2020 e oltre. La ricerca “Directors And Officers Insurance Insights 2020”, esamina anche i fattori che stanno trasformando il mercato assicurativo D&O dopo un periodo di forti perdite.

1.Aumentano i contenziosi derivanti da “bad news”

“AGCS assistente a sempre più richieste di risarcimento contro amministratori e dirigenti aziendali derivanti da “bad news” non necessariamente legate ai risultato finanziari”, afferma Shanil Williams, Global Head of Financial Lines di AGCS. “Gli scenari principali includono problemi relativi ai prodotti, disastrati causati da errore umano, disastri ambientali, corruzione e attacchi informatici”. Questi tipi di casi “event-driven” spesso impattano fortemente sui titoli e portano gli azionisti a richiedere risarcimenti a causa del calo del valore delle azioni dovuto alla notizia o a un’indagine. Dei 100 principali casi di frode di sempre che riguardano strumenti finanziari negli Stati Uniti, il 59% è dovuto proprio a “bad news”. C’è stato anche un picco nei reclami derivanti dal movimento #metoo, convinto che i vertici aziendali abbiano permesso l’avanzare di una cultura malsana all’interno delle imprese. Tra le fattispecie prevalenti ci sono poi gli incidenti informatici: AGCS ha registrato nell’ultimo anno una serie di class action, azioni derivate, indagini delle autorità regolamentari e multe, anche dopo l’entrata in vigore Regolamento generale dell’UE sulla protezione dei dati (GDPR), e prevede un’accelerazione nel 2020.

2. Aumentano le controversie legali relative alla sostenibilità ambientale 

In futuro, la mancata comunicazione dei rischi relativi alla sostenibilità ambientale si tradurrà sempre più spesso in controversie legali. Casi che riguardano la questione del cambiamento climatico sono già stati presentati almeno 28 paesi in tutto il mondo e tre quarti di questi casi riguardano gli Stati Uniti. Sono sempre di più i casi che dimostrano come le aziende non siano riuscite ad adeguare le pratiche commerciali alle mutate condizioni climatiche. Le carenze ambientali, sociali e di governance (ESG) possono causare il crollo del valore del titolo. “I dirigenti saranno ritenuti responsabili del modo in cui le questioni ESG e i cambiamenti climatici sono affrontati a livello aziendale”, afferma Williams. “Amministratori e dirigenti dovranno considerare sempre più l’impatto di questi aspetti quando esaminano la strategia, la governance, la gestione del rischio e quella finanziaria”.

3.Aumentano a livello globale le class action sugli strumenti finanziari

A livello globale le class action sugli strumenti stanno aumentando, e con esse si sta evolvendo tutto il contesto giuridico. AGCS ha visto aumentare la ricettività dei governi di tutto il mondo nei confronti delle class action, in particolare in Europa, ma anche in altri territori come la Thailandia e l’Arabia Saudita. Allo stesso tempo però, i casi archiviati negli stati Uniti hanno raggiunto livelli record negli ultimi anni, con oltre 400 archiviazioni sia nel 2017 che nel 2018, quasi il doppio rispetto alla media del ventennio precedente. Questo aumento di attività sta avendo un impatto sia sulle aziende statunitensi che su quelle straniere che hanno titoli quotati direttamente negli USA.

In collaborazione con lo studio legale Clyde & Co, AGCS ha indicato nel rapporto una mappa dei rischi che valuta la probabilità che una società sia soggetta a una class action sugli strumenti finanziari in una particolare giurisdizione, tenendo conto della disponibilità e della prevalenza del litigation funding, che sta moltiplicando le class action in tutto il mondo. Paesi come Stati Uniti, Canada e Australia hanno meccanismi relativi alle class action più sviluppati, ma nel complesso si stanno rafforzando in tutto il mondo, con i Paesi Bassi, la Germania, l’Inghilterra e il Galles che negli ultimi anni hanno registrato un notevole sviluppo e un aumento dell’attività.

