close

Style

protagonisti e progetti, la creatività va in scena

Style

Edilizia, un piano da 30 miliardi

Investimenti massicci per riqualificare le città e le infrastrutture pubbliche: sia per contrastare la crisi, sia per curare il disagio sociale che alimentai focolai antieuropeisti. Lo hanno chiesto i costruttori dell’Ance, riuniti ieri a Roma nell’assemblea annuale, al quale è intervenuto il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio.

“Lo shock provocato dalla Brexit ha portato alla ribalta l’insostenibilità del dogma dell’austerità, che troppi anni ha guidato la politica europea”, ha esordito il presidente Claudio De Albertis parlando alla platea degli associati. “Secondo le nostre valutazioni sarebbe possibile mettere in campo 30 miliardi di euro nei prossimi tre anni, attraverso l’utilizzo delle risorse esistenti e una rinnovata flessibilità negli investimenti”.

(altro…)

Leggi Tutto
Style

Le case in vendita a Torresina di Progedil 90

Le case in vendita a Torresina di Progedil 90

Nuovi cantieri nel PdZ Torresina 2 per Progedil 90, che punta su una nuova realtà all’interno del Grande Raccordo Anulare. Si tratta di una zona che offre numerosi vantaggi, anche perché è già servita dai mezzi di trasporto pubblici e, in più, è vicina alla fermata Mattia Battistini della metropolitana A. Chi è in cerca di case in vendita a Torresina, quindi, può fare riferimento ai nuovi interventi immobiliari che sono realizzati in quest’area, con numerose proposte relative ad appartamenti in edilizia convenzionata che fanno parte di palazzine signorili ed eleganti. Appartamenti di numerose tipologie, in grado di soddisfare le esigenze più diverse, anche in base al nucleo familiare.

Tutte le abitazioni sono state progettate, realizzate e messe a punto per assicurare il migliore comfort possibile, ma anche per favorire un notevole risparmio energetico, limitando per quanto possibile i consumi: per esempio, l’impianto di produzione e di riscaldamento dell’acqua sanitaria è centralizzato e dotato di ripartitore a consumo, grazie a un contabilizzatore del calore; inoltre, il riscaldamento degli ambienti è reso possibile dall’impiego di pannelli radianti a pavimento. E non è tutto: sfruttando le energie rinnovabili, un impianto solare termico contribuisce alla produzione dell’acqua calda sanitaria, con benefici evidenti sia dal punto di vista ambientale che dal punto di vista del contenimento dei costi.

Grande attenzione, poi, è stata riservata a ogni dettaglio estetico: le finiture interne sono curate alla perfezione, come dimostra il ricorso al gress ceramico porcellanato nei bagni o al parquet prefinito per il pavimento delle camere e della zona giorno, con la solidità, la longevità e le straordinarie venature del legno di rovere. L’isolamento, sia acustico che termico, è frutto della presenza di finestre in legno con vetrocamera, che garantiscono un elevato livello di coibentazione, mentre il portone di ingresso blindato è garanzia di sicurezza e di protezione dagli eventuali tentativi di intrusione da parte dei malintenzionati.

Nell’ambito del Piano di zona Torresina 2, quindi, gli appartamenti messi a disposizione da Progedil 90 si inseriscono in un complesso residenziale che si caratterizza per la presenza di grandi spazi verdi: il tutto, a pochi passi da tutte le comodità offerte dalla vita di città. Il complesso, infatti, è completamente immerso nel verde, e prevede palazzine raffinate e di classe contraddistinte da uno stile moderno, in cui l’attenzione per l’estetica si coniuga con la sensibilità per l’ambiente.

Come detto, la zona è ampiamente servita: il quartiere si trova nei pressi di Torrevecchia ed è collegato con molte linee Atac, tra le quali la 916, che giunge a Torresina per poi andare a Monte Mario: in questo modo, i ragazzi possono andare a scuola in autobus sfruttando un percorso breve e senza essere costretti a cambiare mezzo. Se poi ci si vuole recare in centro, non c’è niente di più comodo della metropolitana. La vicinanza al centro commerciale Torresina e la disponibilità di appartamenti di varie metrature, con un numero di locali differente di caso in caso, sono motivi ulteriori per prendere in considerazione l’idea di scoprire più da vicino le case in vendita a Torresina proposte da Progedil 90.