4.L’impatto dei fallimenti e delle sfide politiche 

AGCS prevede un aumento dei casi di insolvenza che possono potenzialmente tradursi in istanze contro amministratori e dirigenti aziendali. Nel 2018 i fallimenti delle imprese sono aumentati di oltre il 10% rispetto all’anno precedente, in seguito soprattutto al forte aumento di oltre il 60% in Cina. Nel 2019, per il terzo anno consecutivo, i fallimenti delle imprese aumenteranno di oltre il 6% rispetto all’anno precedente, con due paesi su tre che registreranno un numero di fallimenti superiore a quello del 2018. “Le sfide politiche, tra cui importanti appuntamenti elettorali, la Brexit e le guerre commerciali, potrebbero rendere necessaria una pianificazione del rischio per i consigli di amministrazione, compresa la revisione della strategia valutaria, la pianificazione delle fusioni e acquisizioni (M&A) e le decisioni sulla supply chain e sull’approvvigionamento sulla base delle tariffe.  Un processo decisionale inadeguato può anche tradursi in richieste di risarcimento da parte degli stakeholder” afferma Williams.

5.Il litigation funding si sta diffondendo in tutto il mondo 

Tutte queste macro tendenze sono ulteriormente alimentate dal litigation funding, una classe d’investimento che si sta diffondendo a livello globale attirando investitori alla ricerca di rendimenti più elevati e colpiti da anni di bassi tassi d’interesse.

Il litigation funding abbatte molte delle barriere d’ingresso che ostacolano le richieste di risarcimento, anche se c’è un ampio dibattito su questa attività.  Recentemente, molti dei maggiori finanziatori di controversie legali si sono spostati in Europa. Nonostante gli Stati Uniti rappresentino ancora circa il 40% del mercato, seguiti da Australia e Regno Unito, si stanno aprendo nuovi mercati, grazie ad esempio alle recenti autorizzazioni per il litigation funding per le cause arbitrali a Singapore e Hong Kong. Sotto questo profilo India e alcuni paesi del Medio Oriente diventeranno in futuro aree particolarmente vivaci.

Il difficile mercato assicurativo D&O

Sebbene premi raccolti dalle polizze assicurative per i D&O si aggirino annualmente intorno ai $15 miliardi, negli ultimi anni la redditività del settore è stata messa in discussione a causa della crescente concorrenza, dell’aumento del numero di cause legali e dall’incremento dei sinistri, sia in termini di della frequenza che di gravità. Negli ultimi cinque anni AGCS ha registrato una crescita a due cifre nel numero di sinistri gestiti.

Gli assicuratori devono far fronte a maggiori spese legali a causa dell’aumento delle attività, nonché a un maggior numero di risarcimenti e sinistri. Un’altra questione è che i contenziosi event-driven si traducono in richieste aggregate che possono attivare diversi tipi di polizze. Ad esempio, un evento potrebbe far scattare richieste di risarcimento in materia di aviazione, ambiente, costruzioni, ritiro dei prodotti e polizze di assicurazione informatica.

Le polizze assicurative D&O coprono i rischi strategici di imprese e dirigenti. Nell’ultimo anno il mercato D&O ha subito importanti cambiamenti e probabilmente nel 2020 subirà una maggiore volatilità“, afferma Williams. “Una delle migliori difese per proteggersi da tale volatilità è che i risk manager e i loro amministratori e dirigenti mantengano un dialogo aperto con le compagnie assicurative e i broker, in modo che tutte le parti possano comprendere al meglio la cultura del rischio e la buona governance all’interno di un’organizzazione“.

Leggi Tutto
Innovazione

Digital Divide

digital-divede-italia

Il digital divide, purtroppo, nel nostro Paese è ancora una realtà. L’analfabetismo digitale è molto elevato soprattutto nelle fasce d’età più avanzate, con un’evidente frattura generazionale, ma anche nelle persone con bassa scolarizzazione, con disabilità e che vivono in contesti socio-economici svantaggiati.