Leggi Tutto
Style

Tornano I Saloni WorldWide a Mosca

salone mobile milano

L’edizione del Salone del Mobile di Milano torna come ogni anno nella sua edizione moscovita e preannucia importanti novità ed ospiti all’insegna dei nuovi trend mondiali dell’home forniture, dell’ecosostenibilità e i nuovi designer emergenti da tutto il mondo.

Giulio Gargiullo Online Marketing Manager fra Italia e Russia conferma le molteplici opportunità per gli operatori del settore: sia per esporre che per sviluppare business nella Federazione Russa e in tutto il mondo con clientela in cerca di alta qualità, spesso italiana . I Saloni WorldWide Moscow 2015 tornano armai alla loro 11o edizione con successo assicurato dati i risultati entusiasmanti dell’edizione dell’anno precedente: 42.818 gli operatori, 402 giornalisti e 557 espositori di cui 494 italiani e 63 da Belgio, Francia, Germania, Olanda e Spagna. L’evento avrà luogo a Mosca dal 14 al 17 ottobre 2015 presso l’area espositiva Crocus Expo della capitale russa. Commenta l’evento Giulio Gargiullo Online Marketing Manager fra Italia e Russia da più di dieci anni: I Saloni Moscow rappresentano un appuntamento fondamentale per architetti, studi di architettura, design, developer, designer, ma anche ingegneri e agenti immobiliari che vogliono scoprire le ultime novità nell’ambito dell’architettura e dell’arredo con tantissime aziende italiane ed internazionali che sfoderano le loro migliori creazioni e idee in questo evento”. Giulio Gargiullo segnala le opportunità per le aziende italiane e non solo: “Una grande opportunità certamente per le aziende che espongono a Mosca al Crocus Expo, ma anche per tutti gli operatori che direttamente o indirettamente hanno a che fare con la casa, l’arredo e l’architettura di alto livello e che quindi intendono anche avviare partnership o fare business con la Russia o altri paesi” Giulio Gargiullo sta organizzando, a margine dei I Saloni WorldWide Moscow, alcuni incontri di business fra operatori del settore che intendono trovare clienti o vendere in Russia.

L’evento che si tiene ogni anno a Mosca presso il noto centro espositivo Crocus Expo presenterà il meglio del settore dell’arredo-casa contraddistinta come al solito da una grande qualità dei prodotti e dalla vastità della scelta degli espositori: arredi agli imbottiti, apparecchi per l’illuminazione, cucine, mobili da ufficio, complementi, arredo-bagno, tessile. L’area espositiva del Crocus Expo di Mosca è di ben 19.000 metri quadrati ed ospiterà gli espositori ripartiti nei settori Design/Moderno nei padiglioni 7 e 8 e Classico nei padiglioni 10 e 11. Il SaloneSatellite WorldWide Moscow è alla sua decima edizione e si conferma il punto di lancio per i giovani designer russi e dei Paesi ex sovietici. Un’esplosione di novità e innovazione che fa parte degli appuntamenti immancabili dell’evento. D

esign, dell’architettura e dell’ecosostenibilità saranno i temi centrali degli appuntamenti annuali dei Master Classes, organizzati con ICE, Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane. A guidare i workshop saranno gli architetti Riccardo Blumer, Mario Cucinella e Marco Romanelli, con la moderazione a cura della giornalista e critica di design Olga Kosyreva. Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento parallelo con MADE expo WorldWide, manifestazione dedicata all’architettura d’interni e per l’involucro.

Per gli addetti ai lavori I Saloni WorldWide Moscow 2015 gli orati d’entrata saranno dal 14 al 16 ottobre dalle 10:00 alle 18:00 e il 17 ottobre l’evento sarà aperto al pubblico, nella versione a porte aperte, dalle ore 10:00 alle ore 17:00. Giulio Gargiullo Online Marketing Manager specializzato nel mercato russo e dei beni di lusso segnala alcuni dati: “L’Italia è il secondo partner commerciale della Federazione Russa dopo la Germania e l’Italia è il quarto partner commerciale della Russia a livello mondiale. Fondamentale è notare il numero di aziende italiane espongono all’evento rispetto alle aziende internazionali” . Giulio Gargiullo conclude: Ricordo che la Russia si conferma la prima destinazione dell’arredamento made in Italy come mostrato dal rapporto di Consorzio Netcomm e Bain & Company sul settore Home Furnishing sul web. I dati sono stati presentati nell’ambito del Convegno Dalani “@Home 1.0: la casa del futuro è online”, organizzato il 4 giugno 2015 a Milano. Per capire il dell’Italia nel commercio internazionale ed in particolare nel settore del lusso: più dell’80% dei consumatori mondiali acquista i prodotti di alta gamma se sono made in Italy. Un dato significativo che è stato divulgato in un recente studio di Boston Consulting Group, del quale si è parlato al 7° Luxury Summit del Sole 24 Ore”. Giulio Gargiullo è un esperto Online Marketing Manager che da più di dieci anni lavora fra Italia e Russia portando le aziende a vendere e sviluppare business nel settore arredo-design e alcuni settori del lusso.

Leggi Tutto
Style

Come organizzare meglio lo spazio in ufficio

Pareti ufficio

Avere un ufficio organizzato al meglio, è una delle regole più importanti quando si parla di lavoro: uno spazio ordinato e organizzato non solo favorisce l’armonia e la concentrazione di chi opera all’interno di tale spazio, ma contribuisce anche e soprattutto a comunicare ai clienti in visita un’immagine di professionalità e qualità.

A tal proposito, negli ultimi anni le aziende produttrici di mobili e arredo per ufficio, si sono specializzate anche nell’ideazione e nella creazione di pareti divisorie e pareti attrezzate, in modo da ampliare la loro gamma di prodotti offerti e di rispondere in maniera più completa alle varie esigenze dei clienti.

Le pareti attrezzate rappresentano un tipo di arredamento pratico e funzionale, sempre più indispensabile nell’arredamento per ufficio: sono realizzate in uno o più mobili componibili per dare vita alla soluzione ideale per tutte le necessità. Sono costituite da una serie di ripiani e mobili di diverso tipo che, una volta uniti, formano la cosiddetta “parete attrezzata”.

Le pareti attrezzate si adattano prevalentemente ad uno stile di arredo moderno, ma si sposano bene anche con un arredamento più classico, grazie alla loro versatilità di impiego e di costruzione.

Inoltre esiste anche la possibilità di dotare queste pareti con faretti e altri oggetti di illuminazione, in modo tale da poter evidenziare determinate superfici e lasciarne altre meno in rilievo: in questo caso nella parete attrezzata saranno previsti vani per cavi e fili e appositi spazi per nasconderli allo sguardo.

Leggi Tutto
Style

​Rinnovare gli archetipi: una via felice per l’innovazione all’Italiana

ceppi

Avere una storia e confrontarsi con essa, a breve o lungo termine, è una strategia vincente per produrre innovazione, rinnovando la propria cultura ed identità attraverso alcuni milestones.

Oggetti memorabili e unici, archetipi funzionali o immaginari che siano. Tuttavia occorre rimetterli in gioco ed in circolo. Ne è convinto Giulio Ceppi, direttore del Master in Business Design di Domus Academy che ci racconta il perchè in questa intervista.

Cosa vuol dire fare innovazione in Italia? Esiste un rapporto particolare ad esempio tra il nostro passato ed il nostro futuro?

Siamo un paese con una forte tradizione, profondamente legato al proprio passato e alla Storia, e forse a volte ci dimentichiamo di quanto ciò sia un booster potentissimo ed esclusivo per innovare. Innovare non è infatti solo sinonimo di inventare dal nulla e rivoluzionare l’esistente tout court: spesso innovare è la capacità di riscrivere il passato, l’archetipo, il noto, in forma nuova, riferendosi ad un passato ma in forma radicalmente diversa. Se pensiamo alla storia della pittura o dell’architettura ciò è evidente: Giotto non reinterpretava i temi del suo maestro Cimabue ma introducendo nuove tecniche e colori, qualcosa che prima non c’era?

Quindi sostiene che non si inventa mai nulla di nuovo? Che l’archetipo è un assoluto?