In questo contesto, il digital divide si aggiunge alle già difficili condizioni socio-economiche di queste fasce di popolazione privandole di molte opportunità e diritti, esponendole, quindi, maggiormente alle frodi e ai pericoli provenienti dai canali digitali, perché non in possesso delle dovute conoscenze.
(altro…)

Leggi Tutto
Eventi biz

Il capoluogo barese si conferma centro nevralgico d’innovazione per il Centro e il Sud Italia

bari-centro-nevralgico-innovazione

Una Puglia capace di competere, di svilupparsi e di innovare. Questo è quanto emerge dal successo della prima edizione di MECSPE Bari, che dal 28 al 30 novembre ha attratto nei padiglioni di Nuova Fiera del Levante 16.243 professionisti. Un evento, promosso da Senaf grazie, anche, al supporto della Regione Puglia, del Comune di Bari e di Confindustrua Bari Bat, che è riuscito ad imporsi al suo debutto con numeri entusiasmanti: 20.000 mq di superficie espositiva, 656 aziende espositrici, 3 padiglioni, 54 fra convegni e workshop, 10 iniziative speciali e 1 cuore mostra l’ “OFFICINA Intelligente”; dando al pubblico la possibilità di toccare dal vivo e con mano la vivacità del tessuto imprenditoriale del territorio e il radicale cambiamento nell’approccio alla trasformazione digitale e alla cultura d’impresa nel settore del manifatturiero.

“MECSPE Bari nasce da un lungo studio durato 3 anni, in cui abbiamo analizzato le potenzialità del territorio pugliese e le innovazioni tecnologiche introduttive, contrastando una capacità di reazione del capoluogo che ci ha spinto a considerarlo il centro nevralgico e a mettere qui in campo tutti i nostri sforzi per supportare le PMI del Centro, del Sud Italia e del bacino del Mediterraneo- ha dichiarato Ivo Nardella, Presidente Senaf/ Gruppo Tecniche Nuove– Siamo soddisfatti dell’eccellente attenzione riscontrata in questa prima edizione. In sole tre giornate di manifestazione siamo riusciti a puntare i riflettori sulle capacità e sulle eccellenze che quest’area può offrire, e sulle opportunità per poterle cogliere mediante l’innovazione, la trasformazione digitale e la formazione. Il nostro percorso non si arresta qui; infatti, siamo convinti che questo sia un luogo del fare, che ci vedrà di nuovo protagonisti nei prossimi anni, anche grazie al sostegno e alla collaborazione di tutti i partner locali, con i quali condividiamo la stessa visione”.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Il mattone rende molto più dei titoli di stato

mattone-rende-più-dei-titoli-di-stato

Nel corso degli ultimi dieci anni, gli immobili hanno reso tra il 7% e il 2,75%, al contrario dei titoli di stato che talvolta hanno generato anche rendimenti negativi. 

Tale trend incoraggia gli investitori nazionali e internazionali a puntare sempre più sul mattone rispetto all’investimento monetario, che oggi rende solo lo 0,72% (titoli di Stato). 

Focalizzandoci sull’investimento immobiliare a Milano, investire in un negozio situato lungo le Secondary Street oggi rende il 4,75%, mentre le vetrine delle High Street hanno un rendimento più contenuto, dovuto ad una maggiore richiesta, che si aggira intorno al 3,5%.
(altro…)

Leggi Tutto
Innovazione

I Professionisti più richiesti sul web nel 2019

top-ten-professioni-più-richieste-web

L’utilizzo del web per rispondere in maniera facile e veloce ad una propria necessità non riguarda più soltanto i beni fisici, ma coinvolge anche il mercato dei servizi. Lo sanno bene quei professionisti che si occupano di fornire una prestazione nel settore casa o in ambiti rivolti al benessere e alla formazione della persona, e scelgono di allargare la propria base di clienti attraverso canali di promozione online. ProntoPro.it, portale di riferimento per il settore in Italia, ha proprio l’obiettivo di mettere in contatto domanda e offerta di servizio professionale, e, basandosi su un database di 400.000 professionisti iscritti, ha stilato l’annuale classifica dei servizi più richiesti online nel 2019.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Mercato immobiliare rustici & casali

mercato_immobiliare_rustici_casali

La casa in campagna, un luogo senza tempo dove rifugiarsi nei fine settimana e “staccare” dalla frenesia quotidiana tra paesaggi verdi e tranquillità, è il sogno di molte persone.

Ed è per questo che il mercato dei casali e dei rustici è una nicchia sempre presente nei progetti immobiliari degli italiani e non solo, ricca di fascino e di interessanti potenzialità.

È un mercato per amatori, ma anche per investitori che comprano per mettere a reddito l’immobile o per avviare un’attività turistico ricettiva come B&B.

La vocazione turistica del Bel Paese è indubbia e ogni regione offre meravigliose cascine o casali circondati da vigneti e frutteti, con panorami che lasciano senza fiato.

L’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato questo segmento e si è concentrato sulle zone in cui il “parco immobiliare” delle agenzie affiliate costituito da rustici e casali è maggiormente prospero. Disegnando una sorta di mappa che attraversa la nostra nazione facendo emergere le caratteristiche tipiche delle varie regioni e “scovando” anche mete nascoste ai più.

Prima di addentrarci nel viaggio tra campagne e poderi, riportiamo alcuni utili consigli per avvicinarsi all’acquisto di queste tipologie immobiliari.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Milano meta di Tax Free Shopping

tax-free-shopping-milano

Il Tax Free Shopping sta diventando una leva sempre più importante per l’economia del mercato turistico, in Europa e in Italia: negli ultimi sei anni il settore degli acquisti di lusso dei turisti extra- UE è cresciuto del 5% a livello europeo e del +7% nel nostro Paese. È quanto emerge dai dati presentati da Global Blue, società leader nei serizi di Tax Free Shopping, duranre “Shopping Tourism- il forum italiano“, l’appuntamento annuale dedicato al fenomeno dello shopping tourism in Italia ideato e organizzato da Risposte Turismo, società di ricerca e consulenza a servizio della macroindustria turistica.
(altro…)

Leggi Tutto
Marketing

Cresce il Fintech, ecco cosa cercano sul web gli italiani su banche e finanza

cosa-cercano-su-web-italiani-banche-finanza

Lo sviluppo delle Fintech nel mondo finanziario sta trasformando il modo in cui le persone gestiscono i soldi, le transazioni e gli affari, dando vita a un settore sempre più improntato all’utilizzo del web e delle ultime tecnologie digitali. Il cambiamento che stiamo vivendo comporta un’evoluzione anche nelle strategie di marketing delle organizzazioni finanziarie che intendono rimanere competitive nel contesto di uno spazio digitale in continua crescita.

A causa del ruolo in continua espansione della Fintech all’interno del mondo finanziario, la piattaforma web marketing SEMrush ha raccolto e analizzato dati provenienti dagli ecosistemi digitali a livello nazionale.
(altro…)

Leggi Tutto
Economia/Imprese

Logistica, 500.000 posti a rischio entro il 2027

logistica-500.00-posti-rischio-2027

Anche se troppo spesso non le si attribuisce la centralità che merita, la logistica conta complessivamente 2,5 milioni di occupati in Italia nei diversi comparti economici e continua a crescere dal punto di vista occupazionale: dal 2014 al 2018 l’occupazione del settore è salita del +4,9%, rispetto ad una media italiana del +3,5% nello stesso periodo. Ma sono ben 500 mila i posti di lavoro potenzialmente a rischio nella logistica nel nostro Paese entro il 2027 per l’impatto dirompente della digitalizzazione (dall’automazione dei veicoli e carrelli, alla sostituzione di lavoratori in ufficio), mentre almeno 600mila lavoratori dovranno radicalmente aggiornare le loro competenze per stare al passo con i cambiamenti. L’innovazione che sta investendo il settore richiederà però anche nuove professioni: il numero di nuovi occupati, tra nuovi profili e riconversioni, potrebbe superare da qui al 2027 quello delle professioni a rischio, se la logistica saprà affrontare con successo nuove grandi sfide per il futuro del lavoro.

Sono i risultati del rapporto “Le nuove sfide per il futuro del lavoro nella logistica” di Randstad research, presentato a Piacenza al convegno “Il futuro dei profili professionali della Logistica”. Come primo progetto, il centro di ricerca autonomo e indipendente sul lavoro del futuro, il cui comitato scientifico è presieduto da Enrico Giovannini, ha scelto di mettere sotto la lente un settore che è specchio dinamico dei cambiamenti nel mercato del lavoro.
(altro…)

Leggi Tutto
1 2 3 151
Pagina 1 di 151