Non esattamente, ma diciamo che ad esempio nella storia della pittura i temi religiosi su cui i pittori si confrontano sono sempre gli stessi: annunciazioni, natività, crocefissioni, vite dei santi…Nell’architettura Palladio non reinterpreta secoli dopo il classico? Così non fece Canova in scultura? Allora dovremmo cominciare a ragionare seriamente su quanto vale un archetipo ed esserne in qualche modo considerati i custodi ed i possessori: l’archetipo è un riferimento assoluto e certo, che può essere reinventato e reinterpretato all’infinito. Almeno questo vale quando ci si riferisce alla storia. Può farci un esempio recente a dimostrazione del valore dell’archetipo come elemento di riferimento per il nuovo? Recentemente il nuovo brand BBooks ha lanciato una sfida frontale all’idea del libro in quanto libro, per come l’abbiamo ereditato fisicamente dai tempi di Gutemberg: come ripensare il libro in quanto oggetto? Non quindi un Ebook, ma un nuovo formato oggettuale di libro: nel caso della prima collezione la risposta sono state 9 sfere in essenze pregiate di legno ognuna in 9 pezzi e che contiene al suo interno un codex, ovvero l’archetipo precedente all’invenzione dei caratteri mobili. La stampa qui avviene però digitalmente in continuo e su un tessuto non tessuto, privo di memoria di forma: il tutto protetto da un chip anticontraffazione che dialoga con il tuo cellulare.

Quindi è errato considerare l’archetipo come sinonimo di passato?

Rifarsi ad un archetipo sembra in prima istanza un gesto conservatore, ma non è tale operazione quando si compie un ragionamento attivo e dinamico sul valore dell’archetipo stesso. D’altronde se qualcosa è diventato archetipo, ciò è accaduto perché qualcuno a suo tempo ha innovato, ha agito in maniera concreta tracciando una strada nuova, che assume poi il valore referenziale di un nuovo archetipo. Non è forse un archetipo oggi l’IPhone, di Apple tanto quanto in passato lo era uno Startac di Motorola? La storia del design e degli oggetti industriali è piena di esempi in tal senso: chiaro che oggi la velocità propositiva brucia a volta la durata di quanto sembra essere un archetipo, riducendone la vita rispetto a soluzioni che attraversano indenni i secoli, anzi che con il tempo si rafforzano sempre più. Allora l’archetipo per lei è una sorta di milieu di riferimento, quasi una sorgente di infinite possibili reinterpretazioni: allora è un qualcosa di grande valore, di altamente prezioso ed insostituibile? Assolutamente! Non bisogna perdere memoria dei propri archetipi e la forma migliore per fare ciò è appunto la continua reinterpretazione degli stessi, non lasciandoli abbondonati a se stessi. Pensate al valore di un’automobile come la Porsche 911, che ha saputo rinnovarsi con continuità negli ultimi 50 anni: sempre identica e sempre diversa, un poco come la nave degli Argonauti. Mentre qualcuno ha brutalmente fallito nella celebrazione del proprio archetipo, come nel caso della Volskwagen Beatle, in cui si è banalmente scaduti in un revival estetico primo di veri contenuti. L’industria europea dell’automobile ha usato l’archetipo a obsolescenza rapida come politica per combattere lo strapotere commerciale giapponese: si pensi anche alla recenti operazioni Mini e 500, che paradossalmente trasformano l’auto in un accessorio di moda.

Lei di fatto sta sostenendo che il nuovo viene sempre necessariamente dal vecchio? Che è implicitamente la Storia a garantire il futuro?

Avere una storia e confrontarsi con essa, a breve o lungo termine, è una strategia vincente per produrre innovazione, rinnovando la propria cultura ed identità attraverso alcuni milestones. oggetti memorabili e unici, archetipi funzionali o immaginari che siano. Tuttavia occorre rimetterli in gioco ed in circolo, non celebrarli in maniera passiva e puramente nozionistica. La storia è viva e genera innovazione e trasformazione, come chi fa ed innova può a sua volta presumere di arrivare a generare nuovi archetipi. Forse sono due facce della stessa medaglia e in un Paese carico di storia come il nostro, dovremmo avere la cultura e l’intelligenza di capire che siamo già pieni di innovazione, che la portiamo nel nostro Dna. Ancora una volta guardando il settore alimentare e la lezione di Slow Food possiamo capire che nel nostro patrimonio storico abbiamo elementi a cui possiamo dare nuova vita e garantire un futuro, relazionando locale e globale, materiale e virtuale, analogico e digitale.

Qual è allora un messaggio per i giovani innovatori del nostro paese?

Dobbiamo solo saper vedere le cose con il giusto sguardo e capire che spesso chi ha innovato prima di noi lo ha fatto guardando qualcuno prima di lui e così via, in una catena di relazioni che ci spinge verso il futuro, e non verso il passato, come ci verrebbe facile credere. Il passato è nel non fare nulla. Agire con coraggio porta verso nuovi archetipi.

Leggi Tutto
Style

Le novità del fitness

fitness
Il mondo del fitness non smette mai di rinnovarsi, e dopo aver esplorato alcuni dei più particolari allenamenti, vediamo quali sono le novità di questo autunno per fare esercizio divertendosi.
Dallo spinning senza stress alla zumba su una sedia, le novità di questa stagione sono davvero molto interessanti e, assicurano gli esperti, efficaci.
Emotional Cycle
È una sorta di spinning ma l’obiettivo è annullare la fatica di questo esercizio attraverso un percorso “emozionale”. Si pedala quindi sollecitando i vari sensi dove il trainer guida gli allievi lungo un percorso fatto di suoni, immagini, odori, attraverso filmati e aromi. Tonificherete i muscoli e smaltirete calorie senza stress.
Piloxing
È un allenamento workout da svolgere a piedi nudi con guanti dotati di pesi. Mixa una serie di esercizi provenienti dalla boxe, la danza e il pilates e coinvolge tutta la muscolatura.
Bokwa
Una sorta di danza libera per bruciare calorie al ritmo di kwaito. Una musica molto ritmata eseguita con strumenti africani, sulla quale si balla senza una coreografia precisa, cercando di disegnare con i piedi lettere o numeri.
Zumba Sentao
Una sorta di zumba per i più pigri ma efficace come quella tradizionale. Si utilizza una sedia, che diventa l’attrezzo da palestra d’elezione per questo allenamento.
Power Plate
Per un allenamento “vibrante” il Power Plate è quello che fa per voi. Si eseguono una serie di esercizi come squat e sollevamenti sulle braccia stando su questa piattaforma vibrante, in grado di stimolare meccanicamente i muscoli. In poco tempo si possono raggiungere risultati notevoli. Ideale per chi vuole tonificare il corpo ma non ha molto tempo.
Il mondo del fitness non smette mai di rinnovarsi, e dopo aver esplorato alcuni dei più particolari allenamenti, vediamo quali sono le novità di questo autunno per fare esercizio divertendosi e per il proprio benessere fisico.
Dallo spinning senza stress alla zumba su una sedia, le novità di questa stagione sono davvero molto interessanti e, assicurano gli esperti, efficaci.
Emotional Cycle
È una sorta di spinning ma l’obiettivo è annullare la fatica di questo esercizio attraverso un percorso “emozionale”. Si pedala quindi sollecitando i vari sensi dove il trainer guida gli allievi lungo un percorso fatto di suoni, immagini, odori, attraverso filmati e aromi. Tonificherete i muscoli e smaltirete calorie senza stress.
Partendo dal concetto di wellness è stato elaborato, ad esempio da IRO Medical Center, un programma specifico dedicato a tutti coloro che hanno il desiderio di fare dell’attività motoria una fonte di benessere psicofisico, non limitandosi alla muscolazione o alla perdita di peso. Questa è la filosofia di “IRO Medical Fitness”, l’innovativo programma arrivato a Bergamo: cura della salute, scelta di obiettivi individuali e un approccio su misura all’attività fisica.

Piloxing
È un allenamento workout da svolgere a piedi nudi con guanti dotati di pesi. Mixa una serie di esercizi provenienti dalla boxe, la danza e il pilates e coinvolge tutta la muscolatura.
Bokwa
Una sorta di danza libera per bruciare calorie al ritmo di kwaito. Una musica molto ritmata eseguita con strumenti africani, sulla quale si balla senza una coreografia precisa, cercando di disegnare con i piedi lettere o numeri.
Zumba Sentao
Una sorta di zumba per i più pigri ma efficace come quella tradizionale. Si utilizza una sedia, che diventa l’attrezzo da palestra d’elezione per questo allenamento.
Power Plate
Per un allenamento “vibrante” il Power Plate è quello che fa per voi. Si eseguono una serie di esercizi come squat e sollevamenti sulle braccia stando su questa piattaforma vibrante, in grado di stimolare meccanicamente i muscoli. In poco tempo si possono raggiungere risultati notevoli. Ideale per chi vuole tonificare il corpo ma non ha molto tempo.
Leggi Tutto
1 2 3 13
Pagina 1 di 13